Blog di

di Peppino Caldarola

Andiamo alle elezioni e facciamola finita con questa agonia

Blog post del 26/10/2011

L’unica buona notizia che è venuta dalla lunga trattativa fra Berlusconi e Bossi è il probabile anticipo del voto politico nel prossimo marzo. So bene che sarebbe auspicabile un governo di emergenza che cerchi di mettere in salvo i conti dell’Italia rilanciando l’economia. Mi rendo conto che nella decisione del voto anticipato un’influenza determinate la svolge la minaccia referendaria di cambiare la legge elettorale togliendo a Bossi e Berlusconi, ma anche a Bersani, il diritto di scegliere i parlamentari. Ma ormai, per come si sono messe le cose, è meglio votare.

Silvio Berlusconi e Umberto Bossi
L’idea che la situazione italiana si dipani ancora fra i cincischiamenti di un governo incapace di governare e il miraggio della concordia nazionale che dovrebbe sorreggere un esecutivo Monti, fa venire i brividi e ci porta a pensare che sia molto meglio la chiarezza che può venire dal pronunciamento degli italiani. Siamo l’unico paese in cui il dibattito politico non prevede come normale lo scioglimento delle Camere. Altrove, ultima la Spagna di Zapatero, il voto anticipato è considerato la cura delle malattie della politica e si vota in ogni situazione persino in casi di emergenza nazionale, guerre o calamità nazionali. Qui invece pare che per votare bisogna che tutto sia calmo e tranquillo come se non fosse invece questo il punto d’arrivo di una chiara scelta poltica da parte degli elettori. Al voto dunque.

Bossi vuole andarci perché il suo partito non regge più al logoramento e perché ha fretta, e più di lui ce l’ha il "cerchio magico", di regolare i conti interni. Berlusconi ha voglia di andarci perché di qui a marzo potrà riproporre la propria candidatura alla guida del paese e alla testa di liste selezionatissime e piene di fedelissimi. Anche Bersani può avere il suo tornaconto perché il porcellum gli consente di premiare la sua nouvelle vague e perché di qui a marzo sarà difficile scipparli la nomination alla premiership. Vendola e Di Pietro potrebbero passare all’incasso del voto di protesta frenando l’emorragia verso Grillo e soci. I centristi, d’altro canto, potranno lucrare sul carattere decisivo della loro forza parlamentare e lavorare con un anno di anticipo per preparare l’avvento di Casini al Quirinale. Insomma tutto hanno convenienza a votare subito.

Avremo sicuramente una campagna elettorale avvelenata, ma le altre come sono state? E probabilmente piena di diversivi polemici. Tuttavia alla fine di questa contesa avremo un governo, una maggioranza e una opposizione. Meglio di oggi. Votiamo quindi e facciamola finita con questa agonia.

COMMENTI /

Ritratto di wago
Mer, 26/10/2011 - 15:44
wago
Casini al Quirinale è pura fantascienza.
SHARE
RESTA AGGIORNATO
Iscriviti per non perdere gli articoli e i post del giorno.
Acccetto le condizioni sulla privacy

BREAKING NEWS

Luxottica annuncia l’implementazione di una nuova governance

È durata due ore la riunione dei vertici del colosso degli occhiali: il manager saluta, al suo posto struttura con due ad e deleghe operative a Del Veccchio

Rasmussen: Nato pronta a difendere gli alleati da ogni attacco

"Svilupperemo una forza d’elitre che avrà una maggiore prontezza di reazione e che potrà schierarsi anche con un preavviso molto breve”

Onu: Iraq, più di mille uccisi in agosto

Il Consiglio per i diritti umani dell' Onu ha intanto valutato l'invio di una missione di emergenza nel Paese

Bachelor of Arts in Lingua, letteratura e civiltà italiana

Cinque consigli per la felicità a poco prezzo

Sono cosucce che cambiano tutto: suggerimenti da seguire ogni volta che avete una giornata no
SHARE

Caffeina ed energia: cosa si scatena nel cervello

Adesso che l'avete bevuta, vi facciamo vedere cosa succede tra i vostri neuroni (e non vi piacerà)
SHARE

Gli snack più antichi del mondo che ancora mangiamo

Dai pop corn fino ai salatini. Li mangiamo da sempre, ma sappiamo da dove vengono?
SHARE

Suggerimenti per costruire una memoria potentissima

Per molti la memoria è un problema, ma seguendo questi consigli potrete allenarla a dovere
SHARE
Quitaly Compra la raccolta dei reportage di Quit su Amazon e Ibs.it

PRESI DAL WEB

Il reportage al tempo del marketing: il giornalismo di viaggio genera turismo

Sull’ascesa e il declino della narrativa di viaggio, che si è trasformata in narrativa di turismo: racconti nati per fare restyling e non informazione

La nuova macchina da soldi di Hollywood? Si chiama Youtube

Una volta le grandi aziende cinematografiche facevano causa al sito. Adesso, invece, ci scommettono sopra

Imparare una lingua? Significa imparare a recitare una nuova identità

Storia del difficile apprendimento del francese da parte di un madrelingua inglese: i progressi linguistici sono solo il segno dell'ingresso in un nuovo mondo