Blog di

di Ostinata Poesia

Donne e tabù. Le modelle boteriane di Buffet Froid

Blog post del 20/02/2013
Argomenti: 

 

Bisogna spiegarlo alle bambine, alle adolescenti, alle adulte che ancora non si riconoscono allo specchio: ci sono le donne della nostra vita, le donne mamme, le donne manager, quelle che cantano stirando i calzini, quelle che corrono al parco, quelle carine al bancone del bar, quelle che dignitosamente si stipano agli angoli della strada, quelle che insegnano a scuola, quelle che tessono, quelle che scrivono. Quelle che fanno tutte queste cose insieme. E ci sono anche le donne modelle. Alte, ossute, eleganti, miseria di forme in nobiltà di tessuti, ego scarnificato, le pagano anche per questo. In passerella vestite di abiti come di opere d'arte, sono tele attrici. La tela sta muta, vuota a riempirsi di mondi nuovi per senso d'altri, così come l'attore si cala in un personaggio diverso ogni volta.

LE MODELLE BOTERIANE DI MISS BUFFET FROID

Poi ci sono le modelle plus-size, quelle che rassicurano, che vendono...perché bisognerà pur farli sfilare in qualche modo i vestiti taglia large, no? Portarli sui giornali, nei negozi, negli armadi delle signore.

E poi ci sono loro, che siamo un po' tutte, che sono un po' tutte nel dietro le quinte dell'etichetta quotidiana. Tolta la maschera, il trucco, i gingilli, il peso del mondo a urlare ancora di dentro. Nude a nudo. In pubblico di rado rappresentate in forme al culmine, o esposte senza ritocchi di convenienza. Non conviene, non è opportuno, appunto...

DONNE, TABù, CELLULITE ED EMOZIONI. lE Modelle Boteriane di Miss Buffet Froid behance.net

Non sono come le donne di queste foto le dee che viaggiano con citazioni romantiche e filosofiche sulle nostre bacheche, le protagoniste dei nostri film preferiti, le amate dagli eroi... 

Censura condivisa di uno dei caratteri espressivi del corpo: la cellulite. Ormoni-certo-ma anche lacrime trattenute, ansie, inadeguatezza, tempo che passa ed è passato, futuro incerto, patatine e biscotti ingoiati dalla solitudine, vizio occidentale, caffè endovena, cattive notizie, respiro allo smog, vite da merendine imballate in confezioni strette. Ritoccata, levigata, anche sui calendari delle modelle taglie comode. Le storie segnate da una pelle a buccia d'arancia sono tante, racconti che forse ci fanno paura.

"Per uno strano scherzo della natura siamo obbligati ad avere paura di vivere quando la vita è l'unico vero motivo che abbiamo per restare qui", commenta il mio amico Andrea.

DONNE, TABù, CELLULITE ED EMOZIONI. lE Modelle Boteriane di Miss Buffet Froid behance.net via Cocci

Sono immagini, queste, che raccontano anche di tristezza, di malinconia, di quel tacito lamento che scorre tra le cose e le persone e che non ha forma, si mette in forme, scorre e non risparmia nessuno e nessuna. Chissà perché si scelgano quasi solo bellezze in stereotipi alla moda a rappresentarlo, come se la sensibilità fosse una questione estetica e massmediatica.

 

DONNE, TABù, CELLULITE ED EMOZIONI. lE Modelle Boteriane di Miss Buffet Froid

 

Miss Buffed Froid, trentaquattrenne fotografa, modella e creativa di Montpellier, qualche anno fa su deviantart  si esponeva in autoscatti artistici con buchi e grinze sui fianchi, e non era ancora ingrassata.  Coraggiosa, come dovrebbero tempi di facciata per mutarsi in autentici e riconoscersi forti.

 

EDIT: a grande sorpresa Miss Buffet Froid ha commentato la sua foto pubblicata sulla bacheca facebook del giornale. In molti non l'hanno notata e riconosciuta, per cui vi riporto le sue parole: 

"Queste immagini sono il racconto di un essere umano, con i suoi dubbi, i suoi errori, le sue debolezze. Non mi importa se la modella è grassa oppure no. Fotografo gente comune. Mi interessa più l'essenza che la superficie, quello che vuole portare fuori dal di dentro, le sue lotte, il modo con cui recita nella sua vita".

"Queste immagini sono il racconto di un essere umano, con i suoi dubbi, i suoi errori, le sue debolezze. Non mi importa se la modella è grassa oppure no. Fotografo gente comune. Mi interessa più l'essenza che la superficie, quello che vuole portare fuori dal di dentro, le sue lotte, il modo con cui recita nella sua vita".

Mi piacerebbe intervistarla ma, dato il momento particolare de linkiesta, lo sciopero e le dimissimi dei blogger cui aderisco, al momento posso solo condividere con voi questo video. Buona visione

 

NB. Parte di questo post è una rivisitazione di quanto già abbozzato su cowbird.

 

Argomenti: 
RESTA AGGIORNATO
Iscriviti per non perdere gli articoli e i post del giorno.
Acccetto le condizioni sulla privacy

BREAKING NEWS

Le due cooperanti italiane Vanessa e Greta nelle mani dell’Isis

Sono loro le due italiane citate dal Guardian che sarebbero prigioniere dei terroristi iraqeni. Lo dice l’autore dell’articolo

Bachelor of Arts in Lingua, letteratura e civiltà italiana

Il cannone che spara i salmoni oltre le dighe

I pesci le incontrano nel risalire la corrente dei fiumi. Un ostacolo spesso insormontabile. Finora
SHARE

L’app che ti permette di creare GIF da Youtube

Si chiama GIF Youtube e permette di lavorare sui video di Youtube. Noi l’abbiamo provata, su Youtube
SHARE

I lavori che in futuro lasceremo fare ai robot

L’automazione fa passi da gigante: le macchine rimpiazzeranno insegnanti, conducenti e attori?
SHARE

Il marxismo spiegato con Super Mario

Il plusvalore e l’alienazione raccontati in un simpatico video ispirato all’idraulico della Nintendo
SHARE
Quitaly Compra la raccolta dei reportage di Quit su Amazon e Ibs.it

PRESI DAL WEB

La sorte degli interpreti che aiutarono gli Usa in Iraq e in Afghanistan

Gli avevano promesso il visto americano o uno Stato senza talebani. Visto come è andata, a distanza di 15 anni, non li aiuterebbero più

Il traffico delle armi nel mondo, chi compra e chi vende

La Stampa presenta un’infografica interattiva sulle armi, e gli intrecci tra i Paesi produttori e Paesi compratori

La decapitazione di James Foley e la difficoltà delle scelte editoriali

Il video dell’esecuzione è nella scia degli orrori della rete: le immagini sono sconcertanti e ci interrogano sui limiti della censura e della pubblicabilità