Blog di

di Gemma Musicco

Insciallah, di Oriana Fallaci

Blog post del 8/03/2013
Parole chiave: 
Argomenti: 

Sono di parte: è uno dei miei libri preferiti. Ma chiunque, credo, rimarrebbe affascinato da questa storia che dopotutto è la storia di ciascuno di noi, o almeno di chi è assetato di vita vera. Perché Insciallah di Oriana Fallaci (ed. Rizzoli, pp. 795) non è solo un diario di guerra, né un romanzo storico. E’ questo e altro insieme. Forse, un lungo racconto alla ricerca della propria esistenza, del grande perché, della formula della vita.

Insciallah

Protagonista è Angelo, poco più che ventenne, soldato a Beirut. Prima della cartolina “accettava l’esistenza senza discuterla, con la disinvoltura di un animale che mangia, beve, dorme e amoreggia a suo piacimento. Ora, invece, non si godeva nulla. Aveva sempre i nervi a fior di pelle, sprofondava sempre di più nelle foschie d’una rivolta priva di bersagli precisi, nelle nebbie d’una metafisica angoscia, e non faceva che masturbarsi il cervello in sbigottiti perché. Ad esempio, perché si trovasse qui, perché avesse scelto un mestiere che non si addiceva al suo carattere e alla sua struttura mentale cioè il mestiere di soldato, perché con quel mestiere avesse tradito la matematica. […] Era il disagio che lo disorientava dacché aveva scoperto di ignorare chi fosse, che cosa volesse, in che cosa consistesse la Vita”.

Angelo si chiede perché c’è la vita, se a vincere è la morte, che cosa è l’amore e se lo chiede attraverso una equazione matematica: S = K ln W di Boltzmann. Così in un mosaico di eventi e avvenimenti, in un susseguirsi di episodi e storie, il romanzo si arricchisce di una moltitudine di personaggi, veri, reali, umani. Ci sono i bambini che la guerra tradisce, i ragazzi partiti con l’idea che la guerra fosse un gioco, molte donne tra cui la splendida e misteriosa libanese Ninette. E’ in questo labirinto di voci che la Fallaci scava nell’animo umano, nel cuore di Angelo in particolare, “per dimostrare che la Morte è lo strumento della Vita, il cibo della Vita, e morire una semplice battuta d’arresto, una pausa di riposo, un breve sonno per prepararsi a rinascere, a rivivere, per rimorire sì ma per rinascere ancora, rivivere ancora, vivere vivere vivere all’infinito”.

Sul palcoscenico di una guerra vera, affiora un’altra guerra tra il bene e il male, l’amore e il dolore, il tempo e l’eternità, il destino e il caso. La stessa guerra che vive ciascun uomo alla ricerca di un’esistenza vera, piena e felice nonostante le sempre presenti difficoltà. Ecco perché ti sembrerà di leggere la tua, di storia.

Parole chiave: 
Argomenti: 
RESTA AGGIORNATO
Iscriviti per non perdere gli articoli e i post del giorno.
Acccetto le condizioni sulla privacy

BREAKING NEWS

Codacons: bonus di 80 euro, nessun effetto sulle spese di Natale

La stima dell’associazione dei consumatori: “le famiglie ridurranno gli acquisti di Natale mediamente del -5% rispetto al 2013”

Kenya, uomini armati assalgono un bus e uccidono 28 passeggeri

Nessuna rivendicazione è ancora arrivata. Il bus, con 60 passeggeri, era partito dal confine con la Somalia

La mappa dei meteoriti che cadono sulla Terra

Il nostro pianeta è bersagliato da corpi che provengono dallo spazio. L’atmosfera è un ottimo scudo
SHARE

Istruzioni per stringere nuove amicizie anche da adulti

Matrimonio e carriera impediscono nuovi legami. Essere soli è più rischioso che essere fumatori
SHARE

Spiare l’intimità degli abitanti di Parigi

Una fotografa americana ha ripreso la vita privata di alcuni cittadini, catturando momenti unici
SHARE

La mappa che rivela quanto è rumorosa la tua città

Applicazioni e mappe di centri europei monitorano l’inquinamento acustico
SHARE
Quitaly Compra la raccolta dei reportage di Quit su Amazon e Ibs.it

PRESI DAL WEB

Come Barilla si è trasformata in un’azienda paladina dei diritti dei gay

Dopo l’uscita di Guido Barilla, la società ha finanziato associazioni gay, esteso programmi sanitari a transgender e usato una coppia lesbica in una promozione

Cosa pensano gli indiani che vanno a visitare Auschwitz

Riflessioni di un turista orientale di fronte a una delle pagine più oscure della storia dell’Occidente

Ritratto di Nick Sloane, l’uomo che salva le navi

Lo abbiamo conosciuto per il recupero della Costa Concordia al Giglio. Al momento, è uno degli uomini più preziosi del mondo del mare