Blog di

di Ostinata Poesia

#Occupylove, un film che ama la rete

Blog post del 26/06/2013

A darmi la notizia un artista turco su friendfeedC'è un movimento "nuovo"-o quasi-ad animare status e tweet sui social. Partito circa due mesi fa si rigenera di post in post e trascina dai primi di maggio. Trattasi di occupylove. Mi ha catturata con delle immagini, dei cuori lanciati al cielo, note e versi d'amore comunicati da omini anonimi su sfondo bianco.

 

#OCCUPYLOVE

 

Sembrava un progetto su Behance, lanciato dall'autore dei disegni, tale Erman Yilmaz di Istanbul, ma è anche e soprattutto la scia di distribuzione e contaminazione di Occupy Love Film, lanciato il 3 maggio scorso, documentario firmato Velcrow Ripper, cinquantenne regista canadese, sull'onda della lovevolution e di un hahstag che andava diffondendosi già prima talvolta accompagnando pacifici germogli di primavera in tutto il Mondo, #occupylove

Si legge in proposito sull'Huffingtonpost: anche se l'occupazione pacifica a Zucotti Park è finita, il film documenta come i semi del movimento Occupy hanno germogliato convergendo in un Super Movimento Globale. Iniziative sociali e manifestazioni in tutto il mondo vanno moltiplicandosi condividendo radici e desideri. Tutte sono a base non violenta, azione diretta e creativa per chiedere e portare quei cambiamenti necessari al benessere collettivo e dell'ecosistema che i politici non sono riusciti a realizzare. L'essenza è l'amore per l'ambiente, per la comunità, per l'umanità e il pianeta, la stessa che muove  la contestazione agli aspetti distruttivi di un capitalismo privo di compassione e cuore.


CLICCA SULL'IMMAGINE PER VEDERE IL TRAILER DEL FILM OCCUPY LOVE

NUOVI MODELLI DI DISTRIBUZIONE- Sul sito del progetto è possibile prendere visione del trailer del film, comprarlo per guardarlo subito a meno di 4 dollari, disponibile per un periodo di sette giorni. Un'applicazionper smarthphone invita a cercare i cuori e a condividerli con delle foto, perché l'amore è ovunque...

Sempre l'Huffingtonpost racconta: "Il film sta trionfando a dimostrare che il potere dell'amore può unire e guarire, mentre l'invidia e l'egoismo rischiano di dividere e avvelenare".

Forse è collettivamente in corso quel salto empatico di cui parlava il giornalista Michele Neri nel 2011, in un articolo su D.Repubblica, quando scriveva

l'unica possibilità per creare un'economia sostenibile e medicare la biosfera è il salto empatico, pensare che la nostra evoluzione sia misurata dall'estensione dell'empatia e non dalla misura del successo

Qualunque cosa sia, un movimento, una prospettiva, una rivoluzione, "un film ma anche un meme", come (EDIT) mi spiega l'autore in tarda serata, dopo la pubblicazione di questo post, 

ecco cosa sta succedendo su twitter...

RESTA AGGIORNATO
Iscriviti per non perdere gli articoli e i post del giorno.
Acccetto le condizioni sulla privacy

BREAKING NEWS

Agguato in Calabria: ucciso un imprenditore

Domenico Aiello, imprenditore edile di 58 anni, è stato freddato a colpi di pistola in pieno giorno

Dal 2012 triplicati i mini-job a ore

Nel 2014 la Cgia di Mestre prevede una vendita di oltre 71.600.000 ore di lavoro

Ballare coi computer

Lo spettacolo di danza Pixel di Adrien Mondot e Claire Bardainne
Una spettacolare performance di danza che mescola corpi veri e proiezioni digitali
SHARE

Il papà di tutti gli zombie: La notte dei morti viventi

Cervelli che ritornano? Ce ne sono parecchi nel capolavoro di Romero, ora di pubblico dominio
SHARE

Lo stile di cinque grandi registi in un video

Con solo immagini di stock, ricreare Wes Anderson, Malick, Fincher, Cuaron e Tarantino
SHARE

I miti sulle malattie invernali

Non è vero che l’alcol scalda e soprattutto non è vero che a uscire coi capelli bagnati ci si ammala
SHARE
Quitaly Compra la raccolta dei reportage di Quit su Amazon e Ibs.it

PRESI DAL WEB

Due poliziotti uccisi a New York: cosa sappiamo finora

Il sospettato, Ismail Brinsley, si è tolto la vita sparandosi un colpo di pistola

Jobs Act, verso un indennizzo di soli tre mesi per i nuovi assunti

Le anticipazioni del Corriere: tra i licenziamenti senza reintegro anche quelli per scarso rendimento. Non ci sarebbe copertura per l’Aspi per i collaboratori