Blog di

di Sara Rocutto

beppegrillo.it is down: e se non fosse il solo?

Blog post del 9/06/2012

Siamo tutti anonimi, ma alcuni sono un po’ più anonimi di altri.

A leggere le noizie relative all'attacco informatico subito dal blog di Beppe Grillo non ho potuto far altro che richiamare alla mente questa citazione tratta da “Anonymous. La grande truffa” di Raffaele Alberto Ventura.

Quale condizione migliore per verificarne la veridicità?

Ma riassumiamo con calma i fatti: per qualche ora il blog di Beppe Grillo è reso inacessibile da un attacco DDos rivendicato sul blog ufficiale di Anonymous Italia.

Una serie di Tweet pubblicati sull'account di @anonitaly si avvicendano per negare che l'attacco sia stato proposto dal loro gruppo:

Una nota interessante compare in serata a far riflettere su chi trae vantaggio da Anonymous.

Come si può notare dai tweet, chi legge dovrebbe avere chiaro in mente che Anonymous ha una sua struttura e un suo modo di procedere e arrivare a comprendere come stanno i fatti approfondendo più fonti.

Ma se le fonti "ufficiali" non valgono più, cosa considerare come nuova ufficialità?

Nel corso della notte la rivendicazione sul blog viene rimossa, assieme ai 700 commenti ricevuti, e al suo posto compare una "spiegazione" dei fatti: l'attacco era opera di una cellula che aveva i mezzi, ma non l'appoggio della comunità, l'attacco sarebbe stato posto sotto sondaggio degli utenti. Nel corso della notte il post chiarificatore raccoglie già più di 70 commenti...

E il sondaggio adesso sta lì, nella home page del loro blog. Votabile, a quanto pare, da chiunque.

Se non fosse che stiamo parlando del discutere attorno alla legittimità di un reato che contempla il diritto d'opinione e alcuni principi inalienabili della nostra Costituzione, parrebbe quasi una telenovelas.

Beppe Grillo il giustizialista oserà denunciare a chi di competenza quanto subito o classificherà il tutto nella categoria "son ragazzi"?

Ma la domanda che più mi sta a cuore è: sarà magari questa la volta buona di un Anonymous is DOWN?

Lo spero.

Quello che poteva essere un buon tessuto per la produzione di nuova cultura politica si è affossato in una sorta di autocompiacimento finalizzato tutt'al più a tappare i buchi di qualche quotidiano.

L'azione politica, tanto più quando si vuole mescolare alla disobbedienza (ma dimostare che la disobbedienza all'idea di reato, rispetto a certi attacchi informatici, porti a un bene collettivo non è un ovvietà...) richiede strade e percorsi complicati.

Perchè complesso è l'inconto di idee, la costruzione di pensieri, l'analisi sulle proprie azioni. E sopratutto farsi capire, sempre che lo si desideri sul serio.

Pensare basti il saper portare a termine un attacco di forza bruta per ottenere legittimazione, beh, mi pare banalizzare abbastanza non solo il modo in cui le notizie arrivano alla gente.

Perché siceramente è un modo di fare che non produce niente. Si ferma li e al massimo permette un momento di gloria, un po' di fama.

Come da manuale berlusconiano.

Ne abbiamo davvero ancora bisogno?

(Al massimo produce veglie mal pagate a qualche tecnico, notti in bianco per i nuovi operai del nostro secolo: non è certo il modo migliore per farsi voler bene.)

 

COMMENTI /

Ritratto di ProAssange-InsideJob
Sab, 09/06/2012 - 14:48
ProAssange-InsideJob
Scusa ma di cosa parliamo? Un provider del sito del piu' seguito blogger mondiale non ha gli strumenti per annullare un DDOS nel 2012? Si lascia fermare da quattro ragazzini ignoranti che non sanno chi e Stallman e usano Nessus/Backtrack per fare scanning dei "nemici"? Non ci credo. Se è stato cosi' rivendicarlo a nome di Anonymous Italia è stato un errore fatale al "movimento". Se non è stato cosi' i sondaggi daranno Grillo al 25% fra una settimana.
SHARE
Ritratto di Sara Rocutto
Sab, 09/06/2012 - 15:12
Srocutto
<p>Secondo te quanti hanno gli strumenti per annullare un DDos o si preoccupano del rischio che un giorno possa toccare a loro?? (E quando hanno gli strumenti... non so di quanto sia stato l&#39;attacco subito da Grillo, ma dentro anonynous c&#39;&egrave; chi sul serio, come specificano nel loro stesso comunicato, ha fior fiore di botnet a disposizione.)</p> <p>Il problema, secondo me, &egrave; che un movimento che si basa sull&#39;essere anonimo, beh, come fa a garantire la coerenza dello stesso e garantire che le decisioni prese non derivino dalle idee di qualcuno che prevale su altri?</p> <p>http://anon-news.blogspot.it/2012/06/italy-beppegrillo-dovete-sapere-anche.html hanno pubblicato un ulteriore nota a riguardo...</p>
SHARE
Ritratto di ProAssange-InsideJob
Dom, 10/06/2012 - 12:55
ProAssange-InsideJob
La "non-prevenzione" è un tema storico (direi anzi "classico") della Security da vent' anni. Certo se sono Grillo che attraverso un blog e i suoi video interventi raccoglie (potenzialmente) voti per essere il 2° partito d' Italia, ci penserei bene a NON spendere mille euro in piu' per farmi proteggere ed attuare policy di Recovery Rapido per il sito. Se l' esposizione su Internet è il mio "core business", su questo DEVO investire. (Speriamo la lezione sia servita). Sul tema dell' anonimato siamo a cose note e arcinote. I "lamers" che si innamorano di Backtrack o di Nessus sono un fenomeno ricorrente e classico. In genere gravitano "filosoficamente" (ammesso che capiscano qualcosa di politica in modo autonomo) nell' area dei "centri sociali". Il punto è non metterli in condizione di nuocere. (Specie se sei il potenziale 2° partito politico d' Italia o una banca online...)
SHARE
RESTA AGGIORNATO
Iscriviti per non perdere gli articoli e i post del giorno.
Acccetto le condizioni sulla privacy

BREAKING NEWS

Brasile, prende ostaggio in hotel e chiede estradizione Cesare Battisti

Un dipendente sequestrato, l'uomo minaccia di usare la dinamite se non sono soddisfatte le sue richieste

China: Pechino, Usa non interferiscano con proteste Hong Kong

Il governo centrale schierato contro attività illegali. No a sostegno straniero a studenti Pechino

La vita di una donna racchiusa in pochi passi

Un video la racconta come un cammino: mostra il corpo che cambia e i compagni di viaggio
SHARE

Ortaggi e verdure: guida per riconoscere i migliori

Per capire se sono freschi non basta il colpo d’occhio: serve un’expertise che molti non hanno più
SHARE

Nella mappa del web vince la Cina e la Russia scompare

Come apparirebbe il mondo se fosse basato sul numero di utenti connesso alla rete Paese per Paese
SHARE

Onironautica: la tecnica per controllare i propri sogni

Nessuna metafora: i sogni che si fanno di notte possono essere controllati, e divertirsi un mondo
SHARE
Quitaly Compra la raccolta dei reportage di Quit su Amazon e Ibs.it

PRESI DAL WEB

Come Sam Simon, co-autore dei Simpson, si prepara a morire

Gli è stato diagnosticato il cancro due anni fa: pochi mesi per vivere. Simon è ancora vivo e spende tutti i soldi guadagnati in beneficenza

Vassilis Paleokostas, il delinquente imprendibile che diventa eroe nazionale

Rapinatore di banche, latitante, fugge due volte di galera in elicottero, dona i suoi soldi alle persone che incontra

Una vita in cammino: la donna che ha percorso 15mila chilometri in tre anni

Dalla Siberia al Deserto di Gobi, per spazi immensi e desolati. La storia strana di una donna quarantenne, svizzera, e con un’idea di divertimento originale