Blog di

di Ostinata Poesia

C'è solo una taglia per sorridere: la tua

Blog post del 23/05/2013
Parole chiave: 
Argomenti: 

Anche per una donna l'ideale sarebbe non avere modelli e vivere serenamente il proprio corpo e la propria taglia, quali essi siano nei diversi tempi biologici ed emotivi della propria vita. Così pare essere per queste ragazze dell'Ariziona. Beate loro

 

DONNE GRASSE E FELICI

 

Semiseria DICHIARAZIONE DI INSICUREZZA- Sia chiaro: non è mia intenzione suggerire l'equazione grasso è bello o addirittura sano... Se potessi perderei alla svelta i 5 chili che ho messo su nell'ultimo anno, non perché non mi senta bene nelle mie forme generose, ma perché in foto vengo meglio in una 40 che in una 42. Allo specchio è un viceversa, ma, si sa, siamo nell'era del narcisismo digitale, come altre donne "esisto" e "sono" come e in quanto taggata e citata da qualche parte. Immortalata anche dalle prospettive meno fortunate, sono consapevole che le attenzioni sui pixel che mi porto in giro sui social non sono a quel che sono ritratta a fare, ma a quanto spazio occupo nell'economia dell'immagine, a come paiono più o meno in piega i miei capelli, a quanta pelle lascia scoperta il vestito, a quale forma prendono le mie curve, se a mandolino, clessidra, mela o mongolfiera.

 

ORA ESISTE UNA SOLA TAGLIA PER ESSERE BELLA E FELICE, LA TUA

SI INGRASSA. quindi?- Se potessi dimagrirei, per sentirmi più in forma-certo-ma soprattutto per venir meglio in foto. "Pazza", concordo, mi tengo nella norma. "Complessata", evidente anche a me dopo aver scoperto le immagini che condivido in questo post. Sono di ragazze come tante, nude e per nulla imbarazzate per questo. Grasse, e per niente spaventate neanche per quest'altro motivo. Capita anche nelle "migliori famiglie" di prender su peso. Succede anche a quelle più agiate che possono far spesa alla "boutique" del "mangiar sano" (cit @Mariopaps, Mario Pappagallo, giornalista medico scientifico) Alle volte per una educazione alimentare sbagliata, altre perché il cibo spazzatura costa comunque di meno e/o dà pure una certa dipendenza, altre ancora per una strafottente e femminile propensione a dare alle emozioni una connotazione "orale", con fiumi di parole o fiumi di calorie buttati fuori o portati dentro senza perché e senza grazia. Poi può succedere anche di avere problemi alla tiroide, come suggerisce qualcuno su facebook...e lì-come in casi che non cito-il cibo spazzatura, le emozioni e le abitudini non c'entrano tanto...Infine-perché no-magari ci si preferisce tonde e morbide e ci si mette volontariamente all'ingrasso.

ESISTE UNA SOLA TAGLIA PER ESSERE FELICE, LA TUA, da www.themilitantbaker.com

CAPITA- Quali che ne siano caso e ragione può accadere di accumulare ciccia e acqua intorno allo scheletro, e di continuare a sorridere, lavorare, innamorarsi, fare la spesa, andare al cinema, dal tatuatore, dal medico, pagare le tasse...e così via. E in tutto ciò si può comunque restare bellissime. A volte è la spensieratezza con cui ci si gode l'attimo a fare la differenza tra una donna che (si) appare in pena per se stessa e per i giudizi altrui, ed una forte e fiera di quanto dal suo di dentro continua a splendere nonostante la barriera di adipociti bruni e bianchi accampati sulle ossa. Con entusiasmo, poi, si può anche farli sgomberare, piano piano, anche e soprattutto per la propria salute, ma questo è un altro discorso. 

ESISTE UNA SOLA TAGLIA PER ESSERE FELICE, LA TUA, da www.themilitantbaker.com

 

NB. Le foto sono prese da Themilitantbaker.com, sito di Jes M.Baker, cuoca, artista e modella di Tucscon, in Arizona. In particolare sono una selezione dal suo progetto The Body Images...

JES M-BAKER

EDIT-Sì, la stessa Jes M. Baker che al motto di "Grassa e attraente" ha posato nella campagna di provocazione contro Abercrombie & Fitch, brand accusato di non portare nei negozi capi d'abbigliamento femminili "curvy", come jeans che vadano oltre la 46 italiana. Ne avrete sentito parlare...

L'avevate riconosciuta?

JESS. ESISTE UNA SOLA TAGLIA PER ESSERE FELICE, LA TUA, da www.themilitantbaker.com

Parole chiave: 
Argomenti: 

COMMENTI /

Ritratto di Anonimo
Ven, 24/05/2013 - 07:54
Anonimo
a me piaci moltissimo!!
SHARE
Ritratto di Ostinata Poesia
Sab, 25/05/2013 - 02:49
il portaforse
grazie:D
SHARE
Ritratto di Marco Giovanniello
Ven, 24/05/2013 - 14:16
mgiovanniello
"può accadere di accumulare ciccia e acqua intorno allo scheletro, e di continuare a sorridere, lavorare, innamorarsi, fare la spesa, andare al cinema, dal tatuatore, dal medico, pagare le tasse...e così via. " Sicuramente sì, ma "E in tutto ciò si può comunque restare bellissime. " questo no, pensarlo e scriverlo è prendersi in giro.
SHARE
Ritratto di Ostinata Poesia
Sab, 25/05/2013 - 02:50
il portaforse
Sarà...a me queste donne piacciono, per me sono bellissime
SHARE
RESTA AGGIORNATO
Iscriviti per non perdere gli articoli e i post del giorno.
Acccetto le condizioni sulla privacy

BREAKING NEWS

Bachelor of Arts in Lingua, letteratura e civiltà italiana

Caffeina ed energia: cosa si scatena nel cervello

Adesso che l'avete bevuta, vi facciamo vedere cosa succede tra i vostri neuroni (e non vi piacerà)
SHARE

Gli snack più antichi del mondo che ancora mangiamo

Dai pop corn fino ai salatini. Li mangiamo da sempre, ma sappiamo da dove vengono?
SHARE

Suggerimenti per costruire una memoria potentissima

Per molti la memoria è un problema, ma seguendo questi consigli potrete allenarla a dovere
SHARE

La nostra vita trasformata in un videogioco

Un software permette di riprodurre situazioni tipiche della quotidianità, per capire come agire
SHARE
Quitaly Compra la raccolta dei reportage di Quit su Amazon e Ibs.it

PRESI DAL WEB

Il reportage al tempo del marketing: il giornalismo di viaggio genera turismo

Sull’ascesa e il declino della narrativa di viaggio, che si è trasformata in narrativa di turismo: racconti nati per fare restyling e non informazione

La nuova macchina da soldi di Hollywood? Si chiama Youtube

Una volta le grandi aziende cinematografiche facevano causa al sito. Adesso, invece, ci scommettono sopra

Imparare una lingua? Significa imparare a recitare una nuova identità

Storia del difficile apprendimento del francese da parte di un madrelingua inglese: i progressi linguistici sono solo il segno dell'ingresso in un nuovo mondo