Blog di

di Paolo Massa

Addio Lucio Dalla, caro amico del '43

Blog post del 1/03/2012

Ci ha lasciato all'improvviso, Lucio Dalla, mentre in Svizzera si stava preparando a fare la cosa che più gli piaceva: suonare dal vivo davanti al suo pubblico. Un'artista, un musicista, non dura molto senza pubblico. Lucio Dalla in realtà non è morto, la sua musica continuerà a vivere delle emozioni che i tanti fan si porteranno dietro per sempre.

Guardatevi Banana Republic, il documentario del 1979 di Ottavio Fabbri sul concerto simbolo del tour insieme a Francesco De Gregori, e capirete che Lucio Dalla era proprio un animale da palcoscenico: nato per cantare e suonare rigorosamente dal vivo. 
Che la terra ti sia lieve, Lucio, come il dolce suono della tua fantastica versione di You've Got A Friend di Carole King. Grazie di cuore, caro amico del '43!

RESTA AGGIORNATO
Iscriviti per non perdere gli articoli e i post del giorno.
Acccetto le condizioni sulla privacy

BREAKING NEWS

Regionali, Emilia Romagna e Calabria al voto: crolla l'affluenza

Urne aperte dalle 7 alle 23 per l'elezioni dei governatori

Legge di Stabilità, via libera dall’Unione europea

A marzo 2015 ci sarà però un nuovo esame per Italia, Francia e Belgio

La scienza occulta dietro alla copertina dei libri

In un libro il testo non è tutto. Conta molto anche la copertina. Spesso è perfino la cosa migliore
SHARE

Istruzioni per stringere nuove amicizie anche da adulti

Matrimonio e carriera impediscono nuovi legami. Essere soli è più rischioso che essere fumatori
SHARE

Spiare l’intimità degli abitanti di Parigi

Una fotografa americana ha ripreso la vita privata di alcuni cittadini, catturando momenti unici
SHARE

La mappa che rivela quanto è rumorosa la tua città

Applicazioni e mappe di centri europei monitorano l’inquinamento acustico
SHARE
Quitaly Compra la raccolta dei reportage di Quit su Amazon e Ibs.it

PRESI DAL WEB

Come Barilla si è trasformata in un’azienda paladina dei diritti dei gay

Dopo l’uscita di Guido Barilla, la società ha finanziato associazioni gay, esteso programmi sanitari a transgender e usato una coppia lesbica in una promozione

Cosa pensano gli indiani che vanno a visitare Auschwitz

Riflessioni di un turista orientale di fronte a una delle pagine più oscure della storia dell’Occidente