Rebecca Wilder, su Economonitor (sito promosso da Nouriel Roubini) analizza i dati del primo trimestre 2012 forniti dall'Istat. Un quadro preoccupante, in cui l'unico modesto segno "+" è quello dei consumi pubblici, mentre calano tutte le altre componenti del PIL. Va da sé che si tratta di un dato che potrebbe essere temporaneo. Se la spending review dovesse essere realmente attuata, anche la spesa pubblica calerebbe, con gli effetti depressivi facilmente immaginabili.

di Rebecca Wilder - da Economonitor

L'Istat ha pubblicato i dati del 1 ° trimestre 2012 che testimoniano un crollo del PIL reale dell'economia italiana. Una debole domanda estera più una precipitosa caduta della spesa nel settore privato ha fatto calare il prodotto interno lordo (PIL) dello 0,8% rispetto al trimestre precedente (3,2% ad un tasso annualizzato). I punti salienti sono i seguenti:

  • Gli investimenti fissi lordi (investimenti lordi al netto della variazione delle scorte) sono calati del 3,6% rispetto al trimestre precedente, o del 13,7% ad un tasso annualizzato. Questo è stato il tasso trimestrale di declino più rapido dal 1 ° trimestre 2009, quando gli investimenti fissi lordi sono diminuiti del 5% su base trimestrale.
  • I consumi privati sono calati dell'1,0% rispetto al trimestre precedente, e del 3,9% ad un tasso annualizzato.
  • Le importazioni sono diminuite del 3,6%, e del 13,6% su base annuale.
  • Le esportazioni sono calate dello 0,6%, e del 2,2% ad un tasso annualizzato.

L'unico contributo positivo alla spesa interna è venuto dai consumi pubblici, aumentati dello 0,4% rispetto al trimestre, e dell'1,4% su base annuale.

Il PIL reale in Italia è soltanto dell'1,1% più alto rispetto al livello minimo toccato durante la recessione (Q2 2009).

Inoltre, gli investimenti fissi lordi sono calati ad un ritmo crescente per quattro trimestri consecutivi. Svanisce la speranza di una stabilizzazione, mentre secondo i sondaggi la fiducia delle imprese continua la sua discesa – secondo l'Istat a maggio la fiducia delle imprese manifatturiere è arrivata a 86, il secondo livello più basso dall'inizio dell'UEM e ben al di sotto della media di 100 dal 2000. In generale, l'economia sta implodendo.

Non riponete le vostre speranze sulle esportazioni. Il contributo delle esportazioni alla crescita del PIL è diminuito per due trimestri consecutivi, un trend in controtendenza rispetto al contributo positivo registrato dalla metà del 2009. L'unico motivo per il saldo positivo delle esportazioni nette nel 1 ° trimestre è dovuto al calo delle importazioni.

(Nota: nel grafico qui sotto, se la crescita delle importazioni reali è positiva, allora il contributo al PIL è negativo, e se la crescita delle importazioni reali è negativa, il contributo è positivo).

Questo è un prodotto della politica fallimentare a livello dell'area dell'Euro, e qualcosa deve essere fatto per interrompere questo circolo vizioso.

(traduzione Voci dall'estero)

Keynes Blog
Parole chiave: 
RESTA AGGIORNATO
Iscriviti per non perdere gli articoli e i post del giorno.
Acccetto le condizioni sulla privacy

BREAKING NEWS

Tibet, 32enne si dà fuoco “contro l'occupazione cinese”

Sale a 131 il numero delle persone che si sono autoimmolate nella regione dal 2009 a oggi

Egitto, vietate candidature pro Morsi

Non sono accettabili eventuali candidature dei Fratelli Musulmani né per le elezioni presidenziali che si terranno a fine maggio né alle prossime legislative

Corea Sud, naufraga traghetto con 480 passeggeri: almeno 2 morti

Disastro al largo della costa meridionale. A bordo 320 studenti in gita scolastica

Il capolavoro dell’umiltà: chi pulisce i monumenti

Immagini di luoghi importanti e artistici australiani quando sono nelle mani degli inservienti
SHARE

Il trucco per giocare a snake su Youtube

Il gioco che spopolava sui cellulari alla fine degli anni novanta in una versione particolare
SHARE

Guardare i venti che sconvolgono il mondo

Grecale, maestrale, tramontana: i flussi che girano intorno al globo, in una mappa in tempo reale
SHARE

Le icone del rock a icone

Tata&Friends hanno preso i nomi di decine di band e li hanno trasformati in geniali rebus visivi
SHARE

5x1000

PRESI DAL WEB

La guida (involontaria) di Amazon al traffico di droga

Senza dubbio il gruppo di Bezos non fornisce guide per gli spacciatori, ma il suo algoritmo sembra aver fatto proprio questa cosa

Così il movimento egiziano dei Tamarrod ha aperto la strada al governo militare

Per la prima volta uno dei leader del movimento che si oppose ai Fratelli Musulmani ammette di aver ricevuto ordini dall’esercito: "Siamo stati ingenui"

Andare in profondità: la vita difficile di chi fa speleologia estrema

Giorni interi sottoterra per esplorare caverne, in una delle attività più antiche della storia