Blog di

di Maria Cattini

Una chiara lezione di politica economica

Blog post del 15/06/2012

La lettera circolare inviata da David Axelrod in data 15 giugno 2012 è una chiara e semplice lezione di politica economica, avente a soggetto la possibile crescita della classe media. La riporto traducendo integralmente dal testo, poiché ritengo che sia materia di grandissima attualità che offre ampio spazio a discussioni.

Siamo in un momento cruciale per gli americani della classe media e tutti quelli a cui interessa devono sentire il discorso che il Presidente ha fatto oggi a Cleveland.

In questa elezione siamo di fronte ad una scelta fra due visioni profondamente diverse della crescita dell’economia. Il sentiero lungo cui vogliono condurci Mitt Romney ed i suoi alleati repubblicani è esattamente quello che ci ha portato alla crisi del 2008. Dobbiamo respingere quelle politiche e condividere la visione del Presidente riguardo alla crescita dell’economia non dall’alto in basso , ma a partire dalla classe media in poi.

La scelta non potrebbe essere più chiara riguardo agli argomenti più rilevanti per gli americani:

Istruzione Migliore: Abbiamo bisogno di buoni insegnanti, di aiutare più studenti ad andare all'università ed a prepararsi per un lavoro, non ammassare ragazzi nelle classi e tagliare le borse di studio.

Più Energia Pulita: Abbiamo bisogno di investire in promettenti forme di energia per creare un mercato per l’innovazione e buoni posti di lavoro per il futuro, non tornare a contare sul petrolio straniero.

Guidare con l’Innovazione: Abbiamo bisogno di investire sui nostri migliori scienziati, ricercatori ed imprenditori per innovare qui, non cedere idee nuove a paesi come la Cina e l’India.

Infrastrutture che creano lavoro: Abbiamo bisogno di strade, ponti, porti, tecnologia a banda larga che attragga imprese e che crei qui posti di lavoro, non di progetti giocattolo e ponti verso il nulla.

Una giusta e semplice riforma della tassazione: Abbiamo bisogno di compensare imprese che creano lavoro qui invece di compensare quelle all'estero, e dobbiamo chiedere ai più ricchi di pagare una giusta parte, non di sacrificare investimenti fondamentali per la classe media

Questa crisi economica non è incominciata nel 2008. Da più di un decennio prima, sapevamo che le cose non andavano per il verso giusto. Vedevamo che tutti i costi, dalla salute all' istruzione, crescevano più dei salari. Buone paghe e posti di lavoro per la classe media sempre più difficili da trovare, mentre sempre più imprese trasferivano la produzione all'estero.

La soluzione dell’altro partito è la stessa, allora ed oggi: massicci tagli fiscali a beneficio principalmente dei ricchi, abolizione di regolamenti riguardanti i comportamenti rischiosi di finanza e le banche, e tagli ai servizi da cui dipende la classe media. Dieci anni fa Bill Clinton lasciò un surplus record. Ma l’ultima amministrazione ha condotto due guerre, ha fatto due grossi tagli fiscali, ha prodotto un programma di riduzione di Medicare, ed ha consegnato al Presidente Obama un deficit di un trilione di dollari ed una crisi economia devastante.

E’ incredibile che Romney ed i suoi alleati vogliano tornare alle stesse politiche disastrose: tagli di tasse per i ricchi da mandare in rovina il bilancio, e libertà a Wall Street di scrivere le sue regole. Abbiamo sperimentato la formula fallimentare di Romney per dieci anni. Ha giovato a pochi, ha fatto esplodere il deficit, ha disastrato l’economia, ed ha devastato la classe media. Non ha fatto crescere l’economia, né creato buoni posti di lavoro, né abbassato il debito. E non funzionerà neppure questa volta: economisti indipendenti confermano che il progetto di Romney non taglierebbe il deficit,e neppure creerebbe lavoro, invece rallenterebbe la crescita ci respingerebbe in recessione.

Oggi il Presidente ha proposto una visione diversa, per cui ciascuno di noi, prescindendo da chi sei, da dove vieni, e da quanto grande sia il tuo conto corrente, si adoperi per ricostruire le fondamenta del nostro paese e dell’economia. Invece di altri 250.000 dollari di tagli per i milionari, Obama crede che dovremmo abbassare il debito ed investire in cose che riteniamo necessarie per far crescere l’economia e rinforzare la classe media. Significa rinnovare le infrastrutture obsolete, investire nell’istruzione, abbassare il debito e, sì, chiedere agli americani più ricchi di pagare un po’ di più.

Traduzione della lettera di David Axelrod di Emanuela Medoro. 

RESTA AGGIORNATO
Iscriviti per non perdere gli articoli e i post del giorno.
Acccetto le condizioni sulla privacy

BREAKING NEWS

Reyhaneh Jabbari è stata impiccata in Iran

Nel 2009 la donna era stata condannata per l'uccisione, avvenuta nel 2007, di un uomo che la voleva violentare, un ex dipendente dell'Intelligence iraniana.

Niente evasione fiscale per Dolce e Gabbana, la Cassazione li assolve

Agli stilisti veniva contestata la presunta evasione fiscale che sarebbe stata realizzata, secondo l'inchiesta, con una 'estero-vestizione'

Attacco a un checkpoint egiziano nel nord del Sinai: almeno 25 morti e 26 feriti

Almeno 25 persone sono rimaste uccise, e 26 ferite, in un attacco al checkpoint presidiato dall'esercito egiziano a Karm al-Qawadeis, nel Sinai del nord

Il primo tweet della Regina d’Inghilterra

Elisabetta II, all’età di 88 anni, ha twittato, con tanto di firma. È la prima volta che succede
SHARE

Come diventare un drago a usare Google

Tutti sanno servirsi del motore di ricerca, ma pochi sono in grado di farlo alla grande. Qui si può
SHARE

Sculpture by the Sea: l’arte in spiaggia a Sydney

Oltre 100 opere esposte lungo il litorale della città. La mostra outdoor che apre la primavera
SHARE

Ebola, i rischi per chi ama viaggiare

Chi gira per il mondo è spaventato, ma sbaglia: le probabilità del contagio sono molto basse
SHARE
Quitaly Compra la raccolta dei reportage di Quit su Amazon e Ibs.it

PRESI DAL WEB

La crisi che ha cambiato Papa Francesco

La cura per le persone prima della dottrina e dei dogmi, la storia della sua vita e il momento in cui tutto è cambiato. Perché doveva cambiare

Storia di una fine: il giornale (greco) per i greci di Istanbul sta per morire

L’agonia di Apoyevmatini, una volta organo influente della comunità dei greci di Turchia, ora stampato per solo 600 famiglie è il residuo di un mondo scomparso

Tutti si sono dimenticati di Joseph Kony e del suo Lord's Resistance Army

Ci fu un tempo in cui il tema dominò i media. Ora, dopo la guerra civile in Sud Sudan, l’ebola e le atrocità di Boko Haram se lo sono scordato tutti