Blog di

Blog a più mani

Partire dalla società, non dalla politica

Blog post del 14/06/2012
Parole chiave: 

Massimo Famularo ha scritto un commento ai miei due precedenti post sui movimenti liberali.

Riassumendo:

  1. Occorre un partito (liberale) per passare dalle discussioni astratte alla politica vera. Non mancano le idee né i talenti, manca un'organizzazione.
  2. Un partito liberale deve basarsi su un gruppo di saggi che formuli un programma, una decina di testimonial per avere visibilità mediatica, e una ventina di attivisti.
  3. Il blocco sociale dei reazionari che vivono di rendite politiche rappresenta non la maggioranza assoluta, ma quella qualificata, degli italiani.

Vero, purtroppo.

Ho però un po’ di commenti sparsi da fare.

  1. Il focus sulla politica fa dimenticare che ciò che rende peculiare l’Italia non è lo stato onnipresente, una costante globale da ormai un secolo, ma la debolezza degli anticorpi contro l’invadenza del potere. Finché la società italiana non imparerà a non chinare il capo non ci sarà nessuna ‘nuova politica’: la battaglia è culturale e morale.
  2. La mancanza di capacità organizzativa è legata anche alla mancanza di leadership: attivare le potenzialità, produrre entusiasmo, indirizzare gli sforzi, fornire una cornice istituzionale ed intellettuale. Per questo parlavo di M. L. King.
  3. Se un partito liberale in grado di mobilitare il consenso  di quel quarto della popolazione italiana che ‘manda avanti la baracca’ si farà mai, non sarà con venti attivisti: ne servono centinaia. Se agli italiani manca la capacità di organizzarsi e farsi rispettare è necessario che il ‘movimento’ sia radicato, che si impari a ‘fare squadra’, e si sviluppi ‘coscienza di classe’.
  4. Il liberalismo è sempre stato elitario: non ha mai giocato nella ‘politica di massa’ del XX Secolo. L’unico autore liberale che ha parlato positivamente della massa non sapeva nemmeno di essere tale: Eric Hoffer. Spesso i liberali sembrano aderire ai ‘presupposti di Harvey Road’ di Keynes, secondo cui è sufficiente che lo stato sia ben ‘consigliato’ da esperti. Il problema in Italia è la madre che telefona ad un assessore per raccomandare il figlio: non riguarda una ristretta "élite": è tutto il paese che non va, e deve ‘rigenerarsi’.
  5. Qualunque cosa si faccia, servirà almeno un decennio. Niente nasce dal nulla, neanche Bossi e Grillo. Potremmo chiederci se possiamo permetterci di aspettare così a lungo, ma la risposta l’ha data TINA.
  6. Dubito che esista un programma liberale già pronto. Le idee ci sono, ma sono generiche. Dire di voler "tagliare la spesa" non significa sapere dove mettere le mani. E le decine di proposte a riguardo che conosco si sono già perse nei meandri della rete...

Sulla come la democrazia rappresenta gli interessi sociali - domanda fondamentale per capire le prospettive di una politica liberale - e come i movimenti di massa possono far uscire una società dal declino ci sono molte altre cose da dire. È ora che se ne discuta, con l’idea di imparare dagli errori che finora hanno garantito ai liberali la totale ininfluenza.

Insomma, alla fine un partito toccherà farlo. Ma non pensiamo di risolvere i problemi della politica con la politica: è dalla società che occorre partire.

Pietro Monsurrò

Parole chiave: 

COMMENTI /

Ritratto di Mercato e Libertà
Ven, 15/06/2012 - 10:02
Mliberta
Non si preoccupi con l'offendere qualcuno. Normalmente ci penso io ad esprimermi in maniera troppo irruenta e sincera. 2) Io come si evince da quanto scrivo sono molto poco partitico, capisco l'importanza di avere un'organizzazione fissa, ma quel che manca, secondo me, è una società che voglia uscire dal suo ormai pluridecennale declino. Il PLI esiste ancora. Secondo me c'è un 20-25% dell'elettorato potenzialmente interessato a temi liberali, almeno quelli economici (dubito che con tutti i cattolici che ci sono tra i moderati saranno favorevoli alle libertà personali). Finora hanno mostrato un'insipienza politica senza pari ad andar dietro a Bossi, Berlusconi e occasionalmente (meritoriamente!) l'astensione. Però questi blocchi sociali esistono, e sono la parte trainante dell'economia. Purtroppo la 'borghesia' italiana vuole sempre farsi 'aristocrazia' e dunque non dice mai no ai privilegi e ai compromessi con l'apparato statale. Il servilismo è il collante del paese, da nord a sud, dai giovani agli anziani. 3) E' vero. E' un tema che ripeto da tempo. Il liberalismo è qualcosa di diverso da un movimento politico, è una dottrina del rapporto tra società e stato. Non è né destra né sinistra, e male convive in un discorso politico dove l'unico problema rimasto è come usare il potere dello stato, e non quando potere avere. Il liberalismo del resto è precedente al totalitarismo e al collettivismo, ed era già morto quando queste dottrine hanno rivoluzionato il mondo nel XX secolo. 4) Esattamente quello che dico. Basta con l'elitismo liberale, come basta con l'intellettualismo liberale.
SHARE
RESTA AGGIORNATO
Iscriviti per non perdere gli articoli e i post del giorno.
Acccetto le condizioni sulla privacy

BREAKING NEWS

Boko Haram decapita due prigionieri e ne fa un video

Effetto emulazione: anche l’organizzazione terroristica nigeriana segue l’esempio dell’Is

Arrestato Helg presidente Camera commercio di Palermo per estorsione

Bloccato ieri mentre intascava una tangente di 100mila euro da un ristoratore, affittuario di uno spazio dell’aeroporto, si era rivolto a lui per una proroga

Smemoranda

I negativi di maicol&mirco

Maicol&Maicol

Il business controverso delle banconote per i film

Produrre soldi falsi per il cinema è redditizio, ma può creare problemi con la legge (davvero)
SHARE

Barbapapà, i veri ideologi del No-Tav

Una riflessione su un cartone animato terzomondista ed ecologista, dopo la morte del loro creatore
SHARE

Perché i bus in ritardo arrivano tutti insieme

È il fenomeno del "bus bunching": i mezzi arrivano in gruppo. Così un servizio diventa un problema
SHARE

Cosa succede se i film di Kubrick diventano videogiochi

Anche se trasposti in un formato diverso, riescono a mantenere i caratteri dell’originale
SHARE

PRESI DAL WEB

Come nasce un capolavoro: il backstage del video di Razzi

Immagini rubate mostrano Antonio Razzi, sul lungomare di Pescara, mentre canta e balla per il suo videoclip "Famme cantà"

La politica non basta più, e Antonio Razzi diventa cantante, con "Famme cantà"

Il brano è una sorta di auto-presa in giro del discusso e discutibile politico, che riprende sue frasi diventate tormentoni e le mette in musica