Blog di

Blog a più mani

Se voi foste finlandesi, investireste in Italia?

Blog post del 21/07/2012
Parole chiave: 

Cerchiamo di capire in questo articolo se lo spread italiano è colpa dei “cattivi speculatori internazionali” o dei cattivi politici italiani, lista in cui occorre includere Monti, Berlusconi, Di Pietro, Vendola, Grillo, Bersani, Bossi (eventuali omissioni non sono interpretabili come indicazione di voto).

Mi concentrerò su Monti perché è l'unico tra questi ad avere (nonostante il suo operato) credibilità riformista. Quindi tutto ciò che dirò varrà a fortiori per gli altri leader politici (escluderei Bersani perché secondo me è un’invenzione della stampa: anche i miei amici del PD non hanno prove della sua esistenza).

Supponiamo che non siano i grandi fondi istituzionali a prendere decisioni finanziarie, ma direttamente i lavoratori finlandesi che risparmiano per la pensione. Cosa vedrebbero guardando l’Italia?

  • Un paese in crisi fiscale, con una spesa enorme, un debito enorme, e dei servizi pubblici mediocri e una corruzione pubblica da primato, che cerca di uscirne con aumenti delle tasse da 40-50 miliardi e tagli di spesa da 3 miliardi in tre anni: ne dedurrebbe che se la crescita potenziale del paese era 1% reale in passato, sarà lo 0% in futuro.
  • Un paese con la disoccupazione giovanile al 35% per via del mercato del lavoro a due binari, in cui chi ha un lavoro fisso passa tutta la variabilità ciclica ai precari, e che nonostante ciò fa riforme del lavoro che aumentano le tasse sui lavoratori precari: ancora più disoccupazione, dunque.
  • Uno stato che possiede centinaia di miliardi di immobili, probabilmente con un rendimento negativo (saranno inutilizzati e costerà mantenerli), ma non li vende, nonostante ciò eviterebbe di doversi indebitare al 6% sui mercati finanziari, migliorando la sostenibilità dei conti pubblici.
  • Uno stato che dice che la garanzia del suo debito è la ricchezza dei suoi cittadini, che però per il 70% è immobiliare e non potrà essere liquidata e portata in Finlandia: la ricchezza immobiliare non è un buon collaterale per il debito estero, come testimonia la Spagna.
  • L'opposizione all'attuale governo del "proporre poco e fare ancora meno", guidata da Grillo, Di Pietro, Camusso e Berlusconi (che ne sarà della Lega?), che messi insieme sembrano la maggioranza degli elettori (per fortuna sono divisi), che propone la politica del "proporre male e fare peggio".
  • Un dibattito pubblico in cui i liberali non esistono, tranne sparuti economisti che scrivono articoli che il paese non è culturalmente capace di recepire, e se esistono hanno paura a farsi sentire perché non hanno alcuna organizzazione o autonomia politiche.
  • Venti anni di stagnazione e cinque di crisi che hanno rafforzato le ideologie stataliste e corporativiste che per cinquant'anni hanno creato le basi dei problemi attuali, in un paese incapace di mettere in discussione la propria eteronomia nei confronti della politica e desideroso anzi di asservirsi.
  • Un paese che da risparmiatore netto è diventato consumatore di credito estero, indebitandosi con l’estero, e in cui i risparmi continuano a diminuire, e che quindi non potrà finanziare un'eventuale improbabile ripresa.

Di fronte a problemi di tale portata e soluzioni proposte così inadeguate, chi avrebbe fiducia nell'Italia? Chi le darebbe e ancor più farebbe credito? Chi scommetterebbe sul suo futuro?

L’Italia si salverà stavolta con l’elemosina dell’UE, senza fare riforme serie, ipotecando la ricchezza degli italiani . Ma alla prossima crisi dubito che questo giochetto potrà essere ripetuto: la ricchezza buttata sistematicamente al cesso prima o poi si esaurisce. Un'altra crisi come questa, con risposte di policy come quelle dell'attuale e del precedente governo, e faremo la fine della Grecia.

Pietro Monsurrò

Parole chiave: 

COMMENTI /

Ritratto di Mercato e Libertà
Sab, 21/07/2012 - 13:16
Mliberta
Antonio: prima domanda: non capisco. immagino che non ti sei mai posto il problema di risparmiare per la pensione, se ti chiedi se è normale che esistano il risparmio e l'investimento. l'investimento è quando prendi i risparmi e li usi per fattori produttivi. se non vuoi farlo per cose produttive, li dai allo stato italiano o, equivalentemente, li butti al cesso. :-) per la terza: io ho usato il termine statalista e corporativista, non stalinista. l'Italia è un'oclocrazia, cioè il governo del populismo, con forti dosi di oligarchia, cioè il governo dei parassiti. è inevitabile che un tale sistema sia statalista e corporativista. stalinista ancora no, per fortuna. chissà in futuro. PM
SHARE
Ritratto di francesco tomasello
Sab, 21/07/2012 - 13:26
francotomasello
tutto si infrange nella costituzione frutto di un esercizio "comunistasocialista"della volonta' popolare. una forma "economica"nata "casuale" dove circa 5 milioni di cittadini lavorano a loro "rischio" per soddisfare le necessità di una 40tina di milioni di cittadini piu' o meno tutelati.(escludo solo i minori)
SHARE
RESTA AGGIORNATO
Iscriviti per non perdere gli articoli e i post del giorno.
Acccetto le condizioni sulla privacy

BREAKING NEWS

Rcs Libri accetta la trattativa con Mondadori

Il cda di Rcs Libri ha deciso di concedere a Mondadori un periodo di esclusiva per valutare nel merito l'offerta di acquisto

Escort, le intercettazioni di Berlusconi: “Stasera ho due bambine”

Sono state depositate a Bari le trascrizioni delle intercettazioni fiume effettuate dai magistrati nell'ambito del processo sulle escort

Alfano riferisce al Senato sulle devastazioni dei tifosi del Feyenoord

Durante gli atti di teppismo fu danneggiata anche la “Barcaccia’ di piazza di Spagna a Roma

Smemoranda

I negativi di maicol&mirco

Maicol&Maicol

Un giro sulle montagne russe più veloci del mondo

Le montagne russe più veloci del mondo, negli Stati Uniti
Si chiamano “Fury 325”, arrivano fino a 150 chilometri all’ora e hanno appena passato il primo test
SHARE

Immagini di suore che si divertono

Non ci sono solo preghiere e chitarrine. Queste immagini rafforzeranno la vostra fede
SHARE

Cosa postare e cosa no: guida per non rovinarsi la vita

Usare i social network non è facile come sembra: l’idea di essere tra amici è solo un inganno
SHARE

I Lego rifanno la scena migliore di Ritorno al Futuro

Un fulmine deve colpire la torre dell’orologio della città e spedire Marty McFly nel futuro
SHARE

PRESI DAL WEB

Come nasce un capolavoro: il backstage del video di Razzi

Immagini rubate mostrano Antonio Razzi, sul lungomare di Pescara, mentre canta e balla per il suo videoclip "Famme cantà"

La politica non basta più, e Antonio Razzi diventa cantante, con "Famme cantà"

Il brano è una sorta di auto-presa in giro del discusso e discutibile politico, che riprende sue frasi diventate tormentoni e le mette in musica