Blog di

di Verso Nord

Venezia, le crociere muovono l'economia in sicurezza e a basso impatto

Blog post del 5/06/2012
Parole chiave: 

Il dibattito sul tema delle grandi navi in laguna ha assunto una piega insolita e pericolosa, anche alla luce del naufragio della Costa Concordia. E’ comprensibile che l’impatto emotivo possa condizionare le valutazioni di chi non conosce l’argomento dal punto di vista tecnico. Tuttavia, è preoccupante osservare autorevoli rappresentanti delle istituzioni paventare il blocco immediato, attraverso provvedimenti e ordinanze, del transito delle grandi navi da crociera.

La nave da crociera Costa Magica


L’incremento della crocieristica a Venezia è un dato di fatto, ma rappresenta marginalmente un problema di inquinamento e non può essere associato in nessun modo a questioni di sicurezza. Che il naufragio della Concordia non sia un incidente, ma semplicemente la deliberata intenzione del comando dell’unità di portare la nave contro lo scoglio, lo dicono i dati divulgati da CLIA (Cruise Lines International Association) e da ECC ( European Cruise Council).

Sull'inconsistenza dell'argomento sicurezza basta citare un dato. Negli ultimi cinque anni 100 milioni di crocieristi hanno navigato nei mari di tutto il mondo e solo 16 persone sono occorse in incidenti mortali (comprendendo anche chi si è lanciato volontariamente fuori bordo o ha subito incidenti all’interno delle aree portuali).
A Venezia in questi anni si è lavorato tantissimo sulla sicurezza. Le navi entrano nelle bocche di porto assistite dai rimorchiatori, con i piloti locali addestrati a operare in ogni condizione atmosferica. Vengono seguite con i sistemi Global Positioning System e hanno eco-scandagli plotter che offrono al pilota le condizioni del fondale (che a Venezia non è roccioso) e della profondità.

Se l’argomento sicurezza è inesistente, fragile lo è anche quello dell’inquinamento. Il Venice Blue Flag - concordato tra Autorità Portuale e Capitaneria di Porto - impone alle grandi navi di entrare nei porti alimentate da combustibile a basso contenuto di zolfo (pari allo 0,1%) che ha un bassissimo impatto in termini di produzione di sostanze inquinanti.
Anche ammettendo che l’inquinamento della laguna fosse generato dalle navi da crociera e non da quelle mercantili, o dal traffico nautico ordinario, che da tempo immemore solca le acque lagunari, la soluzione non sarebbe certo quella di spostare l’approdo e di conseguenza inquinare, a Pellestrina o a Marghera.

Il contributo all’economia della città del settore crocieristico è stato in questi anni di fondamentale importanza. Intorno a questo filone sono cresciute professioni tradizionali e ne sono nate di nuove. Attraverso gli investimenti della VTP (Venice Terminal Passeggeri) e dell’Autorità Portuale è stata riqualificata la Marittima, una parte della città che oggi oltre che accogliere i passeggeri sta sviluppando una vocazione fieristica. Secondo l'autorità portuale, solo lo scorso anno i passeggeri transitati da Venezia a bordo di navi da crociera sono cresciuti del 22,5% rispetto all'anno precedente. Dal 1997 a oggi l'aumento è stato del 217,56% facendo toccare, nel 2011, oltre 2 milioni e 200 mila passeggeri.

Va ricordato, infine, che i 450 traghetti che oggi collegano Venezia alla Grecia e che attraccano ancora alla stazione Marittima verranno spostati nel 2013 nel nuovo terminal traghetti di Fusina. Ciò significa che già dal prossimo anno vi saranno 900 transiti in meno di navi attraverso il bacino San Marco.

E’ perciò fuori luogo pensare che provvedimenti e ordinanze possano determinare uno stop immediato alle grandi navi. Ha senso invece verificare fino in fondo l’ipotesi del presidente del porto Paolo Costa, che prevede la realizzazione di un nuovo canale che avrebbe il vantaggio di dimezzare il numero dei passaggi nel bacino San Marco e nel canale della Giudecca, attraverso una sorta di senso unico.

                                                                                                      Signor Rossi

Parole chiave: 
RESTA AGGIORNATO
Iscriviti per non perdere gli articoli e i post del giorno.
Acccetto le condizioni sulla privacy

BREAKING NEWS

Le vendite al dettaglio in Germania sono diminuite dell'1,4%

Su base annua hanno evidenziato un aumento dello 0,7%

È iniziata l'eruzione del vulcano islandese Bardarbunga. Voli a rischio

L'organismo di controllo del traffico aereo islandese ha chiuso l'area sopra il vulcano. L’eruzione è iniziata a mezzanotte

Ucraina, Putin chiede ai suoi ribelli un corridoio umanitario

Ma i soldati dell'autoproclamata Repubblica di Donetsk dettano le condizioni

Bachelor of Arts in Lingua, letteratura e civiltà italiana

L’app che ti dice se sei dipendente dal tuo smartphone

Moment calcola tutto il tempo che passate interagendo con lo smartphone. Più di quanto credete
SHARE

Quattro cibi che mangiate in modo sbagliato

Il sushi, per esempio, non lo indovina nessuno. Stessa cosa per ramen e cibo indiano. Una guida
SHARE
Convinzioni diffuse

L’atlante degli stereotipi in Europa

Cosa pensano gli Europei dell’Europa? Queste venti mappe mostrano tutti i pregiudizi più radicati
SHARE

La tavola periodica dello storytelling

Tutti i trucchi e le componenti della narrazione raccolti insieme e spiegati voce per voce
SHARE
Quitaly Compra la raccolta dei reportage di Quit su Amazon e Ibs.it

PRESI DAL WEB

Come attrezzare ogni aula con banchi in piedi

Secondo i ricercatori farebbero bene alla salute dei ragazzi, ma anche a quella degli adulti

Batistuta shock: "Chiesi di tagliarmi le gambe, urinavo nel letto"

Il dramma del bomber argentino ex Fiorentina, Roma e Inter: "Non riuscivo più ad alzarmi dal letto, vidi Pistorius e pensai che qu

Cosa succede se si rimane svegli troppo a lungo

C’è chi si domanda cosa potrebbe accadere rimanendo svegli troppo a lungo. E, come era da attendersi, non ci sono buone notizie