Blog di

di Peppino Caldarola

D’Alema e i dalemiani

Blog post del 29/06/2011

L’arresto del dirigente Pd per tangenti deve far riflettere. Il Pd ha al suo interno troppi mercanti che deve decidersi a scacciare dal tempio. Molti di loro si dichiarano dalemiani. E’ un’etichetta inesistente. Il dalemismo come corrente politica non è mai esistito.

D’Alema, infatti, è una figura singolare nel panorama post comunista. Di lui si cominciò a parlare verso la fine del periodo di Berlinguer. Il partito lo riconobbe come il figlio prediletto destinato a grande carriera. Dopo l’89 intercettò la paura del nuovo dei militanti e si presentò come il garante di una svolta che non avrebbe mutato la collocazione politica del nuovo partito. Contrastò il nuovismo di Occhetto e lo sostituì cercando di dar vita a una formazione di tipo socialista. Assediato da Prodi e Veltroni divenne il portabandiera del partito democratico. Culturalmente passò dall’idea vecchio socialdemocratica alle suggestioni liberiste del blairismo. Fu contestato dai girotondi ma vinse la sua battaglia contro Cofferati. Fu premier e ministro esaltando la sua capacità di manovra politica. Attorno a lui crebbe, al centro e in periferia, una classe dirigente avventurosa che spesso usava il suo nome in franchising. Ha avuto molti pretoriani ma li ha distrutti uno alla volta, da Velardi a Minniti a La Torre.

Ora gli restano accanto i giovani della sezione Mazzini del Pd. La sua capacità di mutare strategia e tattica politica gli consente di sopravvivere al mutamento delle fasi. Oggi apre ai “movimenti” non accorgendosi che questi chiedono un ricambio nella politica e l’accantonamento della vecchia classe dirigente. E’ l’artefice del riformismo dall’alto che pure critica. E’ amato e odiato. E’ un prodotto tipico della politica italiana affollata da personaggi che non abbandonano mai il campo mentre la sinistra mondiale, da Clinton a Zapatero a Blair, sa spingere i suoi leader fuori dalla prima scena.

COMMENTI /

Ritratto di Beppe Roncari
Gio, 30/06/2011 - 12:24
GRoncari
Insomma: UN TRASFORMISTA: http://jongleurdedieu.ilcannocchiale.it/mediamanager/sys.user/8476/img090.jpg http://digilander.libero.it/fiammecremisi/approfondimenti/trasformista.jpg
SHARE
RESTA AGGIORNATO
Iscriviti per non perdere gli articoli e i post del giorno.
Acccetto le condizioni sulla privacy

BREAKING NEWS

Alfano: Frontex Plus sostituirà Mare Nostrum

Il ministro dell’Interno ha annunciato che la missione allargata dell'Agenzia europea per la protezione delle frontiere, è pronta a partire

L’Onu denuncia: «Isis recluta bambini di 10 anni»

Secondo una commissione di inchiesta Onu ogni venerdì la popolazione sarebbe costretta ad assistere a esecuzioni di massa.

Incidente di frontiera, artiglieria Israele spara su esercito siriano

L’esercito di Israele ha aperto il fuoco contro l’esercito siriano in seguito ad un incidente di frontiera. La reazione dopo colpi di mortaio dalla Siria

Bachelor of Arts in Lingua, letteratura e civiltà italiana

Cinque regole di etichetta per i viaggiatori in aereo

La classe economica è più stretta e scomoda: non peggioriamo il volo con brutti comportamenti
SHARE

Baghdad sfida l’ISIS e riapre il Museo Nazionale

Era una grande istituzione: fu saccheggiata nel 2003 e poi chiusa. Adesso riapre, tra molti timori
SHARE

La tavola periodica dello storytelling

Tutti i trucchi e le componenti della narrazione raccolti insieme e spiegati voce per voce
SHARE

Cosa è meglio fare dopo aver bevuto un caffè

Di sicuro, dello sport. Ma a sorpresa anche una bella dormita. E poi altre, che non immaginate
SHARE
Quitaly Compra la raccolta dei reportage di Quit su Amazon e Ibs.it

PRESI DAL WEB

Così Jeff Bezos ha cambiato il Washington Post

A un anno dall’acquisizione da parte di Mister Amazon tante cose sono cambiate

Gli jihadisti che comprano “Islam for Dummies” su Amazon sono davvero radicali?

Il mito dell’Islam estremista si appoggia sull’idea che i terroristi siano devoti. Ma non è detto: spesso la jihad viene fatta per altri motivi

Il primo sorriso della storia dell’umanità

Perché il sorriso, la risata e il pianto si somigliano? Perché provengono tutti dalla medesima radice