Blog di

di Peppino Caldarola

Andiamo alle elezioni e facciamola finita con questa agonia

Blog post del 26/10/2011

L’unica buona notizia che è venuta dalla lunga trattativa fra Berlusconi e Bossi è il probabile anticipo del voto politico nel prossimo marzo. So bene che sarebbe auspicabile un governo di emergenza che cerchi di mettere in salvo i conti dell’Italia rilanciando l’economia. Mi rendo conto che nella decisione del voto anticipato un’influenza determinate la svolge la minaccia referendaria di cambiare la legge elettorale togliendo a Bossi e Berlusconi, ma anche a Bersani, il diritto di scegliere i parlamentari. Ma ormai, per come si sono messe le cose, è meglio votare.

Silvio Berlusconi e Umberto Bossi
L’idea che la situazione italiana si dipani ancora fra i cincischiamenti di un governo incapace di governare e il miraggio della concordia nazionale che dovrebbe sorreggere un esecutivo Monti, fa venire i brividi e ci porta a pensare che sia molto meglio la chiarezza che può venire dal pronunciamento degli italiani. Siamo l’unico paese in cui il dibattito politico non prevede come normale lo scioglimento delle Camere. Altrove, ultima la Spagna di Zapatero, il voto anticipato è considerato la cura delle malattie della politica e si vota in ogni situazione persino in casi di emergenza nazionale, guerre o calamità nazionali. Qui invece pare che per votare bisogna che tutto sia calmo e tranquillo come se non fosse invece questo il punto d’arrivo di una chiara scelta poltica da parte degli elettori. Al voto dunque.

Bossi vuole andarci perché il suo partito non regge più al logoramento e perché ha fretta, e più di lui ce l’ha il "cerchio magico", di regolare i conti interni. Berlusconi ha voglia di andarci perché di qui a marzo potrà riproporre la propria candidatura alla guida del paese e alla testa di liste selezionatissime e piene di fedelissimi. Anche Bersani può avere il suo tornaconto perché il porcellum gli consente di premiare la sua nouvelle vague e perché di qui a marzo sarà difficile scipparli la nomination alla premiership. Vendola e Di Pietro potrebbero passare all’incasso del voto di protesta frenando l’emorragia verso Grillo e soci. I centristi, d’altro canto, potranno lucrare sul carattere decisivo della loro forza parlamentare e lavorare con un anno di anticipo per preparare l’avvento di Casini al Quirinale. Insomma tutto hanno convenienza a votare subito.

Avremo sicuramente una campagna elettorale avvelenata, ma le altre come sono state? E probabilmente piena di diversivi polemici. Tuttavia alla fine di questa contesa avremo un governo, una maggioranza e una opposizione. Meglio di oggi. Votiamo quindi e facciamola finita con questa agonia.

COMMENTI /

Ritratto di wago
Mer, 26/10/2011 - 15:44
wago
Casini al Quirinale è pura fantascienza.
SHARE
RESTA AGGIORNATO
Iscriviti per non perdere gli articoli e i post del giorno.
Acccetto le condizioni sulla privacy

BREAKING NEWS

Reyhaneh Jabbari è stata impiccata in Iran

Nel 2009 la donna era stata condannata per l'uccisione, avvenuta nel 2007, di un uomo che la voleva violentare, un ex dipendente dell'Intelligence iraniana.

Niente evasione fiscale per Dolce e Gabbana, la Cassazione li assolve

Agli stilisti veniva contestata la presunta evasione fiscale che sarebbe stata realizzata, secondo l'inchiesta, con una 'estero-vestizione'

Attacco a un checkpoint egiziano nel nord del Sinai: almeno 25 morti e 26 feriti

Almeno 25 persone sono rimaste uccise, e 26 ferite, in un attacco al checkpoint presidiato dall'esercito egiziano a Karm al-Qawadeis, nel Sinai del nord

Quanto è peggiorato il vostro udito?

Un video che è, al tempo stesso, un test per l’udito: ascoltate i segnali fin dove li percepite
SHARE

Lo strano percorso: come viaggiano i dati in rete

Dal pc fino a un altro pc, passando per router e server: il giro del mondo dei dati in Internet
SHARE

Il primo tweet della Regina d’Inghilterra

Elisabetta II, all’età di 88 anni, ha twittato, con tanto di firma. È la prima volta che succede
SHARE

Come diventare un drago a usare Google

Tutti sanno servirsi del motore di ricerca, ma pochi sono in grado di farlo alla grande. Qui si può
SHARE
Quitaly Compra la raccolta dei reportage di Quit su Amazon e Ibs.it

PRESI DAL WEB

La crisi che ha cambiato Papa Francesco

La cura per le persone prima della dottrina e dei dogmi, la storia della sua vita e il momento in cui tutto è cambiato. Perché doveva cambiare

Storia di una fine: il giornale (greco) per i greci di Istanbul sta per morire

L’agonia di Apoyevmatini, una volta organo influente della comunità dei greci di Turchia, ora stampato per solo 600 famiglie è il residuo di un mondo scomparso

Tutti si sono dimenticati di Joseph Kony e del suo Lord's Resistance Army

Ci fu un tempo in cui il tema dominò i media. Ora, dopo la guerra civile in Sud Sudan, l’ebola e le atrocità di Boko Haram se lo sono scordato tutti