Profilo bloggerVai all'elenco dei blog
Ritratto di MCasadei

di Marta Casadei

Biografia –

Giornalista, 29 anni, ha iniziato con la passione per la politica estera, guardando in primis al Medioriente. Che ora “analizza” più che altro come fetta di mercato per i beni di lusso. Si occupa infatti di moda, design e lifestyle per IlSole24Ore e Moda24 e per Vogue.it. Appassionata di nuovi media, non lascerebbe mai il quotidiano cartaceo.

Twitter @MartaCasadei

marchionnevesteprada@gmail.com

Ritratto di MCasadei

BLOGGER

BIOGRAFIA E ARCHIVIO

di Marta Casadei

Tutti i «Marchionne veste Prada»

Pagine

BREAKING NEWS

Le due cooperanti italiane Vanessa e Greta nelle mani dell’Isis

Sono loro le due italiane citate dal Guardian che sarebbero prigioniere dei terroristi iraqeni. Lo dice l’autore dell’articolo

Bachelor of Arts in Lingua, letteratura e civiltà italiana

Il cannone che spara i salmoni oltre le dighe

I pesci le incontrano nel risalire la corrente dei fiumi. Un ostacolo spesso insormontabile. Finora
SHARE

L’app che ti permette di creare GIF da Youtube

Si chiama GIF Youtube e permette di lavorare sui video di Youtube. Noi l’abbiamo provata, su Youtube
SHARE

I lavori che in futuro lasceremo fare ai robot

L’automazione fa passi da gigante: le macchine rimpiazzeranno insegnanti, conducenti e attori?
SHARE

Il marxismo spiegato con Super Mario

Il plusvalore e l’alienazione raccontati in un simpatico video ispirato all’idraulico della Nintendo
SHARE
Quitaly Compra la raccolta dei reportage di Quit su Amazon e Ibs.it

PRESI DAL WEB

La sorte degli interpreti che aiutarono gli Usa in Iraq e in Afghanistan

Gli avevano promesso il visto americano o uno Stato senza talebani. Visto come è andata, a distanza di 15 anni, non li aiuterebbero più

Il traffico delle armi nel mondo, chi compra e chi vende

La Stampa presenta un’infografica interattiva sulle armi, e gli intrecci tra i Paesi produttori e Paesi compratori

La decapitazione di James Foley e la difficoltà delle scelte editoriali

Il video dell’esecuzione è nella scia degli orrori della rete: le immagini sono sconcertanti e ci interrogano sui limiti della censura e della pubblicabilità