Blog di

di Maria Cattini

Policentrica: la città senza penalizzare il territorio

Blog post del 18/07/2012
Parole chiave: 

Il modo in cui il Governo Monti intende impostare la complessa ricostruzione dell’Aquila suscita alcune legittime perplessità. Infatti il decreto emanato dal ministro Barca sembra voler ignorare che fin dalle sue origini tardo-medievali L’Aquila si configura come una città-territorio nata dal contributo di un centinaio di centri minori desiderosi di dotarsi di un mercato comune e di una autonomia comunale. Per un paio di secoli la grandezza dell’Aquila si è giocata proprio sul nesso intus-extra che legava l’urbs nova alle civitates fondatrici, come testimonia la perfetta corrispondenza tra insediamenti e toponimi intra moenia ed extra moenia.

Si trattava di un modello urbanistico multipolare calato in un territorio dalle alte qualità ambientali che si rappresentava in un grande centro, non antagonista ma di unione sinergica delle diversità.

Dalla dominazione spagnola del XV secolo fino all’età contemporanea, gran parte dei problemi dell’Aquila sono nati proprio dall’alterazione di quell’equilibrio originario, in favore di una visione urbana di tipo monocentrico, non più funzionale al territorio, con una irreversibile marginalità socio-economica dei centri minori.

Le scelte attuali del Governo, se da un lato riportano l'attenzione sulla ricostruzione della città storica - imprescindibile e per troppo tempo rimandata - dall'altro, concentrando gli interventi pubblici dentro le mura, rischiano di segnare la definitiva rottura dell’antico equilibrio territoriale, perdendo l’occasione di una robusta riqualificazione delle periferie periurbane e di un rilancio dei borghi minori i quali, nonostante le loro enormi potenzialità economiche, appaiono esclusi anche a lungo termine dalla rinascita post-sismica. Tante voci si sono alzate in difesa di questo enorme patrimonio del quale L’Aquila, l’intera provincia e la Regione, non possono fare a meno; e non solo per ragioni storiche, culturali, turistiche ed economiche, ma anche per le mutate condizioni abitative. Anche all’interno del consiglio comunale dello scorso 10 luglio, aperto anche ai sindaci dei comuni del cratere del territorio aquilano, è stata sottolineata la necessità di un raccordo con le frazioni e di un legame con il territorio, meglio ancora se istituzionalizzato.

Come più volte sottolineato, sarebbe necessario ascoltare le esigenze del territorio e progettare con loro un futuro condiviso, da potersi realizzare in tempi certi. Il rischio è che per lungo tempo decine di migliaia di abitanti debbano continuare ad organizzare la propria vita in una sorta di caotica città diffusa priva di qualunque intelligenza previsionale, nella speranza di rivedere un giorno il pur preziosissimo centro storico.

Va da sé che una simile visione accentuerebbe le criticità pre-sisma relative alla mobilità, alla discontinuità dei tessuti urbani, alla incentivazione alle espansioni suburbane, alla fratture delle reti ecologiche e vegetazionali, alla crescita caotica senza un’idea urbana, nella quale proliferano luoghi senza qualità, separati sia dal centro storico, sia dai centri minori del contado.

Preoccupa che la logica della separazione tra città e territorio venga applicata proprio da quel Governo che si fa vanto altrove di proporre efficienti accorpamenti in aree metropolitane, macro-regioni e macro-province.

E stupisce che il Ministro “per la coesione territoriale” non abbia scelto di superare l’attuale visione a-sistemica della città dell’Aquila, sollecitando la ricomposizione di un nesso virtuoso tra la città ed il suo territorio, in una prospettiva innovativa e condivisa di ricostruzione/riconversione, che consideri la riapertura graduale di parti del centro storico e la contestuale riqualificazione, rivitalizzazione e ricucitura delle zone periferiche e dei centri minori.

Associazione Policentrica Onlus

Parole chiave: 

COMMENTI /

Ritratto di citizen
Dom, 16/06/2013 - 19:16
citizen
Policentrica: la città senza penalizzare il territorio | L'Aquila Blog. Opinioni a confronto sui fatti che contano citizen http://www.watchesjapan.cc
SHARE
RESTA AGGIORNATO
Iscriviti per non perdere gli articoli e i post del giorno.
Acccetto le condizioni sulla privacy

BREAKING NEWS

Precari della scuola, l’Italia condannata dalla Corte di giustizia Ue

La sentenza della Corte europea viene dopo i ricorsi del sindacato che richiamavano le norme europee contro l’abuso dei contratti a termine nel pubblico impiego

Ferguson, nuovi scontri nella notte. Obama: "Stop alle violenze"

Lo scorso agosto il poliziotto Darren Wilson ha ucciso il 18enne afroamericano Michael Brown

Iva, Tasi e bollo auto. Ecco tutte le altre tasse più evase dagli italiani

Oltre 130 miliardi di euro sottratti ogni anno all’Erario

Altro che Gates: il più ricco della storia è lui

Si chiamava Mansa Musa. Regalava tanto oro che, passando per l’Egitto, fece crescere l’inflazione
SHARE

L’atlante dei Paesi felici e di quelli infelici

La sperequazione della ricchezza è un male, ma quella della felicità forse è anche peggio
SHARE

Contro il declino dell’umanità boicottate “Chick chick”

La nuova canzone è un passo in avanti verso il baratro. Nel nostro piccolo, cerchiamo di impedirlo
SHARE

Jessica Minh Anh: sfilate strane per combattere la noia

In cima alla Torre Eiffel o nel Grand Canyon: la modella cerca nuovi spazi per la creatività
SHARE
Quitaly Compra la raccolta dei reportage di Quit su Amazon e Ibs.it

PRESI DAL WEB

Indiane d’America: la storia oscura di donne dimenticate ma libere

Nessuno conosce, a parte Pocahontas, un nome di squaw famose. Eppure, prima della conquista, vivevano in società molto più egalitarie di quelle europee

Leonardo Di Caprio e Angelina Jolie: come l’Onu sceglie i suoi ambasciatori

Non tutte le celebrità possono rappresentare l’Organizzazione. È un mix di marketing e di politica do tu des

Messico: altri 31 studenti rapiti da uomini armati

Dopo l’uccisione dei 43 studenti di Iguala, lo stesso accade al villaggio vicino di Cocula