Blog di

Blog a più mani

Idee semplici e grandi innovazioni: e se la sanità ripartisse da qui?

Blog post del 7/08/2012

Lo avrei volentieri evitato, ma recentemente mi è capitato di vedere da vicino la realtà di vari ospedali pubblici.
Ho visto infermieri straordinari non far mancare mai assistenza e pazienza; ho visto medici sudati e affannati vestire il camice fuori servizio; ho visto OS gentili trottare da una camera all’altra.


Già, il ricordo più vivido che ho è una corsa costante, la scarsità non solo di strumenti materiali, ma del bene per eccellenza, il tempo. E in tutto questo correre, così distante dalla stasi forzata dei degenti ma forse anche dall’amministrazione sanitaria, ho visto comunque un’umanità di professionisti funzionare nonostante l’enorme carico di lavoro, di certo superiore rispetto a quello “sindacalmente” previsto.
Mentre io ero ferma e intorno quel mondo all’amuchina ruotava all’impazzata, mi tornavano in mente alcune proposte di de-regolazione e de-burocratizzazione sanitaria che sottolineano come, il più delle volte, in una larga percentuale di disturbi ordinari medici e ospedali potrebbero anche non essere coinvolti. Mi chiedevo se davvero tutte le persone ospedalizzate o in visita in reparto avessero bisogno di essere lì o di essere seguite in quel modo, con quelle trafile di documentazioni e certificazioni.
Non so nulla di sanità, ma per le mie recenti esperienze, dirette e indirette, mi sono chiesta se possa esistere realmente una diversa organizzazione delle strutture sanitarie e una diversa concettualizzazione del malato, specie per reparti come geriatria e medicina, dove arrivano spesso degenti “per esclusione”, che magari hanno bisogno più di assistenza che di terapie. Non a caso, le compagnie assicurative si stanno già ponendo il problema di passare da una concezione del malato come ricoverato a persona bisognosa di assistenza domiciliare.
Ma ho pensato soprattutto a quanto la tecnologia e l’innovazione avrebbero potuto aiutare a smaltire quella folla di gente che a volte è lì per questioni routinarie. Mi sono domandata se un grosso sistema pubblico di amministrazione come quello sanitario – con tutte le difficoltà stranote e spesso anche retoricamente sottolineate – abbia la capacità di cogliere e sfruttare i risparmi di tempo e risorse che la tecnologia consente.
Mi è tornato in mente, allora, un passo del manualetto What it means to be a libertarian. A personal Interpretation, di Charles Murray, tradotto in italiano dalla Liberilibri:


“Prendete il caso della diagnosi. Noi pazienti cerchiamo un medico perché immaginiamo il suo cervello altamente addestrato, istruito da anni di esperienza, vagliare le possibilità, esprimere pareri accurati. Una volta forse questa era la migliore alternativa. Oggi è probabile che siano più opportuni un’infermiera professionista esperta, dotata di un protocollo di domande, un software diagnostico sofisticato e un supporto umano specializzato per i casi più complessi. Ciò che è vero per il software diagnostico è vero per parecchie altre innovazioni tecnologiche in medicina.” 


Boaz conclude che il sistema sanitario attuale assomiglia ben poco a quello che si svilupperebbe se i governi non fossero sordi al cambiamento. È un discorso complesso, che parte dai ritardi con cui le grandi macchine burocratiche, che hanno prospettive temporali completamente diverse da quelle degli individui, intercettano i cambiamenti di vita, non riuscendo o non essendo comunque interessate a cogliere le opportunità interstiziali e magnifiche che talora un po’ di inventiva mista all’innovazione possono produrre.
Così, tra i corridoi di uno di quegli ospedali, ho scoperto che un medico ha appena messo a punto un’applicazione che consente alle future mamme di monitorare da sole attraverso il conteggio dei movimenti fetali, da qualsiasi supporto Apple, il benessere del loro bimbo. Un gesto piccolo e semplice, che consentirà una collaborazione più celere e efficiente tra le donne e i medici, i quali potranno ricevere via mail o sms i report multipli elaborati domiciliarmente dal software, report facili da raccogliere per la paziente e da interpretare per il medico.  
Un software nuovo, appena messo in commercio per una cifra a dir poco irrisoria (1,99 dollari), frutto né di un firb del ministero dell’istruzione né di un protocollo di ricerca regionale, ma semplicemente dell’inventiva individuale, da quella di Steve Jobs fino a quella del medico che ha avuto l’idea, passando per quell’emblema di ordine spontaneo di mercato che si è dimostrata la rivoluzione informatica.

Un software che immagino sia in compagnia di un’infinità di altre piccole innovazioni capaci di produrre semplici e straordinari risultati i quali, se colti, possono creare altrettanto piccole ma significative soluzioni laterali a problemi che sembrano irresolubili, come, ad esempio, semplificare il rapporto tra paziente e medico, in un sistema (non solo sanitario) sempre più complesso e costoso, e fronteggiare la domanda crescente di servizi ospedalieri con un’offerta pubblica in riduzione.
 

Serena Sileoni

COMMENTI /

Ritratto di Anonimo
Mer, 08/08/2012 - 20:01
Nel caso non consocessi questo libro, discute esattamente queste dinamiche (e soluzioni): http://www.amazon.com/The-Innovators-Prescription-Disruptive-Solution/dp/0071592083/ref=sr_1_3?ie=UTF8&qid=1344448816&sr=8-3&keywords=clayton+christensen
SHARE
Ritratto di Mirco Romanato
Ven, 10/08/2012 - 16:15
Mirco Romanato
Per chi fosse interessato, un articolo simile, di James Hughes, è stato tradotto da me qualche anno fa per Estropico: Oltre i medici - computer, capitalismo e infermieri ci stanno portando verso una medicina qualitativamente superiorehttp://www.linkiesta.it/node/21491#comments http://www.estropico.com/id194.htm Il concetto base è che l'attuale strutturazione della medicina in USA (ma anche in Europa) è troppo legata al ruolo del medico come solitario guaritore intorno al quale ruota tutta la sanità.
SHARE
Ritratto di Anonimo
Ven, 10/08/2012 - 16:17
Un'altro articolo interessante,che espone il problema della burocratizzazione inutile della sanità che limita il numero e la qualità dei servizi offerti e aumenta i costi per gli utenti (negli USA, ma per molti aspetti è simile anche in Europa e in Italia in particolare). Andare al laboratorio aggirando i medici http://estropico.blogspot.it/2010_01_01_archive.html
SHARE
RESTA AGGIORNATO
Iscriviti per non perdere gli articoli e i post del giorno.
Acccetto le condizioni sulla privacy

BREAKING NEWS

Usa, arrestato Michael Phelps per guida in stato di ebbrezza

Lo conferma la polizia stradale del Maryland

Afghanistan, firmato l’accordo di sicurezza con gli Usa

Gli Usa potranno mantenere ancora per un decennio loro militari con funzioni di formazione e assistenza

Ucraina, Ue conferma le sanzioni alla Russia

"Mentre ci sono stati sviluppi politici incoraggianti attorno all'accordo di Minsk. "restano ancora da applicare correttamente alcuni punti essenziali"

Lo scioglimento dei ghiacci cambierà anche la gravità

Diminuendo la massa si modifica anche la gravità. Ma non è una cosa di cui preoccuparsi. Per ora
SHARE

Il futuro come se lo immagina Hollywood (non bello)

Un’infografica raccoglie i 25 film più belli ambientati nel mondo che sarà. Il 75% è una distopia
SHARE

La vita di una donna racchiusa in pochi passi

Un video la racconta come un cammino: mostra il corpo che cambia e i compagni di viaggio
SHARE

Ortaggi e verdure: guida per riconoscere i migliori

Per capire se sono freschi non basta il colpo d’occhio: serve un’expertise che molti non hanno più
SHARE
Quitaly Compra la raccolta dei reportage di Quit su Amazon e Ibs.it

PRESI DAL WEB

Come Sam Simon, co-autore dei Simpson, si prepara a morire

Gli è stato diagnosticato il cancro due anni fa: pochi mesi per vivere. Simon è ancora vivo e spende tutti i soldi guadagnati in beneficenza

Vassilis Paleokostas, il delinquente imprendibile che diventa eroe nazionale

Rapinatore di banche, latitante, fugge due volte di galera in elicottero, dona i suoi soldi alle persone che incontra

Una vita in cammino: la donna che ha percorso 15mila chilometri in tre anni

Dalla Siberia al Deserto di Gobi, per spazi immensi e desolati. La storia strana di una donna quarantenne, svizzera, e con un’idea di divertimento originale