Blog di

di Vito Kahlun

I Bimbiminkia? Più bravi dei politici. Ecco perché...

Blog post del 20/08/2012

Chi usa Twitter, probabilmente, sa di cosa sto parlando. Per chi, invece, non lo sapesse ecco svelato il mistero. Con la locuzione "bimbiminkia" ci si riferisce a gruppi di ragazze e ragazzi, spesso minorenni, in grado di far entrare il proprio hashtag tra i TT.

Cos'è l'hashtag? L'hashtag è una parola chiave preceduta da cancelletto e inserita in un tweet.Gli hashtag di Twitter possono essere utilizzati per seguire una discussione tra più persone, incoraggiando altre persone a partecipare.

Cos'è un tweet? Un tweet è come un sms, ma si differenzia per due cose: è di 140 caratteri ed è pubblico. All'interno di un tweet possono essere usati diversi hashtag (es. #manovraeconomica, #fermareildeclino, #alessandraamoroso, #italylove1D). Esempio di tweet: "Ho qualche dubbio sulla #manovraeconomica del #governomonti"; "Io amo #alessandraamoroso".
Perché, allora, i bimbiminkia sono più efficienti della classe politica? Tra i TT (Trend topics) entrano solo le 10 parole chiave più usate dagli utenti di Twitter in quel momento. Di conseguenza se gli utenti di Twitter parlano per lo più di #governomonti accadrà che l'hashtag #governomonti sarà in cima ai TT.
Nei Trend Topics, peró, e qui arriviamo al cuore della questione, è più facile trovare hashtag relativi a gruppi musicali come i 1Direction o altri cantanti. Perché? Perché i bimbiminkia fanno gioco di squadra. Se decidono che quel giorno si deve parlare di #justinbieber state pur certi che #justinbieber sarà nei TT. Ci sono giornate in cui i carissimi bimbiminkia riescono a monopolizzare tutte e dieci le posizioni di una TT. Nel 2012 su Twitter sono stati introdotti i trending topics localizzati che permettono la visualizzazione degli hashtag più popolari di ogni Stato. E nell'ambito di questo fenomeno capita spesso che i bimbiminkia si alleino per far diventare l'hashtag TT mondiale.
La domanda a questo punto è un'altra: ci riescono perché davvero quello é l'argomento più twittato oppure perché, come insegna la scienza politica, le minoranze organizzate influiscono più delle maggioranze disorganizzate? Probabilmente entrambe le cose. Al di là di questo i cari #bimbiminkia sono un esempio lampante di come l'unione faccia la forza. Del fatto che il gioco di squadra produca valore aggiunto. E forse, questo, dovrebbe far riflettere i #grandiminkioni.
Grandiminkioni che retwittano i bimbiminkia un po' invidiandoli per la spensieratezza, per la persa passione, per idoli adolescenziali, ma che non si fermano un attimo a pensare al gap generazionale che c'è sia nell'uso della tecnologia, sia nel potere dei social networks.
Mi sono letto vari tweet dei famosi bimbiminkia e mi sorprendono la tenacia, la caparbietà, la costanza, l'impegno che ci mettono per arrivare in testa alla classica dei TT. Lo spirito di alcuni capitani che chiamano a raccolta tutte le forze. La gioia nel raggiungere l'obiettivo per un qualcosa che non cambierà il corso della storia, ma che mi fa sperare che se lottano per portare al primo posto di Twitter un idolo forse saranno pronti per lottare per portare al primo posto un valore nella vita vera quotidiana.
E lottano tra di loro fino a defollowarsi anche con cattiveria se qualcuno osa pensarla diversamente: prima ribattono tirando fuori unghie e sangue, mettendo sui tweets spiegazioni come per difendere un inespugnabile castello. I grandiminkioni invece se non riescono a sostenere un'idea inventano, mettono in bocca ad altri cose e parole e finiscono per abbandonare la conversazione.  E come al solito sono i grandi a dover imparare dai più piccoli...

Pezzo realizzato a quattro mani con tanto amore con @lavvelenata :D

Su Twitter @vitokappa

p.s. per chi non l'avesse capito non credo nella categoria "bimbiminkia". Credo piuttosto che il mondo sia pieno di grandiminkioni. (21-08-2012)

COMMENTI /

Ritratto di Marco Giovanniello
Lun, 20/08/2012 - 14:45
mgiovanniello
Grazie per averci dimostrato inequivocabilmente che Twitter è una cosa per bimbominkia, che ha un sacco di tempo da perdere.
SHARE
Ritratto di Vito Kahlun
Lun, 20/08/2012 - 15:38
Vkahlun
No. Twitter è una cosa seria. E i bimbominkia sanno usare lo strumento come D. comanda. Non dimentichiamoci del ruolo importantissimo che hanno avuto i social network nella c.d. Primavera Araba. Se poi vogliamo illuderci che si tratta solo di "fancazzismo" siamo liberi di farlo. Io, di fondo, credo che questi bimbominkia possano insegnarmi qualcosa.
SHARE
Ritratto di Marco Giovanniello
Lun, 20/08/2012 - 20:29
mgiovanniello
La c.d. primavera araba, a conti fatti, sarà solo il passaggio del potere da regimi autoritari da partiti laici vagamente socialisteggianti a regimi più democratici a parole (inIran si vota), ma di fatto autoritari e filo-islamici. Non mi pare un gran progresso.
SHARE
RESTA AGGIORNATO
Iscriviti per non perdere gli articoli e i post del giorno.
Acccetto le condizioni sulla privacy

BREAKING NEWS

Boko Haram decapita due prigionieri e ne fa un video

Effetto emulazione: anche l’organizzazione terroristica nigeriana segue l’esempio dell’Is

Arrestato Helg presidente Camera commercio di Palermo per estorsione

Bloccato ieri mentre intascava una tangente di 100mila euro da un ristoratore, affittuario di uno spazio dell’aeroporto, si era rivolto a lui per una proroga

Smemoranda

I negativi di maicol&mirco

Maicol&Maicol

Alcol & amore: quanto serve bere al primo appuntamento?

Secondo uno studio britannico - e anche secondo il buonsenso - non molto. Qui ci sono i dati precisi
SHARE

Come preparare la buona birra di una volta

Una ricetta sumera di 5mila anni fa spiega come fare la birra più antica del mondo. Sa di sidro
SHARE

Il business controverso delle banconote per i film

Produrre soldi falsi per il cinema è redditizio, ma può creare problemi con la legge (davvero)
SHARE

Perché i bus in ritardo arrivano tutti insieme

È il fenomeno del "bus bunching": i mezzi arrivano in gruppo. Così un servizio diventa un problema
SHARE

PRESI DAL WEB

Come nasce un capolavoro: il backstage del video di Razzi

Immagini rubate mostrano Antonio Razzi, sul lungomare di Pescara, mentre canta e balla per il suo videoclip "Famme cantà"

La politica non basta più, e Antonio Razzi diventa cantante, con "Famme cantà"

Il brano è una sorta di auto-presa in giro del discusso e discutibile politico, che riprende sue frasi diventate tormentoni e le mette in musica