Blog di

di Paolo Massa

La democrazia in America tra palco e realtà

Blog post del 4/01/2012

La giostra delle elezioni americane è appena partita dallo Stato dell’Iowa che ha dato avvio alle primarie repubblicane. La vittoria risicata del mormone Mitt Romney, ex governatore del Massachusetts apprezzato da moderati e indipendenti, meno dai conservatori duri e puri, spiana la strada ad altri candidati, finora nell’ombra come il cattolico Rick Santorum, del sempre più diviso Grand Old Party.

In realtà la campagna elettorale a stelle e strisce è iniziata subito dopo l’elezione di Barack Obama, primo presidente nero degli Stati Uniti: dal 2009 con la nascita del movimento Tea Party e dal 2011 durante l'autunno americano di Occupy Wall Street generatosi sulla scia della primavera araba e degli indignados spagnoli di Puerta del Sol a Madrid.

Consiglio a tal proposito tre documentari. Il primo, L’assedio di Wall Street, realizzato dal corrispondente della Rai da New York Gerardo Greco: un racconto nei meandri del movimento che ha occupato per mesi Zuccotti Park a Manhattan, a due passi dal centro della finanza mondiale, con un occhio alle storie dai palazzi della Borsa. Da vedere, sempre per restare in tema, anche il lavoro di Andrea Salvadore e Matteo Minasi dal titolo Indignati Americani.

Il terzo film è (Astro)Turf Wars, diretto nel 2010 dal regista australiano Taki Oldham: un documentario per indagare su chi c’è dietro il gruppo del Tea Party che da fenomeno locale è arrivato nel 2009 fino a Washington per portare davanti alla Casa Bianca le proprie istanze pro-mercato e anti-tasse. Due movimenti popolari - Occupy Wall Street e Tea Party - con i quali Barack Obama e il futuro candidato repubblicano alla presidenza dovranno fare i conti.

RESTA AGGIORNATO
Iscriviti per non perdere gli articoli e i post del giorno.
Acccetto le condizioni sulla privacy

BREAKING NEWS

Arrestato Helg presidente Camera commercio di Palermo per estorsione

Bloccato ieri mentre intascava una tangente di 100mila euro da un ristoratore, affittuario di uno spazio dell’aeroporto, si era rivolto a lui per una proroga

L’autonoleggio Maggiore è stato comprato da Avis per 170 milioni di euro

La preoccupazione dei sindacati: «Continueremo a mobilitarci per la salvaguardia di tutti i 400 posti di lavoro»

Smemoranda

I negativi di maicol&mirco

Maicol&Maicol

Il business controverso delle banconote per i film

Produrre soldi falsi per il cinema è redditizio, ma può creare problemi con la legge (davvero)
SHARE

Barbapapà, i veri ideologi del No-Tav

Una riflessione su un cartone animato terzomondista ed ecologista, dopo la morte del loro creatore
SHARE

Cosa succede se i film di Kubrick diventano videogiochi

Anche se trasposti in un formato diverso, riescono a mantenere i caratteri dell’originale
SHARE

Perché l’igiene corporale è diventata un dogma

Merito di pubblicità ossessive e della nuova urbanizzazione. Ora ci si lava sempre, forse troppo
SHARE

PRESI DAL WEB

Come nasce un capolavoro: il backstage del video di Razzi

Immagini rubate mostrano Antonio Razzi, sul lungomare di Pescara, mentre canta e balla per il suo videoclip "Famme cantà"

La politica non basta più, e Antonio Razzi diventa cantante, con "Famme cantà"

Il brano è una sorta di auto-presa in giro del discusso e discutibile politico, che riprende sue frasi diventate tormentoni e le mette in musica