Blog di

di Rodolfo Toe

Il nuovo eroe degli Albanesi di Kosovo? E' di cellulosa.

Blog post del 7/06/2012

Il suo nome è Šćiponja (tradotto: « Aquila »), ed è il « primo supereroe albanese », chiamato a combattere contro « le forze del male ».

Chiaramente ispirato agli eroi della Marvel, il personaggio è stato presentato dal suo creatore (il disegnatore Gani Sunduri) al Centro Culturale dell'Ue a Pristina. La sua intenzione era quella di creare « un autentico supereroe capace di affascinare i bambini del Kosovo », e di « prendere il posto dei suo omologhi americani ».

Il valore simbolico del personaggio, però, non è passato inosservato agli occhi dell'opinione pubblica Serba. Che naturalmente non è sembrata gradire la trovata : ad alcune reazioni sarcastiche da parte dei lettori si sono accompagnate anche veementi critiche verso quella che è vista come l'ennesima prova di un mai sopito afflato nazionalista albanese.

Ma non è la prima volta che vengono creati personaggi di questo tipo nei Balcani. Bosman, ideato negli anni della guerra, era l'eroe di Bosnia, chiamato a difendere Sarajevo dai Cetnici. I Serbi erano il nemico principale anche di Super Hrvoje, passato alla storia come il primo supereroe Croato.

Se si troveranno in difficoltà, i cittadini di Serbia potranno allora decidersi a rispolverare i loro Knindže : eroi dediti alla patria, alla famiglia e all'ortodossia. Vennero creati nel 1991, ma la serie fu interrotta praticamente subito.

COMMENTI /

Ritratto di Milesgloriosus
Gio, 07/06/2012 - 16:00
Milesgloriosus
Caro Toè, come scrive lei non è la prima volta che nei Balcani un personaggio da fumetto – senza nulla togliere al fumetto in sé – rischia di aggravare la situazione o di aggiungere nuove tensioni su quelle mai sopite. Mi spiace averlo perso, non trovandolo più tra le cose portate a casa da Prizren, ma ricordo uno straordinario fumetto serbo tra la fine del 2003 e l'inizio del 2004 e che era poi una parodia di Asterix: gli irriducibili galli nel villaggio assediato erano appunto i serbi e i nerboruti e impotenti romani le truppe della Nato. Dietro le storie e le scazzottate c'era una precisa rappresentazione della situazione del Kosovo, dove appunto migliaia di serbi vivevano nelle enclaves, in una ambigua situazione di protetti ma potenziali ribelli, sorvegliati giorno e notte. Se trovandosi a Sarajevo avesse tempo, cerchi i primi giornali a fumetti dedicati ai ragazzi, stampati da Sfor (o meglio dalle psygological operations…) e distribuiti tra la popolazione.
SHARE
RESTA AGGIORNATO
Iscriviti per non perdere gli articoli e i post del giorno.
Acccetto le condizioni sulla privacy

BREAKING NEWS

Renzi a Catania, proteste: contatti tra polizia e manifestanti

Renzi a Catania, proteste: contatti tra polizia e manifestanti „Contatti tra polizia e manifestanti si sono registrati in via Vittorio Emanuele vicino al Duomo

Travaglio scarica Grillo e M5s: «Si sta suicidando, sembrano una setta»

«Il buon lavoro dei parlamentari pentastellati resta sullo sfondo»

M5s, Beppe Grillo lascia: «Sono stanchino, rimango garante»

Cinque persone si confronteranno con l'ex comico genovese

Robert Badinter, l’uomo che fermò la ghigliottina

Storia di un avvocato che decise di abolire la pena di morte in Francia, e di come ci riuscì
SHARE

Ridere con Truth Facts, i fatti veri più veri del vero

Sono vignette che rappresentano situazioni proverbiali, verità note a tutti ma mai diffuse
SHARE

Un anno di CO2: cosa succede nei cieli della Terra

I viaggi dell’inquinamento atmosferico in una simulazione molto chiara della Nasa
SHARE

Altro che Gates: il più ricco della storia è lui

Si chiamava Mansa Musa. Regalava tanto oro che, passando per l’Egitto, fece crescere l’inflazione
SHARE
Quitaly Compra la raccolta dei reportage di Quit su Amazon e Ibs.it

PRESI DAL WEB

Indiane d’America: la storia oscura di donne dimenticate ma libere

Nessuno conosce, a parte Pocahontas, un nome di squaw famose. Eppure, prima della conquista, vivevano in società molto più egalitarie di quelle europee

Leonardo Di Caprio e Angelina Jolie: come l’Onu sceglie i suoi ambasciatori

Non tutte le celebrità possono rappresentare l’Organizzazione. È un mix di marketing e di politica do tu des