Blog di

di Gianluca Giansante

Quale legge elettorale conviene al Cavaliere?

Blog post del 4/10/2011

La soluzione migliore per il Pdl sarebbe il mantenimento dello status quo, con l'aggiunta del voto di preferenza; una soluzione che accontenterebbe anche la Lega. L'analisi di Roberto D'Alimonte

Il successo del referendum impone una revisione della legge elettorale. Mentre sfuma l'ipotesi di un governo tecnico, secondo quanto scrive oggi Marcello Sorgi su La Stampa, si accende il dibattito sul sistema che dovrebbe sostituire il tanto vituperato "porcellum".

Su questo punto è molto interessante l'analisi svolta da Roberto D'Alimonte su Il Sole 24 Ore di oggi.

Secondo il politologo a Berlusconi conviene il mantenimento del sistema elettorale vigente con l'aggiunta del voto di preferenza.

Fino a quando Berlusconi resterà dell'idea che il bipolarismo gli conviene, per lui non esiste sistema migliore di questo.

Anche il collegio uninominale che i referendari vorrebbero reintrodurre con la resurrezione della vecchia legge Mattarella assicura una competizione bipolare, ma il collegio non piace al Cavaliere. L'esperienza ha dimostrato che una parte dei suoi elettori si rifiuta di votare i candidati comuni della sua coalizione e questo lo danneggia.

La soluzione migliore sarebbe invece un maggioritario di lista.

Ogni elettore vota il partito preferito e quel voto si trasferisce automaticamente alla coalizione. È un sistema che minimizza le defezioni elettorali e massimizza la raccolta di voti di lista per l'assegnazione del premio di maggioranza. Gli elettori leghisti non devono votare candidati pidiellini e viceversa. E tutti votano la coalizione.

Chiaramente però è necessario eliminare le liste bloccate.

Naturalmente anche questo elemento piace molto a Berlusconi. In fondo scegliersi gli eletti non è cosa da poco. Ed è uno dei motivi della solidità della sua maggioranza parlamentare anche in questi tempi difficili. Ma oggi è diventato uno strumento indifendibile. Tant'è che nel centrodestra si parla ormai apertamente di voto di preferenza. Per il Pdl pare che questa sia l'unica riforma da fare. 

Anche per la Lega, secondo D'Alimonte, questa sarebbe la soluzione migliore, almeno finchè dura l'alleanza con Berlusconi. Se sarà questa la soluzione effettivamente scelta dal Pdl e poi, eventualmente, dal Parlamento, è però impossibile dirlo; ogni previsione, in questo momento di estrema incertezza, si scontra con l'estrema volatilità degli eventi.

g.giansante.linkiesta@gmail.com

 

RESTA AGGIORNATO
Iscriviti per non perdere gli articoli e i post del giorno.
Acccetto le condizioni sulla privacy

BREAKING NEWS

Precari della scuola, l’Italia condannata dalla Corte di giustizia Ue

La sentenza della Corte europea viene dopo i ricorsi del sindacato che richiamavano le norme europee contro l’abuso dei contratti a termine nel pubblico impiego

Ferguson, nuovi scontri nella notte. Obama: "Stop alle violenze"

Lo scorso agosto il poliziotto Darren Wilson ha ucciso il 18enne afroamericano Michael Brown

Iva, Tasi e bollo auto. Ecco tutte le altre tasse più evase dagli italiani

Oltre 130 miliardi di euro sottratti ogni anno all’Erario

Altro che Gates: il più ricco della storia è lui

Si chiamava Mansa Musa. Regalava tanto oro che, passando per l’Egitto, fece crescere l’inflazione
SHARE

L’atlante dei Paesi felici e di quelli infelici

La sperequazione della ricchezza è un male, ma quella della felicità forse è anche peggio
SHARE

Contro il declino dell’umanità boicottate “Chick chick”

La nuova canzone è un passo in avanti verso il baratro. Nel nostro piccolo, cerchiamo di impedirlo
SHARE

Jessica Minh Anh: sfilate strane per combattere la noia

In cima alla Torre Eiffel o nel Grand Canyon: la modella cerca nuovi spazi per la creatività
SHARE
Quitaly Compra la raccolta dei reportage di Quit su Amazon e Ibs.it

PRESI DAL WEB

Perché non fare il bersaglio umano per una ditta di paintball inglese?

Una proposta poco allettante in realtà, ma la paga è buona: 40mila sterline pro rata

L’amore ai tempi della guerra in Ucraina

Le persone si innamorano con la pace e con la guerra: un universo privato di affetti per sfuggire alle follie e alle ingerenze della geopolitica

Cosa succede nel mio villaggio, terrorizzato da Boko Haram

Attacchi quotidiani, uccisioni tremende e spaventose. Se l’obiettivo era disseminare la paura, ci sono riusciti benissimo