Blog di

di Gianluca Giansante

Quale legge elettorale conviene al Cavaliere?

Blog post del 4/10/2011

La soluzione migliore per il Pdl sarebbe il mantenimento dello status quo, con l'aggiunta del voto di preferenza; una soluzione che accontenterebbe anche la Lega. L'analisi di Roberto D'Alimonte

Il successo del referendum impone una revisione della legge elettorale. Mentre sfuma l'ipotesi di un governo tecnico, secondo quanto scrive oggi Marcello Sorgi su La Stampa, si accende il dibattito sul sistema che dovrebbe sostituire il tanto vituperato "porcellum".

Su questo punto è molto interessante l'analisi svolta da Roberto D'Alimonte su Il Sole 24 Ore di oggi.

Secondo il politologo a Berlusconi conviene il mantenimento del sistema elettorale vigente con l'aggiunta del voto di preferenza.

Fino a quando Berlusconi resterà dell'idea che il bipolarismo gli conviene, per lui non esiste sistema migliore di questo.

Anche il collegio uninominale che i referendari vorrebbero reintrodurre con la resurrezione della vecchia legge Mattarella assicura una competizione bipolare, ma il collegio non piace al Cavaliere. L'esperienza ha dimostrato che una parte dei suoi elettori si rifiuta di votare i candidati comuni della sua coalizione e questo lo danneggia.

La soluzione migliore sarebbe invece un maggioritario di lista.

Ogni elettore vota il partito preferito e quel voto si trasferisce automaticamente alla coalizione. È un sistema che minimizza le defezioni elettorali e massimizza la raccolta di voti di lista per l'assegnazione del premio di maggioranza. Gli elettori leghisti non devono votare candidati pidiellini e viceversa. E tutti votano la coalizione.

Chiaramente però è necessario eliminare le liste bloccate.

Naturalmente anche questo elemento piace molto a Berlusconi. In fondo scegliersi gli eletti non è cosa da poco. Ed è uno dei motivi della solidità della sua maggioranza parlamentare anche in questi tempi difficili. Ma oggi è diventato uno strumento indifendibile. Tant'è che nel centrodestra si parla ormai apertamente di voto di preferenza. Per il Pdl pare che questa sia l'unica riforma da fare. 

Anche per la Lega, secondo D'Alimonte, questa sarebbe la soluzione migliore, almeno finchè dura l'alleanza con Berlusconi. Se sarà questa la soluzione effettivamente scelta dal Pdl e poi, eventualmente, dal Parlamento, è però impossibile dirlo; ogni previsione, in questo momento di estrema incertezza, si scontra con l'estrema volatilità degli eventi.

g.giansante.linkiesta@gmail.com

 

RESTA AGGIORNATO
Iscriviti per non perdere gli articoli e i post del giorno.
Acccetto le condizioni sulla privacy

BREAKING NEWS

Tumori al seno, italiani scoprono la molecola responsabile delle metastasi

Un passo avanti importante per capire i meccanismi con il quale il cancro si diffonde nell'organismo

Merkel: “Siamo di fronte a uno scontro tra Russia e Ucraina”

Lavrov: Mosca non vuole la guerra. Ma Kiev denuncia: truppe russe a Donetsk e a Lugansk

Scambi di accuse, bugie e depistaggi: le carte segrete sulla strage di Ustica

Desecretati gli appunti, le informative e i carteggi riservati della Farnesina. Così è stata nascosta la verità

Bachelor of Arts in Lingua, letteratura e civiltà italiana

Il video che mostra come un autistico vede il mondo

Un disturbo molto conosciuto ma poco studiato: un mix tra animazioni e video racconta come si vive
SHARE

Cinque consigli per la felicità a poco prezzo

Sono cosucce che cambiano tutto: suggerimenti da seguire ogni volta che avete una giornata no
SHARE

Caffeina ed energia: cosa si scatena nel cervello

Adesso che l'avete bevuta, vi facciamo vedere cosa succede tra i vostri neuroni (e non vi piacerà)
SHARE

Gli snack più antichi del mondo che ancora mangiamo

Dai pop corn fino ai salatini. Li mangiamo da sempre, ma sappiamo da dove vengono?
SHARE
Quitaly Compra la raccolta dei reportage di Quit su Amazon e Ibs.it

PRESI DAL WEB

Tutta la verità su Hello Kitty

Un ironico articolo spiega le motivazioni secondo cui il personaggio di Hello Kitty non rappresenterebbe un gatto. Nel caso a qualcuno interessasse

La storia del ragazzo con metà cervello

I genitori del piccolo Williams hanno deciso di accettare una delle procedure più radicali della neurochirurgia per salvargli lavita