Blog di

di Antonio Aloisi

Caro Bersani, non pensare all'elefante!

Blog post del 6/11/2011

Facciamo che io vi chiedo una cosa e voi provate a farla, anche solo per un attimo: ok? Non pensate all’elefante. Proprio così. Provateci: non pensate all’elefante. Impossibile, vero? Proprio non ce la fate, eppure è tutto quello che vi avevo chiesto: non pensare all’elefante. Voi cercate di ricacciarlo negli antri più reconditi della scatola cranica ed invece il pachiderma beffardo vi si para davanti. Hai voglia a non pensare all’elefante.


L’esperimento, che ha fondamenti scientifici seri e non è affatto prova del delirio che ci avvince, dimostra quanto sia energico il potere evocativo delle parole. L’ha ideato il linguista americano George Lakoff dell’Università di Berkeley, servendosi dell’immagine dell’elefante (che in Italia è il sigillo di Giuliano Ferrara, mentre negli States – come ben sapete – è il simbolo dei Repubblicani) per dimostrare l’importanza delle parole nella comunicazione politica e, soprattutto, per spiegare alla 'sinistra' americana come trasmettere i propri valori e progetti all’elettorato distratto, o poco attratto dai messaggi del partito dell'Asinello. Non c’era ancora stato Obama coi social network e la rivoluzione copernicana del marketing elettorale, ed i democratici a stelle e strisce se la passavano piuttosto male. Perdevano competizioni elettorali in continuazione e non riuscivano a convincere neppure la propria base elettorale, analogie a bizzeffe insomma. Era il 2004 ed alla Casa Bianca alloggiava Gerorge W. Bush, un figlio d’arte texano. Lakoff, con le sue ricerche, riuscì a chiarire l’importanza dei frame, le cornici che la nostra mente impiega per incasellare concetti appartenenti allo stesso campo semantico. Banalizzando, si sarebbe detto che i Democrats uscivano dai seggi con le ossa rotte perché non comunicavano o – peggio – perché per comunicare sceglievano il lessico dei propri avversari. La qual cosa aveva un effetto detonante, infatti i frames dei Repubblicani viaggiavano negli universi intellettivi degli elettori due volte, grazie all’inefficace contrattacco del partito progressista. Ed il messaggio più forte era, senza dubbio, l’originale.

È evidente che il segretario del Partito Democratico nostrano, Pigi Bersani, non abbia letto Lakoff, del resto neanche chi scrive: il libro è pressoché introvabile nella traduzione italiana per chi non frequenti un corso di Scienze della Comunicazione (ma fortunatamente le recensioni si sprecano e si segnala in rete un numero di Internazionale dedicato al tema). Il problema comunque non è Lakoff, è Bersani il problema. L’ex ministro ha oggi dichiarato: «la comunicazione sta alla politica come la finanza all'economia». Ora, di per sé la frase significa poco o nulla: immaginiamo si volesse additare la comunicazione quale perditempo ancillare, quale perversione barocca. Ad ogni modo, qualunque cosa la sentenza bersaniana voglia dire, tradisce una visione apocalittica di quel mestiere nobile e dannato che è la politica. Innanzitutto, temo verrà fuori un abecedario pleonastico di questo passo, la comunicazione non è la fabbrica dello slogan in rima baciata né la sintesi maldestra di concetti complicati. Per comunicare, sembrerà banale, ma bisogna avere qualcosa da dire. Il fatto che Bersani si glori di potersene impipare di quest’arte del dire le cose e farsi comprendere (e magari, absit iniuria verbis, farsi anche votare) la dice lunga sull'ineluttabilità delle ultime sconfitte collezionate in casa dem, e – si badi – tra i maggiori flop spicca quello di non riuscire a rappresentare, neppure in questo momento così buio per la Repubblica, un’alternativa credibile al sistema berlusconiano. Certi conti un leader tenace dovrebbe farseli. Se poi è costretto a confrontarsi col tizio che, almeno nel nostro Paese, ha reinventato e rivoluzionato la comunicazione politica: deve pur tentare di misurarsi ad armi non dico pari ma insomma...

Eppure la bordata inattesa, insperata ed inutile al felice connubio 'politica - comunicazione' è parsa, agli occhi dei dietrologi, una pernacchia al cospetto della kermesse messa in piedi dal sindaco Renzi la scorsa settimana. Ora, tentare di azzoppare il competitor screditando lo sport in cui costui sembra primeggiare è una debolezza di noi tutti, forse anche inconscia e comprensibile (fate un rapido esame di coscienza e scoprirete che Bersani è umano, troppo umano), tuttavia pontificare dal palco della manifestazione abbastanza riuscita del maggiore partito di opposizione tentando di convincere i propri militanti che “se non ci capite, è perché siam troppo bravi” non mi pare una strategia troppo azzeccata. Chiedete a Pisapia o a De Magistris o tanti altri cavalli di razza della sinistra italiana se comunicare sia una virtù schifosa, ché le elezioni - ultimamente sempre più - si vincono anche offrendo una «visione» al proprio elettorato ed ai cittadini in genere. Su twitter l’editorialista Dario Di Vico ha commentato: «Alla vigilia di una possibile caduta del Cav. un Togliatti odierno avrebbe rassicurato gli Italiani, avrebbe detto il Pd è la vostra casa. Invece di aprire agli Italiani “in camicia azzurra”, oggi si è polemizzato con i giornali e fischiato Renzi». Quel che è peggio, Bersani è persino riuscito a candidarsi alla marginalità politica o almeno ad un’improponibile successione a questo governo: e dire che di errori in queste settimane se ne erano fatti fin troppi. Da ultimi, l’assenza diplomatica alla manifestazione di Civati e Serracchiani a Bologna e la polemica tutta autoreferenziale col ‘giovane’ Renzi alla Leopolda: eppure da costoro – almeno quanto ad abilità comunicative – Bersani dovrebbe farsi dare ripetizioni. Avere ricette succulente e non far gustare agli ospiti le delizie di casa è un errore da scongiurare a forza.

Sempre che l’inconfessabile ambizione del maggior partito di opposizione, la casa in cui dialogano progressisti e moderati (ipse dixit), sia sempre quella di candidarsi alla guida del Paese. E, visto che c’è, vincere anche le elezioni: non sia mai possa ancora capitare. Si potrebbe cominciare col convincere - per ora a parole - gli Italiani, è un’idea: per carità, ma hai visto mai che sia quella vincente?

COMMENTI /

Ritratto di Borgognoni
Dom, 06/11/2011 - 12:30
Borgognoni
La frase "la comunicazione sta alla politica come la finanza all'economia" significa poco o nulla, come dice lei, perché è monca. Continuava infatti con "utili entrambe, buone, indispensabili: ma non possono prendere il comando, non possono dettare il compito". Non perderò tempo a chiederle di se ha qualcosa da eccepire a questa formulazione, ma ci tenevo a esprimerle lo stupore per il fatto che osservatori attenti come lei fingano di non averla udita. Strano, giacché in piazza invece l'hanno compresa tutti piuttosto bene e, a giudicare dagli applausi, l'hanno anche molto apprezzata. Lei era distratto?
SHARE
Ritratto di Antonio Aloisi
Dom, 06/11/2011 - 16:21
Aaloisi
<p>Ho provato a sintetizzare il seguito del discorso di Bersani, forse ingloriosamente, con l&#39;espressione sintetica <em>&quot;immaginiamo si volesse additare la comunicazione quale perditempo ancillare, quale perversione barocca (...)&quot;.</em></p> <p>Quanto agli applausi, felice che ce ne siano stati&nbsp;ma la cosa - converr&agrave; - non dovrebbe stupire: se i militanti non stimano il proprio leader saremmo messi maluccio. Il punto sono &#39;gli altri&#39;. Come si prendono gli applausi anche dagli altri?</p>
SHARE
Ritratto di Antonella
Dom, 06/11/2011 - 13:30
Antonella
Beh, non è una grande premessa citare Lakoff senza averlo letto. E ovviamente questo approccio si riflette sulle argomentazioni portate. Scrivi: "L’ex ministro ha oggi dichiarato: «la comunicazione sta alla politica come la finanza all'economia». Ora, di per sé la frase significa poco o nulla: immaginiamo si volesse additare la comunicazione quale perditempo ancillare, quale perversione barocca. Ora, questo vuol dire che 1. non hai sentito il discorso 2. non ti sei preso la pena di cercarti il testo in Rete (disponibile da ieri, eccolo http://beta.partitodemocratico.it/doc/225852/in-nome-del-popolo-italiano.htm) La frase completa è infatti: "E’ perché pensiamo che la comunicazione sta alla politica come la finanza sta all’economia: utili entrambe, buone, indispensabili: ma non possono prendere il comando, non possono dettare il compito!" E la frase precedente (tanto per capire il contesto) è: "Si deve discutere sui problemi veri, che i cittadini capiscono, e non sui problemi che capiamo solo noi e qualche organo di stampa. Si deve discutere, ma trasmettendo solidarietà e unità sulle scelte che si prendono. E se ci chiamiamo Partito Democratico, vuol dire che non facciamo il verso al berlusconismo ma che facciamo l’inverso del berlusconismo!" Direi che questo rende le argomentazioni inutili. Magari sarebbero state anche sensate, date le premesse, ma non c'è stato nemmeno lo sforzo di documentarsi: un po' un controsenso per un posto che dice di chiamarsi Linkiesta, no? E sinceramente penso che Bersani non abbia granché da imparare da uno come Civati che ha fatto lo stesso tuo discorso superficiale con l'aggravante di essere stato lì mentre Bersani parlava e di essere un membro del PD con tanto di incarico ben retribuito da due legislature: insomma, da uno come lui mi aspetterei certo discussione (l'avere un incarico non vuol dire zittirsi automaticamente) ma con maggiore profondità e documentazione. Vedo che né tu né lui vi siete presi la briga di cercare e linkare il testo del discorso. Lo rimetto qui: http://beta.partitodemocratico.it/doc/225852/in-nome-del-popolo-italiano.htm P.S. io ho una copia di Lakoff, te la presto volentieri, se ti interessa
SHARE
Ritratto di Tommaso
Dom, 06/11/2011 - 20:31
Tommaso
Non ho letto l'intervsita a Bersani, ma cosi' fuori dal contesto a me la frase «la comunicazione sta alla politica come la finanza all'economia» indica tutt'altra cosa. Dato che la finanza e' essenziale all'economia perche' la finanza serve per la gestione degli investimenti, cioe' il motore propulsivo dell'economia, la frase sopra mi sembra dire che la comunicazione e' un elemento essenziale della politica. Come in effetti e'.
SHARE
Ritratto di Lobo
Dom, 06/11/2011 - 20:55
Lobo
@Borgognoni e @Antonella sicuri di non essere voi a non voler capire il senso dell'articolo?
SHARE
Ritratto di lalla
Lun, 07/11/2011 - 09:34
lalla
Scusa se abbasso il tono della denuncia. Ma dove hai trovato l'immagine? Mi interessava capire quand'è che l'elefante lakoffiano si è accoppiato con l'ippopotamo della Pampers, è un'ottima metafora d'integrazione.
SHARE
RESTA AGGIORNATO
Iscriviti per non perdere gli articoli e i post del giorno.
Acccetto le condizioni sulla privacy

BREAKING NEWS

Commissione Ue: raggiunta intesa su Mogherini agli esteri

Il polacco Donald Tusk è il nuovo presidente del Consiglio Ue

Marchionne bacchetta l’Italia: “Paese non competitivo, non in grado di reagire”

Dal meeting di Rimini: “Dal 2010 non è ancora cambiato nulla, è da 10 anni che ci vogliono riforme strutturali”

Golan: combattimenti in corso tra caschi blu filippini e ribelli siriani

L’Onu è presente sulle alture per monitorare la zona contesa tra Israele e Siria

Bachelor of Arts in Lingua, letteratura e civiltà italiana

La nostra vita trasformata in un videogioco

Un software permette di riprodurre situazioni tipiche della quotidianità, per capire come agire
SHARE

Quindici modi per sconfiggere il jet-lag

Un problema per chi viaggia in posti lontani. Si deve dormire, ma si può fare anche di più
SHARE

Consigli utili per smettere di rimandare sempre tutto

Procrastinare per molti è un vero e proprio modus vivendi, ecco come fare per smettere
SHARE

L’app che ti dice se sei dipendente dal tuo smartphone

Moment calcola tutto il tempo che passate interagendo con lo smartphone. Più di quanto credete
SHARE
Quitaly Compra la raccolta dei reportage di Quit su Amazon e Ibs.it

PRESI DAL WEB

Il re saudita avverte: il prossimo obiettivo dell’Isis sarà l’Occidente

«Se li ignoriamo ancora, arriveranno in Europa in un mese»

L’effetto di Internet sulla memoria

L’uso di internet e, in generale, delle tecnologie digitali avrebbe effetti positivi sulla memoria e sulle capacità cognitive

I giornali (di carta) che non stanno morendo

Uno sguardo alle altre società di New York City media, dove la pubblicità sulla stampa porta ancora entrate importanti e i lettori continuano ad abbonarsi