Blog di

di Alessandro Sannini

L'Italia del domani parte con le startup e le aziende del presente.

Blog post del 22/11/2012

Una panoramica su startup innovative fa emergere come , malgrado tutto e tutti ci sia ancora qualcuno che decide di fare l'imprenditore , dando la speranza che ci potrà ancora essere un " miracolo italiano"

Accanto alle tristezze e alle incertezze politiche e sociali di questo paese. Strani sequestri di persona con tanti dubbi e strane connessioni e tutti che si preparano ad una corsa elettorale con manifesti , nuove aggregazioni e ricollocamenti di personaggi della prima e seconda Repubblica che non avendo altre cose da fare sperano di continuare a fare politica. C'è un altra Italia , quella degli imprenditori , che superando gli ostacoli imposti dal sistema , dallo stato e dalla congiuntura economica continuano ad essere positivi ed avere della progettualità . Ho la convinzione che per fermare il delirio bisogna supportare l'imprenditorialità , chi ha il coraggio di metterci la faccia. In questi due mesi , ho avuto la possibilità di conoscerne qualcuna di queste nuove interessanti realtà  che avanzano. Tim Senders Chief Solutions Officer di Yahoo! e consulente di numerose aziende tra le top 500 di Fortune nei campi del marketing e della strategia Internet ha definito l'amore come killer application per vincere negli affari molte delle persone che ho incontrato hanno queste capacità empatiche e relazionali di condivisione che porta alla crescita. Facciamo la loro conoscenza.

Pietro di Febo , trader indipendente , ha una brillante intuizione la creazione di un canale editoriale e di business con il mercato russo. Con la sua società NextAsset fonda Aurum  ed un universo di opportunità per il mondo del luxury e del made in Italy che vanno da una guida bilingue distribuita ai passeggeri in arrivo all'areoporto di Bologna , un free press patinato ed un App per Iphone.

Il gelato è una delle grandi tradizioni italiane , Lorenzo Marconi e Andrea Portolani, analisti finanziari di lungo corso, lo reinterpretano con Le Botteghe di Leonardo creando una piccola catena di gelaterie con già un piede in Cina attraverso una partnership con un fondo inglese che punta ad aprirne almeno cinquanta. 

La città intelligente e smart è il core business di Paolo Toppan , ingegnere delle telecomunicazioni che con uno spin off accademico  dall'università di Bologna  fonda WI4B  che produce pali da illuminazione intelligenti  che possono contenere una serie di devices che vanno dal wi-fi , alla sorveglianza con funzioni avanzate di controllo remoto che permetotno anche un risparmio energetico. Wi4b allo stato attuale ha commesse importanti in nordamerica e in africa.

Cercare casa non è più un problema!  Alessandro Santo è in giro per gli Stati Uniti per fare funding per Homply  . Questa startup si propone di risolvere il problema offrendo all’utente uno spazio nel cloud dove salvare gli annunci trovati sui sei siti che di media vengono monitorati da chi cerca casa. 

Lo spinoso problema del ghiaccio sulle rampe , su superfici e pavimentazioni viene risolto da una azienda di Asolo , con un prodotto che si chiama Below Zero . Ludovico Bernini è uno dei co-fondatori. L' azienda ha già un pò di clienti tra cui lo Juventus Stadium a Torino. Il liquido è innovativo antiscivolo , non corrosivo e pronto all'uso.

Motociclette , barche e alta sartoria di qualità sono i driver delle aziende di Carlo Bassi amministratore delegato di Class Pubblicità. Borile è una fabbrica di moto artigianali con motore Borile-Ducati di nicchia e di gusto. Sciallino è un cantiere navale con una storia prestigiosa dove sopravvive ancora l'antica arte dei maestri d'ascia. Sartoria AcquadiMare è una prestigiosa sartoria di alto livello di qualità Italiana con una tradizione che dura dal 1949. 

Questa è una panoramica dell'Italia che lavora , che progetta e fa impresa a tutti i livelli , dal food , all'Information technology fino a prodotti di nicchia che esprimono un culto del bello e del gusto. Le aziende sono fatte di persone, di idee e di progetti ed in un momento come questo si guarda all'estero e l'esigenza è quella di esportare la qualità percepita , innovazione e tradizione. Sembra in sostanza di vedere due paesi : L'Italia del lavoro e dei progetti e L'Italia della confusione politica e dell'incertezza. Forse l'Italia che vorremmo è quella di chi " ci mette la faccia" e diventa ambasciatore di cultura e sviluppo con il proprio business in giro per il mondo.

 

 

 

RESTA AGGIORNATO
Iscriviti per non perdere gli articoli e i post del giorno.
Acccetto le condizioni sulla privacy

BREAKING NEWS

Ottawa, spari vicino al Parlamento: ferito un soldato

Un uomo ha aperto il fuoco davanti al Monumento ai Caduti. La sparatoria è continuata nel Parlamento

Il Parlamento Europeo approva la Commissione Juncker

Strasburgo approva con 423 sì, 209 no e 67 astenuti

Morto Ben Bradlee, il direttore che segnò la storia con il caso Watergate

Si è spento nella sua casa di Washington, aveva 93 anni. Spinse i cronisti Bob Woodward e Carl Bernstein a seguire la vicenda

Il primo film per i diritti dei gay è del 1919

"Diverso dagli altri" è stato distrutto dai nazisti. Resta solo l’estratto di un documentario
SHARE

Quanto è cambiata la frutta da quando l’uomo la coltiva

L’anguria era più piccola di una prugna, il mais lungo un dito. Gli organismi sono stati modificati
SHARE

Paura in miniatura: il film horror più corto di sempre

Si intitola “Tuck Me In”, racconta la storia di un padre e di un figlio, e dura meno di un minuto
SHARE

Andare in vacanza a vedere le bombe

Le immagini di Lipsky disturbano: verrà un tempo in cui la calamità sarà solo un fatto estetico?
SHARE
Quitaly Compra la raccolta dei reportage di Quit su Amazon e Ibs.it

PRESI DAL WEB

Il progetto di Putin di spartirsi l’Ucraina con la Polonia

Fece la proposta nel 2008: “L’Ucraina”, diceva, “è un Paese artificiale”

Come le scuse in pubblico diventano uno strumento di potere e privilegio

Non è più una difficoltà da superare, sempre di più le pubbliche scuse sono la strategia di difesa di ricchi e potenti

L’arbitro Rocchi “confessa”: “Juve-Roma? Sul rigore di Maicon ho sbagliato

“Dispiace che la mia prestazione non sia stata ottimale, da questo punto di vista potevo fare meglio“