L’Altro Cinema

Blog di

di Paolo Massa

Occupy Wall Street (secondo Al Jazeera) e il ritorno della primavera americana

Blog post del 23/03/2012

Il 17 settembre 2011 iniziava a New York l'occupazione pacifica di Zuccotti Park, a due passi dal centro della finanza mondiale. Sono trascorsi appena sei mesi dalla nascita del movimento Occupy Wall Street che, sulla scia delle proteste in Tunisia e in Egitto, in Spagna e in Grecia, ha influenzato il dibattito politico negli Stati Uniti di Barack Obama, in attesa delle elezioni presidenziali del prossimo novembre.

Al Jazeera ha dedicato in questi giorni un documentario ai manifestanti di Zuccotti Park, delineandone - attraverso interviste e immagini dai luoghi dell'occupazione - la genesi e l'evoluzione durante gli ultimi mesi che hanno visto il movimento in affanno dopo lo sgombero del parco da parte della polizia newyorkese. 

Ma con il ritorno della primavera americana, i ragazzi e le ragazze di Zuccotti Park si stanno preparando a far sentire ancora più forte la loro voce in occasione, il prossimo maggio a Chicago, del summit del G8 e della NATO. Me l'ha confermato in un'intervista anche Kalle Lasn, fondatore della rivista canadese Adbustersche lo scorso luglio ha lanciato su Twitter l'idea di occupare Wall Street:

Ora che la prima fase della contestazione si è conclusa, sono convinto che in un secondo momento il movimento comincerà a sviluppare un programma di cambiamento politico e sociale. Avremo centinaia di gruppi in tutto il mondo pronti a farsi sentire attraverso flash mob e occupazioni a sorpresa, come per esempio nelle banche. Penso che d’ora in avanti, specialmente il prossimo maggio a Chicago durante il summit del G8 e della NATO, e anche attraverso la richiesta della Robin Hood Tax e della Tobin Tax sulle transazioni finanziarie, assisteremo a una fase della protesta molto più articolata.

COMMENTI /

Ritratto di Marco Giovanniello
Dom, 25/03/2012 - 03:57
mgiovanniello
Occupy Wall Street, per fortuna se ne sente parlare sempre meno.
SHARE
Ritratto di Paolo Massa
Dom, 25/03/2012 - 14:30
pmassa
Verrà smentito ben presto, caro Giovanniello. A partire dal prossimo maggio a Chicago.
SHARE
RESTA AGGIORNATO
Iscriviti per non perdere gli articoli e i post del giorno.
Acccetto le condizioni sulla privacy

BREAKING NEWS

Apple, risultati superiori alle aspettative: utili per 10 miliardi nel trimestre

Ricavi per 45 miliardi di dollari. Annunciato un buy-back per 30 miliardi di dollari. Il titolo vola

Facebook, volano i ricavi: oltre 2,5 miliardi nel secondo trimestre

A spingere i ricavi del social network è la pubblicità sul mobile. Ma il direttore finanziario lascia

Ucraina, strappata alle forze filorusse la città di Sviatogorsk

L’annuncio del ministero degli Interni di Kiev: I reparti speciali di Kiev riconquistano la cittadina perché al confine tra Donetsk, Lugansk e Kharkiv

Cinque cose che forse non sapevate su Shakespeare

Nel giorno del suo compleanno che, e questa è la prima cosa, coincide con quello della sua morte
SHARE

L’arte sottile dei saluti e delle strette di mano

In ogni Paese ci sono codici di saluto diversi: meglio impararli prima di andarci con questo video
SHARE

Lo splendore della risonanza magnetica sulla verdura

Un utilizzo artistico di uno strumento medico rivela mondi impensabili per cose di tutti i giorni
SHARE

Ecco come nascondere app e cartelle su iPhone

Con pochi semplici passi si può scegliere di rendere invisibili le app con contenuti privati
SHARE

5x1000

PRESI DAL WEB

Da stasera Silvio non potrà più uscire di casa senza questo foglio

arà la sua ‘bussola’, gli indicherà cosa può fare e cosa no, chi può vedere e chi no, a che ora deve andare a coricarsi

Arriva l’alcol in bustina: basta aggiungere un po’ d’acqua ed ecco una vodka

Per quelli che non hanno il tempo di sedersi al tavolino del bar, ecco la soluzione. Un bicchiere d’acqua e una bustina e il gioco è fatto. Ma sarà buono?

Perché il cibo sano ha un gusto peggiore di qualsiasi altro cibo

Esistono trucchi alimentari per ingannare il nostro cervello. E molti ristoranti li utilizzano per confonderci quando si tratta di mangiare sano