Blog di

di Paolo Massa

Occupy Wall Street (secondo Al Jazeera) e il ritorno della primavera americana

Blog post del 23/03/2012

Il 17 settembre 2011 iniziava a New York l'occupazione pacifica di Zuccotti Park, a due passi dal centro della finanza mondiale. Sono trascorsi appena sei mesi dalla nascita del movimento Occupy Wall Street che, sulla scia delle proteste in Tunisia e in Egitto, in Spagna e in Grecia, ha influenzato il dibattito politico negli Stati Uniti di Barack Obama, in attesa delle elezioni presidenziali del prossimo novembre.

Al Jazeera ha dedicato in questi giorni un documentario ai manifestanti di Zuccotti Park, delineandone - attraverso interviste e immagini dai luoghi dell'occupazione - la genesi e l'evoluzione durante gli ultimi mesi che hanno visto il movimento in affanno dopo lo sgombero del parco da parte della polizia newyorkese. 

Ma con il ritorno della primavera americana, i ragazzi e le ragazze di Zuccotti Park si stanno preparando a far sentire ancora più forte la loro voce in occasione, il prossimo maggio a Chicago, del summit del G8 e della NATO. Me l'ha confermato in un'intervista anche Kalle Lasn, fondatore della rivista canadese Adbustersche lo scorso luglio ha lanciato su Twitter l'idea di occupare Wall Street:

Ora che la prima fase della contestazione si è conclusa, sono convinto che in un secondo momento il movimento comincerà a sviluppare un programma di cambiamento politico e sociale. Avremo centinaia di gruppi in tutto il mondo pronti a farsi sentire attraverso flash mob e occupazioni a sorpresa, come per esempio nelle banche. Penso che d’ora in avanti, specialmente il prossimo maggio a Chicago durante il summit del G8 e della NATO, e anche attraverso la richiesta della Robin Hood Tax e della Tobin Tax sulle transazioni finanziarie, assisteremo a una fase della protesta molto più articolata.

COMMENTI /

Ritratto di Marco Giovanniello
Dom, 25/03/2012 - 03:57
mgiovanniello
Occupy Wall Street, per fortuna se ne sente parlare sempre meno.
SHARE
Ritratto di Paolo Massa
Dom, 25/03/2012 - 14:30
pmassa
Verrà smentito ben presto, caro Giovanniello. A partire dal prossimo maggio a Chicago.
SHARE
RESTA AGGIORNATO
Iscriviti per non perdere gli articoli e i post del giorno.
Acccetto le condizioni sulla privacy

Ridere con Truth Facts, i fatti veri più veri del vero

Sono vignette che rappresentano situazioni proverbiali, verità note a tutti ma mai diffuse
SHARE

Un anno di CO2: cosa succede nei cieli della Terra

I viaggi dell’inquinamento atmosferico in una simulazione molto chiara della Nasa
SHARE

Altro che Gates: il più ricco della storia è lui

Si chiamava Mansa Musa. Regalava tanto oro che, passando per l’Egitto, fece crescere l’inflazione
SHARE

L’atlante dei Paesi felici e di quelli infelici

La sperequazione della ricchezza è un male, ma quella della felicità forse è anche peggio
SHARE
Quitaly Compra la raccolta dei reportage di Quit su Amazon e Ibs.it

PRESI DAL WEB

Indiane d’America: la storia oscura di donne dimenticate ma libere

Nessuno conosce, a parte Pocahontas, un nome di squaw famose. Eppure, prima della conquista, vivevano in società molto più egalitarie di quelle europee

Leonardo Di Caprio e Angelina Jolie: come l’Onu sceglie i suoi ambasciatori

Non tutte le celebrità possono rappresentare l’Organizzazione. È un mix di marketing e di politica do tu des

Messico: altri 31 studenti rapiti da uomini armati

Dopo l’uccisione dei 43 studenti di Iguala, lo stesso accade al villaggio vicino di Cocula