Blog di

di Peppino Caldarola

Andiamo alle elezioni e facciamola finita con questa agonia

Blog post del 26/10/2011

L’unica buona notizia che è venuta dalla lunga trattativa fra Berlusconi e Bossi è il probabile anticipo del voto politico nel prossimo marzo. So bene che sarebbe auspicabile un governo di emergenza che cerchi di mettere in salvo i conti dell’Italia rilanciando l’economia. Mi rendo conto che nella decisione del voto anticipato un’influenza determinate la svolge la minaccia referendaria di cambiare la legge elettorale togliendo a Bossi e Berlusconi, ma anche a Bersani, il diritto di scegliere i parlamentari. Ma ormai, per come si sono messe le cose, è meglio votare.

Silvio Berlusconi e Umberto Bossi
L’idea che la situazione italiana si dipani ancora fra i cincischiamenti di un governo incapace di governare e il miraggio della concordia nazionale che dovrebbe sorreggere un esecutivo Monti, fa venire i brividi e ci porta a pensare che sia molto meglio la chiarezza che può venire dal pronunciamento degli italiani. Siamo l’unico paese in cui il dibattito politico non prevede come normale lo scioglimento delle Camere. Altrove, ultima la Spagna di Zapatero, il voto anticipato è considerato la cura delle malattie della politica e si vota in ogni situazione persino in casi di emergenza nazionale, guerre o calamità nazionali. Qui invece pare che per votare bisogna che tutto sia calmo e tranquillo come se non fosse invece questo il punto d’arrivo di una chiara scelta poltica da parte degli elettori. Al voto dunque.

Bossi vuole andarci perché il suo partito non regge più al logoramento e perché ha fretta, e più di lui ce l’ha il "cerchio magico", di regolare i conti interni. Berlusconi ha voglia di andarci perché di qui a marzo potrà riproporre la propria candidatura alla guida del paese e alla testa di liste selezionatissime e piene di fedelissimi. Anche Bersani può avere il suo tornaconto perché il porcellum gli consente di premiare la sua nouvelle vague e perché di qui a marzo sarà difficile scipparli la nomination alla premiership. Vendola e Di Pietro potrebbero passare all’incasso del voto di protesta frenando l’emorragia verso Grillo e soci. I centristi, d’altro canto, potranno lucrare sul carattere decisivo della loro forza parlamentare e lavorare con un anno di anticipo per preparare l’avvento di Casini al Quirinale. Insomma tutto hanno convenienza a votare subito.

Avremo sicuramente una campagna elettorale avvelenata, ma le altre come sono state? E probabilmente piena di diversivi polemici. Tuttavia alla fine di questa contesa avremo un governo, una maggioranza e una opposizione. Meglio di oggi. Votiamo quindi e facciamola finita con questa agonia.

COMMENTI /

Ritratto di wago
Mer, 26/10/2011 - 15:44
wago
Casini al Quirinale è pura fantascienza.
SHARE
RESTA AGGIORNATO
Iscriviti per non perdere gli articoli e i post del giorno.
Acccetto le condizioni sulla privacy

BREAKING NEWS

Marchionne bacchetta l’Italia: “Paese non competitivo, non in grado di reagire”

Dal meeting di Rimini: “Dal 2010 non è ancora cambiato nulla, è da 10 anni che ci vogliono riforme strutturali”

Golan: combattimenti in corso tra caschi blu filippini e ribelli siriani

L’Onu è presente sulle alture per monitorare la zona contesa tra Israele e Siria

Minatori intrappolati in miniera in Nicaragua

Sono 24 i minatori intrappolati in una miniera a Bonanza, nel Nord del Nicaragua

Bachelor of Arts in Lingua, letteratura e civiltà italiana

Quindici modi per sconfiggere il jet-lag

Un problema per chi viaggia in posti lontani. Si deve dormire, ma si può fare anche di più
SHARE

Consigli utili per smettere di rimandare sempre tutto

Procrastinare per molti è un vero e proprio modus vivendi, ecco come fare per smettere
SHARE

L’app che ti dice se sei dipendente dal tuo smartphone

Moment calcola tutto il tempo che passate interagendo con lo smartphone. Più di quanto credete
SHARE

Quattro cibi che mangiate in modo sbagliato

Il sushi, per esempio, non lo indovina nessuno. Stessa cosa per ramen e cibo indiano. Una guida
SHARE
Quitaly Compra la raccolta dei reportage di Quit su Amazon e Ibs.it

PRESI DAL WEB

L’effetto di Internet sulla memoria

L’uso di internet e, in generale, delle tecnologie digitali avrebbe effetti positivi sulla memoria e sulle capacità cognitive

I giornali (di carta) che non stanno morendo

Uno sguardo alle altre società di New York City media, dove la pubblicità sulla stampa porta ancora entrate importanti e i lettori continuano ad abbonarsi

Ebola: il farmaco sperimentale Zmapp sugli animali è efficace al 100%

Gli unici dati degli studi clinici sul farmaco sperimentale ZMapp, dimostrano che è efficace al 100% in studi sulle scimmie già infettate