Blog di

di Guido Zichichi

Se i terroristi sono israeliani: l'operazione False Flag

Blog post del 15/01/2012

La Cia ha rivelato che alcune spie del Mossad si sono finte per anni agenti segreti americani: sotto queste spoglie avrebbero sostenuto il gruppo terroristico Jundullah, che in cinque anni di attentati ha provocato più di 200 morti in Iran, per la maggior parte civili. Le provocazioni israeliane diventano per gli Usa una dolente spina nel fianco.

L’OPERAZIONE “FALSE FLAG”

Solo due giorni dopo l’assassinio dello scienziato iraniano Roshan, la Cia ha svelato sulle pagine di Foreign Policy particolari sulle operazioni segrete del Mossad contro l’Iran. La storia, come spesso accade, sarebbe un’ottima trama per un film, ma la fonte non è uno sceneggiatore, bensì due autentici agenti della Cia che dispongono di documenti riservati.
Nel 2007 il Mossad desiderava organizzare attentati terroristici in Iran. Per farlo aveva bisogno di entrare in contatto con il gruppo separatista Jundullah, composto da estremisti sunniti. Ma i sunniti non si sarebbero mai fatti avvicinare dal Mossad, mentre sarebbero stati disposti ad aprire trattative con la Cia. Per questo motivo i servizi segreti israeliani hanno finto di essere americani della Cia e hanno fornito il loro supporto ai separatisti, che credevano di stare trattando con Washington. Questo genere di operazioni è generalmente denominata “false flag”.

GLI ATTENTATI

Negli anni successivi Jundullah, capeggiata da Abdolmalek Rigi, ha ucciso centinaia di iraniani, perlopiù civili. Una decina di attentati hanno causato più di duecento morti dal 2007 a oggi. L'ultimo è stato organizzato nel 2010 in una moschea, dove sono morti 39 fedeli. Rigi è stato poi catturato e giustiziato dalle autorità iraniane pochi giorni dopo.

L’IRA STATUNITENSE

E’ comprensibile che gli Stati Uniti non siano più disposti ad essere usati come copertura di Israele: finché gli iraniani penseranno che Washington sia il mandante delle stragi, ogni tentativo di dialogo non potrà che essere infruttuoso. Forse dovremmo rivalutare la violenta retorica di Tehran degli ultimi anni alla luce di queste rivelazioni.
L'operazione False Flag ha fatto infuriare tutti a Washington. Le fonti di FP si sfogano: “Fare così è stupido e pericoloso, Israele dovrebbe lavorare con noi, non contro di noi. Se vogliono spargere del sangue, preferiremmo fosse il loro e non il nostro. Dovrebbero essere un appoggio per gli Stati Uniti ma, guarda un po’, adesso ci sono un sacco di persone - persone importanti - che pensano non sia più così.”

ISRAELE VUOLE ESSERE ATTACCATO?

Ieri ci chiedevamo quanto servisse uccidere uno scienziato per ritardare il programma nucleare, ma oggi abbiamo elementi sufficienti per credere che la domanda fosse sbagliata. Se Israele dal 2007 commissiona sanguinosi attentati in Iran, forse il primo obiettivo non è mai stato quello di rallentare i progetti nucleari iraniani, bensì quello di provocare una risposta armata. L’Iran non ha mai dubitato che dietro agli attentati e agli assassinii ci fossero Stati Uniti e Israele. E' quindi chiaro quanto gli Israeliani desiderino che il primo missile ad essere sparato abbia sopra la bandiera iraniana: in questo modo obbligherebbero gli Stati Uniti a supportarli in una guerra per la sopravvivenza, giocando la parte della vittima. Un gioco senza dubbio estremamente pericoloso, dal momento che entrambi i paesi in campo potrebbero a breve possedere testate nucleari.

RESTA AGGIORNATO
Iscriviti per non perdere gli articoli e i post del giorno.
Acccetto le condizioni sulla privacy

BREAKING NEWS

Mondiali, membro della Fifa: "Qatar 2022 non si farà, troppo caldo"

Lo afferma Theo Zwanziger, membro del comitato esecutivo della Fifa

Sversamento di rifiuti speciali, tre operai morti per esalazione

Il fatto è successo nell’azienda Co.Impo di Adria. Un quarto dipendente è rimasto ferito in modo grave

Standard & Poor's; pm di Trani chiede rinvio a giudizio per 6 manager e analisti

L’accusa è manipolazione del mercato: avrebbero espresso giudizi sul sistema bancario contrari alla realtà

Cartelli e insegne, la ricchezza grafica di una città

New York è una città infestata di parole e font diversi. Percorrerli e studiarli ne rivela l’anima
SHARE

Guida completa all’uso intelligente delle vitamine

Quali sono, che proprietà hanno e dove si trovano. Tutto spiegato qui, in un’infografica
SHARE

Per tradurre l’intraducibile basta ricorrere all’arte

Wordstuck è una serie di GIF che rappresenta con disegni parole straniere senza corrispondenti
SHARE

Istruzioni per imparare a scrivere in modo conciso

La brevità è fondamentale, soprattutto sul web, dove l’attenzione finisce subito. Ecco come fare
SHARE
Quitaly Compra la raccolta dei reportage di Quit su Amazon e Ibs.it

PRESI DAL WEB

Le tombe dei soldati che testimoniano il coinvolgimento della Russia in Ucraina

Il New York Times racconta di giovani ufficiali russi seppelliti seppelliti nell’agosto 2014. La prova che hanno combattuto in Ucraina

Kentucky, vigile del fuoco muore dopo un ice bucket challenge

Tony Grider stava versando secchi d’acqua ghiacciata sugli studenti dell’Università di Campbellsville quando la gru ha toccato i fili dell’alta tensione

Perché le ragazze rendono meglio dei ragazzi a scuola

Per molti è un mito da sfatare, ma secondo uno studio il gentil sesso tra i banchi di scuola ha una marcia in più