Blog di

di Guido Zichichi

Chi uccide gli scienziati iraniani? Elementare, Bibi.

Blog post del 11/01/2012

Sapevamo sarebbe successo di nuovo. Questa mattina a Tehran un altro scienziato nucleare è rimasto ucciso dallo scoppio di una bomba. Subito gli iraniani han puntato il dito contro Israele. Ma avranno ragione?


La rimozione dell'auto esplosa (FarsNews)

LA VITTIMA

La vittima è Mostafa Ahmadi-Roshan (foto sotto), aveva 32 anni ed era laureato nel campo dell'industria petrolifera. Era il supervisore di un dipartimento alla centrale di arricchimento dell'uranio di Natanz, vicino Isfahan.
Alcuni testimoni hanno dichiarato all'agenzia Reuters di aver visto due persone sopra una moto che sistemavano qualcosa nell'auto. Nell'esplosione è morto anche un passante e ci sono stati altri feriti, tra cui uno, molto grave, che era nell'auto con Mostafa.
Il Governatore di Tehran Safarali Baratloo ha dichiarato all'agenzia Fars che "la bomba era magnetica, dello stesso tipo usata per uccidere altri scienziati in passato, dello stesso tipo che usano i sionisti [israeliani]".

GLI ALTRI ASSASSINII

Si tratta solo dell'ultimo episodio di questo genere. Sono cinque anni che gli scienziati nel programma nucleare iraniano sono oggetto di assassinii. Ecco in un elenco gli ultimi in ordine cronologico:

L'elenco si allungherebbe di molto se tenessimo conto dei tentativi di assassinio falliti, tra i quali si annovera Fereydoon Abbasi, che è poi diventato il presidente dell'Organizzazione per l'energia atomica iraniana.

CHI SI NASCONDE DIETRO LE BOMBE?

Ci sono ipotesi che vedono come mandante lo stesso regime iraniano, il cui movente sarebbe impedire che certi scienziati possano fuggire all'estero e svelare segreti importanti sui progetti iraniani. Ma l'idea è poco convincente, perché sarebbe più comodo e meno rumoroso arrestare gli scienziati, piuttosto che ucciderli in modo cruento per strada.
Un'altra ipotesi vede coinvolte le frange violente dell'opposizione iraniana. Ma, anche qui, sembrano mancare tasselli importanti: perché mai puntare ai soli scienziati e non allo stesso regime? Perché non rivendicare gli attentati? Non regge.
Il coinvolgimento di Israele appare quindi il più logico, ed è comprovato da altri fatti. In primo luogo in varie occasioni alcune "fonti" dell'intelligence israeliana hanno rivelato ufficiosamente ad importanti giornali (come il Der Spiegel) che il Mossad era il mandante. Una volta è accaduto che in una conferenza stampa fosse proprio un militare a rivendicare orgogliosamente l'ultimo assassinio, salvo rimangiarsi quanto detto con un comunicato stampa dopo il termine dell'incontro coi giornalisti. Ma, cosa più importante, Israele non ha mai negato il proprio coinvolgimento, nonostante le pressanti domande della stampa. Proprio ieri, oltetutto, il portavoce dell'esercito israeliano Tenente-Generale Benny Gantz, ha dichiarato che l'Iran deve aspettarsi a breve altri eventi "senza spiegazione".
La politica israeliana può contare sul fatto che i propri cittadini capiscono che è il Mossad a celarsi dietro questi assassinii, evitando così l'imbarazzo di una comunicazione ufficiale che causerebbe enormi problemi diplomatici.

UPDATE: nell'auto oltre ad Ahmadi-Roshan c'erano altre due persone. Gravemente ferite, sono state portate in ospedale dove una - il suo bodyguard - è deceduto.

COMMENTI /

Ritratto di Guido Zichichi
Mer, 11/01/2012 - 23:48
gzichichi
Spero per gli israeliani di non sbagliarmi: l'Iran, se avesse l'atomica, non userebbe mai per distruggere Israele. Un attacco nucleare su questo piccolo Stato provocherebbe inevitabilmente una risposta così massiccia e immediata contro l'Iran da equivalere né più né meno che ad un suicidio, e la classe politica iraniana, per quanto a volte utilizzi una retorica arrogante e aggressiva, tiene al potere più che a qualsiasi altra cosa. Piuttosto credo che in gioco ci siano gli equilibri di potere in Medio Oriente: un Iran con l'atomica significherebbe la proliferazione nucleare nell'area, il che non siginficherebbe guerra ma più probabilmente una situazione di stallo in cui nessuno può dichiarare più guerra a nessun altro. In un Medio Oriente dove Israele e Stati Uniti non sono più i soli ad essere dotati dell'atomica, l'influenza politica americana declinerebbe.
SHARE
RESTA AGGIORNATO
Iscriviti per non perdere gli articoli e i post del giorno.
Acccetto le condizioni sulla privacy

BREAKING NEWS

Precipita jet della famiglia bin Landen, morte la sorella e la matrigna

Era decollato dall'aeroporto di Malpensa. È caduto al suolo in Inghilterra

Istat: -22mila occupati a giugno. La disoccupazione sale al 12,7%

Nei dodici mesi le persone con un lavoro sono diminuite di 40mila unità, i disoccupati sono aumentati di 85mila

Smemoranda 

I negativi di maicol&mirco

Maicol & Mirco, filosofia, scarabocchi, fumetto, negativi, smemoranda

Quando le pubblicità vantavano le qualità delle droghe pesanti

Cocaina, eroina, morfina. Tutte sostanze oggi illegali, cento anni fa erano vendute come componenti di prodotti tonificanti

Scene di vita giapponese come le ricordano i giapponesi

Immagini animate in gif, pixelate, a forma di manga. Ma dentro, tra piogge e metropolitane, si sente il soffio della nostalgia

I libri che la gente smarrisce sugli aerei

Letti al volo, e poi dimenticati. Il momento della discesa rischia di farli dimenticare sul sedile. Forse perché non sono davvero imperdibili

L’Isis produce una serie tv animata e prende in giro Obama

Nel primo episodio si assiste alla decapitazione del presidente Usa. Nel secondo lo si vede alle prese con gli account Twitter degli attivisti

PRESI DAL WEB

L’endorsement di Putin a Blatter: "Meriterebbe il premio Nobel"

Il presidente russo elogia il capo della Fifa (dimissionario, ma non dimissionato). "Sarebbe stato corrotto? Non ci credo", dice Putin

Il video dell’evasione del narcotrafficante messicano El Chapo

Un tunnel scavato sottoterra dotato di elettricità e bombole di ossigeno

Varoufakis: «Votate No, con l’accordo nessuna possibilità di ripresa»

L’intervista all’australiana LNL ABC Radio National: «I ministri europei negano la democrazia», «le proposte sono state fatte apposta per essere rifiutate»