Blog di

di Ostinata Poesia

Borges e abiti stampati in 3D alla Parigi Fashion Week. Iris Van Herpen sfila col Mit Media Lab

Blog post del 24/01/2013
Argomenti: 

Iris-van-Herpen-3d-fashion

 

Hanno sfilato sulla passerella della Parigi Fashion Week gli abiti "concettuali" stampati in 3D della stilista tedesca Iris van Herpen. Nemmeno trentenne e già alla sua undicesima collezione, l'artista non è nuova a sperimentazioni del genere. I suoi abiti tridimensionali sono difatti già stati annoverati dal Times tra le 50 migliori invenzioni del 2011

 

La nuova collezione ha carattere corale e multidisciplinare, in linea con la sua solita filosofia di metodo, che racconta a Vogue  "Se fossi sempre da sola-spiega-a un certo punto mi bloccherei, incapace di valutare il mio lavoro. Non sono una fan dell'individualismo esasperato nella moda. Quello che amo delle collaborazioni è che gli altri possono introdurmi a mondi che non conoscevo prima. Cerco sempre un certo equilibrio tra ragione e intuitoe alle volte occorre smettere di pensare e le cose iniziano a girare in un modo inatteso ma più impressionante ed esaltante."
Le forme surreali presentate a Parigi per il suo Haute Couture show, 'VOLTAGE', sono espressione dell'incrocio del suo estro con la tecnologia della Stratasys, azienda leader nella stampa 3De la scienza del Mit Media Lab, in un mix tra arte, poesia e digital design. La rappresentazione pratica e metaforica che ha animato la passerella è frutto della collaborazione tra l'artista e più menti, quella della giovane architetto Julia Koerner e quella del professor Craig Carter , del dipartimento di Scienze dei Materiali e Ingegneria, e, soprattutto, di Neri Oxman, nota designer, assistente docente al Mit (Massachusetts Institute of Technology) Media Lab.

Le recenti ricerche e opere della Oxan, in particolare, hanno impressionato la Van Herpen illuminandola per un nuovo progetto. Esposte al Centro Pompidou, a Parigi, la scorsa primavera, le Essenze immaginarie, Mitologie del non ancora della professoressa d'Arte del Mit sono ispirate al Libro degli Esseri immaginari di Borges, e stampate in 3D in tecnologia stratasys, che consente il dosaggio di materiali differenti nella stessa creazione.

Imaginary Beings: Mythologies of the Not Yet from Mikey on Vimeo.

Affascinata, Iris van Herpen ha provato a fare di oggetti sospesi e immaginari come quelli contemplati dalla Oxman degli abiti indossabili, capaci di di vestire il corpo umano e di accompagnarne i movimenti. 

 

"Il progetto ha reso le essenze immaginare delle essenze indossabili, abbiamo disegnato algoritmi dinamici...", racconta la stilista. La collezione include 18 modelli stampati in 3D da Stratasys che ciascuno può indossare, ispirati dunque anch'essi al Libro degli Esseri Immaginari di Borges, più un vestito ideato insieme all'architetto Julia Koerner, specializzata in computational Design stampato da Materialize.
 
NB. Per approfondire e vedere delle belle foto dalla sfilata parigina, che presto approderà anche al Mit, seguite questo link Stratasys and Materialise 3D printed dress hit Paris Fashion Week at Iris van Herpen show
 
 
 
 
 
Argomenti: 
RESTA AGGIORNATO
Iscriviti per non perdere gli articoli e i post del giorno.
Acccetto le condizioni sulla privacy

BREAKING NEWS

Precari della scuola, l’Italia condannata dalla Corte di giustizia Ue

La sentenza della Corte europea viene dopo i ricorsi del sindacato che richiamavano le norme europee contro l’abuso dei contratti a termine nel pubblico impiego

Ferguson, nuovi scontri nella notte. Obama: "Stop alle violenze"

Lo scorso agosto il poliziotto Darren Wilson ha ucciso il 18enne afroamericano Michael Brown

Iva, Tasi e bollo auto. Ecco tutte le altre tasse più evase dagli italiani

Oltre 130 miliardi di euro sottratti ogni anno all’Erario

Un anno di CO2: cosa succede nei cieli della Terra

I viaggi dell’inquinamento atmosferico in una simulazione molto chiara della Nasa
SHARE

Altro che Gates: il più ricco della storia è lui

Si chiamava Mansa Musa. Regalava tanto oro che, passando per l’Egitto, fece crescere l’inflazione
SHARE

L’atlante dei Paesi felici e di quelli infelici

La sperequazione della ricchezza è un male, ma quella della felicità forse è anche peggio
SHARE

Ferguson, in rete i documenti utilizzati dal Gran Giurì

I giurati hanno giudicato le prove insufficienti. Qui si può capire se la decisione è motivata o no
SHARE
Quitaly Compra la raccolta dei reportage di Quit su Amazon e Ibs.it

PRESI DAL WEB

Indiane d’America: la storia oscura di donne dimenticate ma libere

Nessuno conosce, a parte Pocahontas, un nome di squaw famose. Eppure, prima della conquista, vivevano in società molto più egalitarie di quelle europee

Leonardo Di Caprio e Angelina Jolie: come l’Onu sceglie i suoi ambasciatori

Non tutte le celebrità possono rappresentare l’Organizzazione. È un mix di marketing e di politica do tu des

Messico: altri 31 studenti rapiti da uomini armati

Dopo l’uccisione dei 43 studenti di Iguala, lo stesso accade al villaggio vicino di Cocula