Blog di

di Gianluca Giansante

5 strumenti utili per la politica sul web

Blog post del 9/05/2013
Parole chiave: 
Argomenti: 

Internet è ormai un protagonista delle nostre vite, secondo le rilevazioni Audiweb oltre l’80% degli italiani tra gli 11 e i 74 anni, 38 milioni, ha accesso a internet.

Si tratta di un dato che ha, chiaramente, un impatto forte sulla politica. È importante, dunque, chiedersi come cambia il rapporto con l'elettore con la maggiore diffusione del web?

Se i media di massa rendevano possibile la comunicazione di un messaggio a migliaia o milioni di persone, con il web è possibile un rapporto diretto con ciascuna persona. Questo implica che non basta più ‘lanciare il proprio messaggio in rete’ come si sarebbe fatto in tv, ma è necessario costruire una relazione con gli elettori.

Cosa vuol dire in concreto? Come è possibile farlo?

Spesso si affronta l’argomento in modo teorico, io voglio farlo in maniera pratica, lasciandovi degli strumenti pratici che potete utilizzare subito dopo aver finito di leggere questo articolo: 5 strumenti per costruire una relazione con i tuoi elettori

1. Rispondi ai messaggi

Una regola banale e mi vergogno a scriverla ma viene violata 1 milione di volte al giorno (come dimostrano varie ricerche sul tema, in Italia ad esempio quelle di Sara Bentivegna e Cristian Vaccari), per cui è importante ripeterla.

2. Rispondi alle critiche
Istintivamente si è portati a voler cancellare il dissenso. La gestione dei commenti critici fa paura.
La tentazione è quella di eliminare, di cancellare, ma se si elimina il commento non si cancella il dissenso che c’è dietro.

I commenti negativi rappresentano una grande opportunità, è l’occasione di interagire, di precisare, di chiarire, o quantomeno di portare il proprio punto di vista su un tema controverso

Aggiungerei un elemento, che mi viene dall’esperienza, la qualità della moderazione, influenza notevolmente la qualità del dialogo e delle interazioni con i cittadini. Una moderazione attenta e rispettosa favorisce un dibattito pacato e corretto.

3. Usa il web per organizzare la partecipazione
Le persone che ti seguono sul web sono molto diverse dal pubblico tv: non devi convincerle a votarti, se ti leggono sul blog o su Facebook probabilmente sono persone a cui piaci o a cui interessi. Puoi usare la Rete, quindi, non per convincere, ma per organizzare la partecipazione, chiedere a chi ti segue sul web di convincere un amico, portare a votare un familiare, fare volantinaggio nel quartiere.

Tra parentesi, in questi mesi impazza la polemica se internet sposta voti. Internet non (solo) sposta voti, ma sposta le persone (ovvero ci sostiene nel lavoro di mobilitazione). Può aiutarvi a costruire un rapporto di fiducia con un gruppo di persone che saranno i vostri primo sostenitori, con il volontariato, la mobilitazione o semplicemente parlando bene di voi ai loro familiari o colleghi di lavoro.

4. Non credere che il web sia a costo zero
Sia che si voglia gestire in prima persona sia che si voglia affidare a uno staff la cura del rapporto con i cittadini richiede tempo e risorse.

Il web non è solo una fantastica opportunità ma anche un settore economico con regole proprie (si veda il ruolo sempre più importante della pubblicità on line). Lo ha capito Beppe Grillo che è al primo posto per investimento sul web fra i politici.

5. Mettiti nei panni degli altri
Per lavorare bene sul web è necessario un cambio di prospettiva. Non siete in un talk show tv dove chi urla più forte, chi fa la battuta più tagliente o chi ha i dati migliori vince. Se una persona vi critica non dovete pensare che non capisce o che sbaglia. Ma chiedervi dove avete sbagliato voi.

È importante mettervi nei panni di chi vi scrive o vi critica. Domandarvi, ‘Cosa farei se fossi disoccupato da molti mesi?’ o ‘se un mio familiare fosse venuto a mancare per un caso di malasanità?’.

È la regola più importante, la più utile ed è un esercizio che vi invito a fare prima di rispondere a qualsiasi messaggio o commento. Dovete sentire dentro di voi il problema, la sofferenza di quella persona, il suo disagio. Solo così sentirete, in modo spontaneo qual è la risposta migliore da dare, che non è la difesa delle vostre ragioni, ma il tentativo di aiutare quella persona, di indirizzarla verso le soluzioni che possano aiutarla o il luogo dove può trovare maggiori informazioni. In altre parole fare servizio pubblico e servizio al cittadino.

Twitter: @g_giansante

Parole chiave: 
Argomenti: 

COMMENTI /

Ritratto di clod
Gio, 09/05/2013 - 20:01
clod
Direi che la quinta regola vale per chi voglia fare politica in generale, non solo in rete.
SHARE
RESTA AGGIORNATO
Iscriviti per non perdere gli articoli e i post del giorno.
Acccetto le condizioni sulla privacy

BREAKING NEWS

I Radiohead hanno cominciato a registrare il nuovo album

Lo spiega Jonny Greenwood alla Bbc: "Suoniamo e registriamo"

Ferrari, Alonso lascia: “Voglio nuovi stimoli”

Fernando Alonso lascia la Ferrari. Lo ha reso noto la scuderia di Maranello sul suo sito Internet. Al suo posto arriverà Sebastian Vettel

Spagna: addio alla duchessa di Alba, regina delle cronache rosa

È morta, in Spagna, a 88 anni, non si è ripresa dalla grave polmonite che l’aveva colpita domenica scorsa

Riuscire a fare tanti soldi anche da morti

Per diventare ricchi non serve lavorare. A volte non serve nemmeno essere vivi. La dimostrazione
SHARE

Garrett Morgan, l’afroamericano che inventò il semaforo

Storia di un riscatto sociale attraverso l’ingegno, per un’invenzione che continua a evolversi
SHARE

La vita quotidiana vista con la telecamera termica

Ondate di calore e di freddo, il corpo che cambia, la temperatura che sale (o scende). Si vede tutto
SHARE

L’infografica per sapere tutto sul cinema francese

Chi ama i film non può non sapere certe cose. Sono tutte qui, messe in fila una per una
SHARE
Quitaly Compra la raccolta dei reportage di Quit su Amazon e Ibs.it

PRESI DAL WEB

Dentro la Renault4 di Aldo Moro

Per la prima volta le immagini della macchina usata dalle Brigate Rosse per uccidere e far ritrovare il corpo del leader Dc

I Google Glass sono un esperimento fallito

Si pensava potessero essere l’inizio di una rivoluzione, e invece per Google sono diventati solo un problema da risolvere

L’appello della madre di Corona a Napolitano: “Liberate mio figlio, è malato”

Io spero che si muova il mondo politico, perché quella di Corona è una ingiustizia sostanziale e evidente