Blog di

di Peppino Caldarola

L’unità dei cattolici favorisce l’immoralità

Blog post del 27/09/2011

Il messaggio di monsignor Bagnasco di ieri sulla “questione morale” ha fatto nuovamente parlare di un progetto politico dell’episcopato italiano, deluso da Berlusconi e attratto dall’ipotesi di un nuovo partito cattolico. Le prime reazioni dei cattolici più in vista nel Pdl sono state omertose e deludenti. Nessuno di loro ha reagito positivamente all’appello del cardinale. Non ha prevalso però un tardivo spirito laico ma l’ossequio all’antica obbedienza verso il premier. Bisognerà prima o poi discutere e trarre un bilancio della presenza cattolica in politica per valutare come l’egemonia dei credenti nella vita pubblica non abbia quasi mai coinciso con una crescita della moralità delle classi dirigenti. La ragione sta nello scambio fra attività pubblica spesso degenerata e interessi del mondo cattolico istituzionalizzato.

Cardinal Bagnasco e Silvio Berlusconi
La crisi dell’unità politica dei cattolici venne accelerata proprio dalla convinzione che bisognasse spezzare questo legame. Che non vi fossero, cioè, le ragioni per una militanza sotto le stesse bandiere di cattolici divisi dalle prospettive politiche ma anche che non fosse necessario un “cartello” cattolico per tutelare gli spazi pubblici della fede. Questo passo in avanti è stato contraddetto negli anni di Berlusconi dal cinismo dei vescovi italiani e dal silenzio di almeno due papi. Oggi Bagnasco ripropone le questioni etiche al centro del discorso pubblico ma ripropone un soggetto politico unitario per la rinascita cattolica mettendo così le basi per una nuova immoralità e/o irresponsabilità della classe dirigente cattolica. Il cardinale, infatti, nel momento in cui riafferma il primato della moralità cattolica mette in cantiere lo strumento per la sua elusione.

L’unità politica dei cattolici, infatti, è uno dei veicoli di trasmissione dell’immoralità nella politica perché introduce una logica lobbista nella gestione del rapporto fra politica e fede. Il cattolico richiamato alla unicità della sua opzione politica è un cittadino che non si misurerà con le regole della morale ma con la moralità e la coerenza del suo atteggiamento rispetto agli interessi della sua chiesa. Il cattolico libero, o “adulto” come disse Prodi, dovrà misurare la sua vita pubblica con i dettami della morale cattolica e il giudizio, anche morale, degli elettori. Il cattolico chiuso nel recinto dell’obbedienza al soggetto politico unificato sarà giudicato dal fatto di essere o non un buon soldato nell’esercito dei vescovi.

Bagnasco non può non rendersi conto che il berlusconismo è frutto di una certa idea della presenza cattolica nella politica. E’ l’aver battezzato come cattolico lo schieramento di centro-destra che ha consentito tanti successi elettorali al premier e lo ha convinto di poter godere di una libertà di comportamenti non censurabile da alcuna cattedra religiosa. Combattere l’immoralità del berlusconismo è tutt’uno con la contrapposizione a una nuova chiamata unitaria dei cattolici in politica. Nel centocinquantesimo dell’unità d’Italia non c’è niente di più anacronistico che imporre l’unità a cattolici che avrebbero invece bisogno di una Chiesa vicina al popolo, vigile e solidale, moralmente ineccepibile che cacci non solo i mercanti ma anche i vescovi-mercanti dal tempio.

COMMENTI /

Ritratto di vast
Mar, 27/09/2011 - 11:15
vast
I cattolici sono antilegalitari per motivi direi "teologici": l'ubbidienza è all'imprescrutabile disegno di Dio, non alle leggi "degli uomini". Allo stesso modo anche la legge morale cede di fronte al volere di Dio (l'episodio di Abramo e Isacco è fondativo in questo senso). Per questo i politici cattolici sono sempre stati quelli più disinvolti nel confronto della legge, c'è sempre il perdono papale a salvarli. Già Guicciardini quando era governatore della Romagna aveva capito bene il problema (e adesso si mettono a fare la morale agli altri? ma per piacere...)
SHARE
Ritratto di Michele
Mar, 27/09/2011 - 21:31
Michele
Il collegamento tra cattolici, antilegalitarismo "teologico", amoralità politica e perdono papale (tralasciamo Abramo e Guicciardini poi...) è quanto meno delirante.
SHARE
Ritratto di vast
Mer, 28/09/2011 - 15:37
vast
studia meglio, se vuoi capire...
SHARE
RESTA AGGIORNATO
Iscriviti per non perdere gli articoli e i post del giorno.
Acccetto le condizioni sulla privacy

BREAKING NEWS

I Radiohead hanno cominciato a registrare il nuovo album

Lo spiega Jonny Greenwood alla Bbc: "Suoniamo e registriamo"

Ferrari, Alonso lascia: “Voglio nuovi stimoli”

Fernando Alonso lascia la Ferrari. Lo ha reso noto la scuderia di Maranello sul suo sito Internet. Al suo posto arriverà Sebastian Vettel

Spagna: addio alla duchessa di Alba, regina delle cronache rosa

È morta, in Spagna, a 88 anni, non si è ripresa dalla grave polmonite che l’aveva colpita domenica scorsa

Riuscire a fare tanti soldi anche da morti

Per diventare ricchi non serve lavorare. A volte non serve nemmeno essere vivi. La dimostrazione
SHARE

Garrett Morgan, l’afroamericano che inventò il semaforo

Storia di un riscatto sociale attraverso l’ingegno, per un’invenzione che continua a evolversi
SHARE

La vita quotidiana vista con la telecamera termica

Ondate di calore e di freddo, il corpo che cambia, la temperatura che sale (o scende). Si vede tutto
SHARE

L’infografica per sapere tutto sul cinema francese

Chi ama i film non può non sapere certe cose. Sono tutte qui, messe in fila una per una
SHARE
Quitaly Compra la raccolta dei reportage di Quit su Amazon e Ibs.it

PRESI DAL WEB

Dentro la Renault4 di Aldo Moro

Per la prima volta le immagini della macchina usata dalle Brigate Rosse per uccidere e far ritrovare il corpo del leader Dc

I Google Glass sono un esperimento fallito

Si pensava potessero essere l’inizio di una rivoluzione, e invece per Google sono diventati solo un problema da risolvere

L’appello della madre di Corona a Napolitano: “Liberate mio figlio, è malato”

Io spero che si muova il mondo politico, perché quella di Corona è una ingiustizia sostanziale e evidente