Blog di

di Gianluca Giansante

Quale legge elettorale conviene al Cavaliere?

Blog post del 4/10/2011

La soluzione migliore per il Pdl sarebbe il mantenimento dello status quo, con l'aggiunta del voto di preferenza; una soluzione che accontenterebbe anche la Lega. L'analisi di Roberto D'Alimonte

Il successo del referendum impone una revisione della legge elettorale. Mentre sfuma l'ipotesi di un governo tecnico, secondo quanto scrive oggi Marcello Sorgi su La Stampa, si accende il dibattito sul sistema che dovrebbe sostituire il tanto vituperato "porcellum".

Su questo punto è molto interessante l'analisi svolta da Roberto D'Alimonte su Il Sole 24 Ore di oggi.

Secondo il politologo a Berlusconi conviene il mantenimento del sistema elettorale vigente con l'aggiunta del voto di preferenza.

Fino a quando Berlusconi resterà dell'idea che il bipolarismo gli conviene, per lui non esiste sistema migliore di questo.

Anche il collegio uninominale che i referendari vorrebbero reintrodurre con la resurrezione della vecchia legge Mattarella assicura una competizione bipolare, ma il collegio non piace al Cavaliere. L'esperienza ha dimostrato che una parte dei suoi elettori si rifiuta di votare i candidati comuni della sua coalizione e questo lo danneggia.

La soluzione migliore sarebbe invece un maggioritario di lista.

Ogni elettore vota il partito preferito e quel voto si trasferisce automaticamente alla coalizione. È un sistema che minimizza le defezioni elettorali e massimizza la raccolta di voti di lista per l'assegnazione del premio di maggioranza. Gli elettori leghisti non devono votare candidati pidiellini e viceversa. E tutti votano la coalizione.

Chiaramente però è necessario eliminare le liste bloccate.

Naturalmente anche questo elemento piace molto a Berlusconi. In fondo scegliersi gli eletti non è cosa da poco. Ed è uno dei motivi della solidità della sua maggioranza parlamentare anche in questi tempi difficili. Ma oggi è diventato uno strumento indifendibile. Tant'è che nel centrodestra si parla ormai apertamente di voto di preferenza. Per il Pdl pare che questa sia l'unica riforma da fare. 

Anche per la Lega, secondo D'Alimonte, questa sarebbe la soluzione migliore, almeno finchè dura l'alleanza con Berlusconi. Se sarà questa la soluzione effettivamente scelta dal Pdl e poi, eventualmente, dal Parlamento, è però impossibile dirlo; ogni previsione, in questo momento di estrema incertezza, si scontra con l'estrema volatilità degli eventi.

g.giansante.linkiesta@gmail.com

 

RESTA AGGIORNATO
Iscriviti per non perdere gli articoli e i post del giorno.
Acccetto le condizioni sulla privacy

BREAKING NEWS

Ebola, guarito il medico Usa Kent Brantly “Salvato dal siero sperimentale ZMapp”

Verrà dimesso oggi dall'Emory University Hospital di Atlanta il dottore che aveva ceduto alla sua collega Nancy Writebol la prima dose del farmaco

Ebola, guarito il medico Usa Kent Brantly “Salvato dal siero sperimentale ZMapp”

Verrà dimesso oggi dall'Emory University Hospital di Atlanta il dottore che aveva ceduto alla sua collega Nancy Writebol la prima dose del farmaco

Bachelor of Arts in Lingua, letteratura e civiltà italiana

Mai più online: una guida per chi vuole sparire dal web

Se la vita in rete vi ha stancato e desiderate la privacy di una volta, basta staccarsi. Si può fare
SHARE

Regole per vestirsi bene e avere successo nella vita

L’abito fa il monaco: il modo in cui ci si veste influenza il giudizio che gli altri hanno su di noi
SHARE

Il cannone che spara i salmoni oltre le dighe

I pesci le incontrano nel risalire la corrente dei fiumi. Un ostacolo spesso insormontabile. Finora
SHARE

L’app che ti permette di creare GIF da Youtube

Si chiama GIF Youtube e permette di lavorare sui video di Youtube. Noi l’abbiamo provata, su Youtube
SHARE
Quitaly Compra la raccolta dei reportage di Quit su Amazon e Ibs.it

PRESI DAL WEB

La sorte degli interpreti che aiutarono gli Usa in Iraq e in Afghanistan

Gli avevano promesso il visto americano o uno Stato senza talebani. Visto come è andata, a distanza di 15 anni, non li aiuterebbero più

Il traffico delle armi nel mondo, chi compra e chi vende

La Stampa presenta un’infografica interattiva sulle armi, e gli intrecci tra i Paesi produttori e Paesi compratori

La decapitazione di James Foley e la difficoltà delle scelte editoriali

Il video dell’esecuzione è nella scia degli orrori della rete: le immagini sono sconcertanti e ci interrogano sui limiti della censura e della pubblicabilità