Blog di

di Vito Kahlun

Le 10 cose da NON fare su Facebook

Blog post del 6/07/2012

A tutto c'è un limite. Anche a ciò che si può fare, o NON fare, su Facebook. Queste sono le 10 cose assolutamente da NON fare su Facebook.

1) Le condoglianze

Se gli auguri su Facebook sono accettabili - solo nella misura in cui la persona che li riceve è una semplice conoscente - le condoglianze non lo sono. Mai! Un evento luttuoso non può e non deve essere trattato con superficialità. Se davvero volete fare le condoglianze a qualcuno andate di persona. Al limite anche una telefonata o un telegramma, ma sicuramente non un post in bacheca. Lo stesso vale per i messaggi sulla bacheca della persona che non c'è più: a meno che non sia espressa volontà dei genitori o delle famiglie bisogna evitare.

2) Taggare in foto (caso 1)

Prima di taggare un vostro amico o conoscente in una foto, ponetevi una domanda: "se io fossi lui/lei mi piacerebbe vedermi taggata in questa foto? Mi potrebbe creare problemi?" Se la risposta è "sì" lasciate perdere; se è "no" pubblicate pure. So bene che il criterio con cui pubblichiamo le foto (ahinoi!) è uno, ed uno solo, ma il rispetto per chi si è scattato una foto con noi deve essere assoluto. Se siete venuti così belli in quella foto da non poter resistere al desiderio di mostrarla al mondo, non dovete fare altro che tagliare la foto o chiedere al vostro amico/conoscente se potete pubblicarla con o senza tag.


3) Taggare in foto (caso 2)

Se una foto contiene un messaggio politico, o qualcosa del genere, evitate di taggare altre persone in quella foto. Non perché chi è taggato potrebbe non condividere il messaggio, ma perché taggandolo lo obbligate a mostrare al mondo il suo legame con un certo tipo di visione politica. Ricordatevi che se avete qualcosa da dire c'è la vostra bacheca per farlo. Se qualcuno si identificherà con il vostro messaggio potrà premere il tasto "mi piace"(approvazione leggera) o il tasto "condividi" (approvazione immedesimazione"). In entrambi i casi sarà la persona a decidere.

4) Non prendete caramelle dagli sconosciuti

Molti accettano richieste di amicizia da perfetti sconosciuti e poi si fanno problemi a richiedere l'amicizia a persone che magari conoscono solo di vista. Questa cosa non ha senso! Aggiungere uno sconosciuto, a meno che non abbiate settato molto bene le impostazioni sulla privacy, oltre ad essere un rischio per voi lo è anche per i vostri amici.

5) Non solo amicizia..

Se non volete mettere in difficoltà una persona che non conoscete benissimo, chiedendole l'amicizia, potete fare un'altra cosa: "ricevere gli aggiornamenti". Così facendo sarà come dire a quella persona: "mi interessa conoscerti, ma rispetto i tuoi spazi". E comunque a quel punto la persona di cui ricevete gli aggiornamenti potrebbe anche decidere di aggiungervi lei per prima.

6) Chiedetela di persona
Se volete restare in contatto con qualcuno ed é CHIARISSIMO che anche questo qualcuno voglia rimanere in contatto con voi, fate una cosa: chiedetegli di persona se potete aggiungerla su Facebook (o se anche lei/lui ha un profilo sul social network). 

7) "Il lnguaggio konta"

È un social network non una fiera dei sadici linguisti italiani. Non è neanche un sms o Twitter: su Facebook avete lo spazio che volete. Usatelo! Se poi riuscite ad essere concisi, pur dicendo tutto, tanto meglio!

8) Non dire in chat ciò che non diresti di persona
Punto.


9) Mi inviti?

Lo so che é faticoso, ma sarebbe cortese rispondere a tutti gli inviti che ricevete su Facebook. Spesso, chi vi invita, fa un lavoro di selezione faticosissimo.

10) È semplice
Non serve altro che un po' di buon senso! 

...

Se ti è piaciuto questo post puoi seguirmi su Facebook (Pagina Vito Kappa - clicca qui)

O su Twitter: @vitokappa

 

P.s. ho commesso quasi tutti gli errori di cui scrivo sopra. Grazie al cielo non tutti! 

Nel prossimo pezzo metterò a confronto la tratta Roma-Milano sul treno Italo e Milano-Roma sul FrecciaRossa. Chi l'avrà vinta?

 

COMMENTI /

Ritratto di Vito Kahlun
Ven, 06/07/2012 - 12:05
Vkahlun
Non si preoccupi: non prendo una lira!
SHARE
Ritratto di Vito Kahlun
Ven, 06/07/2012 - 12:15
Vkahlun
Grazie Redclo. Mi può segnalare gli errori così faccio le dovute correzioni? Purtroppo i refusi fanno parte del gioco :D (il linguaggio un po' "adolescenziale" è voluto).
SHARE
Ritratto di Vito Kahlun
Ven, 06/07/2012 - 12:17
Vkahlun
p.s. non è un servizio giornalistico: si tratta di un blog.
SHARE
Ritratto di Vito Kahlun
Ven, 06/07/2012 - 12:40
Vkahlun
Grazie per le segnalazioni! Scusate per gli errori ma ho scritto il pezzo su un iPhone mentre ero in treno. Naturalmente "il lnguaggio konta" è ironico. :D
SHARE
Ritratto di Vito Kahlun
Ven, 06/07/2012 - 12:45
Vkahlun
Non mancano accenti sulle "è". Non ci provi Strugel... :P
SHARE
Ritratto di Jacopo Tondelli
Ven, 06/07/2012 - 13:15
jtondelli
e comunque, visto che amate tanto fare i maestrini sul blog di Vito (e non solo), ogni tanto firmatevi. Non dovreste vergognarvi di avere un nome e un cognome. O no?
SHARE
Ritratto di Marco Giovanniello
Ven, 06/07/2012 - 17:00
mgiovanniello
<p>italo non ha treni non stop, perci&ograve; fra Milano e Roma i Frecciarossa non stop arrivano 30 minuti prima.</p>
SHARE
Ritratto di Vito Kahlun
Dom, 08/07/2012 - 01:36
Vkahlun
<p>Grazie al Direttore e grazie a tutti voi per le critiche pi&ugrave; o meno utili. I primi ad avermi fatto dei rilievi hanno potuto notare che ho fatto alcune modifiche al pezzo. Di questo &quot;gli :D&quot; ringrazio! Per quello che riguarda l&#39;opportunit&agrave; del pezzo in se il discorso cambia. Essendo il mio un blog credo sia lecito scriverci ci&ograve; che mi pare. Il punto &egrave; per&ograve; un altro: perch&eacute; questo pezzo risulta essere tra i pi&ugrave; letti e condivisi sui social network? Io credo che il motivo sia semplice: per prendersi davvero sul serio bisogna saper essere anche un po&#39; leggeri...</p>
SHARE
Ritratto di Vito Kahlun
Dom, 08/07/2012 - 01:40
Vkahlun
<p>Ciao Anonimo (ma perch&eacute; non vi registrate e commentate con un nick! Sarebbe pi&ugrave; bello potervi rispondere per nome),</p> <p>e grazie per l&#39;apprezzamento. Indubbiamente ci sono molte cose che non mi sono passate per la testa e che non ho scritto, ma ci sar&agrave; occasione per farlo in un altro pezzo...Nel frattempo, se avete consigli, sentite pure liberi di riportarli qui sotto.</p> <p>Per quanto riguarda la tratta Roma-Reggio Calabria ti prometto che se mi chiamano per un colloquio da quelle parti, e mi tocca andarci in treno, ci faccio il pezzo!&nbsp;</p> <p>Buona settimana,</p> <p>Vito</p>
SHARE
Ritratto di Vito Kahlun
Dom, 08/07/2012 - 01:57
Vkahlun
Marco Corsi, grazie! Se nell'interazione con la tv abbiamo il telecomando, con Internet possiamo avvalerci di mouse e tastiera. Silvia: si riferisce al mio pezzo o fa riferimento ad un'eventuale "cosa da non fare" su Facebook? Guido Belgeri: grazie per la "difesa d'ufficio" e per l'onestà! Cercherò di rendere i pezzi ancora più interessanti (e se l'argomento lo permetterà proverò a rimanerle simpatico) Tiziana: naturalmente la mia è solo una valutazione personale. Credo che un evento grave come la scomparsa di una persona non possa essere liquidato con un post in bacheca. Non dico che sia giusto quel che dico, ma le direi una bugia se le negassi questo mio punto di vista. Pilisaa: grazie a Lei! Condivido il fatto che darsi delle regole, rispettare un minimo di formalità, aiuta ad apprezzare e valorizzare quello che poi è il contenuto del messaggio. Scusate per il ritardo nelle risposte ma finito lo Shabbat ebraico mi sono andato a mangiare un bel gelato in centro.
SHARE
Ritratto di E. G.
Mer, 06/02/2013 - 18:43
Egavino
Interessante.. Spero che almeno qualcuno segua queste semplici regole! :)
SHARE

Pagine

RESTA AGGIORNATO
Iscriviti per non perdere gli articoli e i post del giorno.
Acccetto le condizioni sulla privacy

BREAKING NEWS

Un documento di propaganda dell’Isis in italiano

Si intitola “Lo Stato Islamico, una realtà che ti vorrebbe comunicare' e firmato” ed è un documento di 64 pagine con traduzioni dai materiali in inglese

Smemoranda

I negativi di maicol&amp;mirco

Maicol&amp;Maicol

Le città divise: dove vanno turisti e residenti

Monumenti e piazze sono luoghi per chi visita. Chi vive in città, va altrove. La mappa lo dimostra
SHARE

La strada che affonda nel mare

In Francia un’isoletta è raggiungibile solo con la bassa marea. E hanno messo dei pali di sicurezza
SHARE

La felicità è solo una formula chimica

L’approccio può sembrare troppo arido, ma la verità è questa. Chi vive nei romanzi si rassegni
SHARE

Cinque parole che in origine significavano tutt’altro

Da "casino" a "siringa", il senso era del tutto diverso, ma la storia ha deciso che cambiasse tutto
SHARE

PRESI DAL WEB

Come nasce un capolavoro: il backstage del video di Razzi

Immagini rubate mostrano Antonio Razzi, sul lungomare di Pescara, mentre canta e balla per il suo videoclip "Famme cantà"

La politica non basta più, e Antonio Razzi diventa cantante, con "Famme cantà"

Il brano è una sorta di auto-presa in giro del discusso e discutibile politico, che riprende sue frasi diventate tormentoni e le mette in musica