Blog di

Paesaggi dello Stivale di Gianmaria Sforza

Sul tetto un'architettura che scotta. A Milano solo per pochi mesi.

Blog post del 14/12/2011

Sul tetto di un edificio privato ottocentesco a Milano, tra il Duomo e la Galleria, il 19 dicembre apre un ristorante "stellato " esclusivo da diciotto posti. Si chiama The Cube ma più che un cubo sembra un insetto meccanico, di quelli che, nei film di science fiction, a un certo punto ti si rivoltano contro. Eccolo lì algido e appollaiato sullo spigolo, appena sospeso, un corpo estraneo al contesto, tecnologico e parassita, arrivato da chissà dove. 

A dire il vero proprio qui potrebbe stare la sua intelligenza, paradossalmente, quella di ribadire la bellezza intoccabile di certi luoghi, dove certe intrusioni, anche solo temporanee, rompono l'incanto.

The Cube nasce da un'idea di Park associati e di Electrolux: "dopo anni di abusi edilizi e poi di legali recuperi di sottotetti che tanto hanno modificato lo skyline cittadino spesso in maniera non condivisibile, finalmente la coscienza della cittadinanza lombarda ha avuto un moto di interesse etico", dicono Filippo Pagliani e Michele Rossi, i titolari dello studio. 

Non è proprio come dice Michele De Lucchi, "una piccola architettura, un abitacolo, un nido forse, in alto, in cima a una rupe, a un monumento, a un edificio pubblico, non importa dove, ma in un posto bellissimo e con un bellissimo e inedito panorama."

Tutto si può dire, ma forse si dovrebbe ragionare del concetto di lusso radicato in certi ambienti, soprattutto legati al commercio, al marketing, al branding, al design. 

Se fosse stato un bar panoramico aperto al pubblico, a prezzi accessibili, per godere di un panorama unico (e in fondo pubblico), invece che un ristorante per pochi, sarebbe stata una pubblicità migliore? Oppure una comunicazione meno sfacciata. Questo forse è il punto: in architettura l'opportunità ha il suo peso... D'altra parte a Milano ATM si è inventata, per far buona comunicazione, o chissà un buon servizio ai turisti stranieri, l'ATMosfera, una cena in tram in giro per la città (non proprio a buon prezzo). Quando ci è passato davanti l'altra notte alla fermata pensavamo fosse uno scherzo.

Prenotate invece la vostra notte londinese qui, nell'installazione sul tetto della Queen Elizabeth Hall, al Southbank Centre di Londra, opera dell'architetto David Kohn, in collaborazione con l'artista Fiona Bannerm, vincitori del concorso A Room for London. L'iniziativa è promossa da Living Architecture e Artangel, per nulla sponsor commerciali come in questo caso a Milano, ma agenzie specializzate nel promuovere l'arte e l'architettura contemporanee. L'installazione farà parte del festival London 2012.

 

COMMENTI /

Ritratto di Gianmaria Sforza
Gio, 15/12/2011 - 15:36
polisforza
<p>Ecco, vede? Lei &egrave; abbastanza d&#39;accordo con noi.</p>
SHARE
RESTA AGGIORNATO
Iscriviti per non perdere gli articoli e i post del giorno.
Acccetto le condizioni sulla privacy

BREAKING NEWS

Un documento di propaganda dell’Isis in italiano

Si intitola “Lo Stato Islamico, una realtà che ti vorrebbe comunicare' e firmato” ed è un documento di 64 pagine con traduzioni dai materiali in inglese

Smemoranda

I negativi di maicol&amp;mirco

Maicol&amp;Maicol

 

La strada che affonda nel mare

In Francia un’isoletta è raggiungibile solo con la bassa marea. E hanno messo dei pali di sicurezza
SHARE

La felicità è solo una formula chimica

L’approccio può sembrare troppo arido, ma la verità è questa. Chi vive nei romanzi si rassegni
SHARE

Cinque parole che in origine significavano tutt’altro

Da "casino" a "siringa", il senso era del tutto diverso, ma la storia ha deciso che cambiasse tutto
SHARE

Altro che stelle: il miglior oroscopo è quello musicale

Quale canzone dominava la hit parade quando siete nati? Questo sito lo rivela e vi dice anche di più
SHARE

PRESI DAL WEB

Come nasce un capolavoro: il backstage del video di Razzi

Immagini rubate mostrano Antonio Razzi, sul lungomare di Pescara, mentre canta e balla per il suo videoclip "Famme cantà"

La politica non basta più, e Antonio Razzi diventa cantante, con "Famme cantà"

Il brano è una sorta di auto-presa in giro del discusso e discutibile politico, che riprende sue frasi diventate tormentoni e le mette in musica