Mercato e Libertà

Blog di

Blog a più mani

Se voi foste finlandesi, investireste in Italia?

Blog post del 21/07/2012
Parole chiave: 

Cerchiamo di capire in questo articolo se lo spread italiano è colpa dei “cattivi speculatori internazionali” o dei cattivi politici italiani, lista in cui occorre includere Monti, Berlusconi, Di Pietro, Vendola, Grillo, Bersani, Bossi (eventuali omissioni non sono interpretabili come indicazione di voto).

Mi concentrerò su Monti perché è l'unico tra questi ad avere (nonostante il suo operato) credibilità riformista. Quindi tutto ciò che dirò varrà a fortiori per gli altri leader politici (escluderei Bersani perché secondo me è un’invenzione della stampa: anche i miei amici del PD non hanno prove della sua esistenza).

Supponiamo che non siano i grandi fondi istituzionali a prendere decisioni finanziarie, ma direttamente i lavoratori finlandesi che risparmiano per la pensione. Cosa vedrebbero guardando l’Italia?

  • Un paese in crisi fiscale, con una spesa enorme, un debito enorme, e dei servizi pubblici mediocri e una corruzione pubblica da primato, che cerca di uscirne con aumenti delle tasse da 40-50 miliardi e tagli di spesa da 3 miliardi in tre anni: ne dedurrebbe che se la crescita potenziale del paese era 1% reale in passato, sarà lo 0% in futuro.
  • Un paese con la disoccupazione giovanile al 35% per via del mercato del lavoro a due binari, in cui chi ha un lavoro fisso passa tutta la variabilità ciclica ai precari, e che nonostante ciò fa riforme del lavoro che aumentano le tasse sui lavoratori precari: ancora più disoccupazione, dunque.
  • Uno stato che possiede centinaia di miliardi di immobili, probabilmente con un rendimento negativo (saranno inutilizzati e costerà mantenerli), ma non li vende, nonostante ciò eviterebbe di doversi indebitare al 6% sui mercati finanziari, migliorando la sostenibilità dei conti pubblici.
  • Uno stato che dice che la garanzia del suo debito è la ricchezza dei suoi cittadini, che però per il 70% è immobiliare e non potrà essere liquidata e portata in Finlandia: la ricchezza immobiliare non è un buon collaterale per il debito estero, come testimonia la Spagna.
  • L'opposizione all'attuale governo del "proporre poco e fare ancora meno", guidata da Grillo, Di Pietro, Camusso e Berlusconi (che ne sarà della Lega?), che messi insieme sembrano la maggioranza degli elettori (per fortuna sono divisi), che propone la politica del "proporre male e fare peggio".
  • Un dibattito pubblico in cui i liberali non esistono, tranne sparuti economisti che scrivono articoli che il paese non è culturalmente capace di recepire, e se esistono hanno paura a farsi sentire perché non hanno alcuna organizzazione o autonomia politiche.
  • Venti anni di stagnazione e cinque di crisi che hanno rafforzato le ideologie stataliste e corporativiste che per cinquant'anni hanno creato le basi dei problemi attuali, in un paese incapace di mettere in discussione la propria eteronomia nei confronti della politica e desideroso anzi di asservirsi.
  • Un paese che da risparmiatore netto è diventato consumatore di credito estero, indebitandosi con l’estero, e in cui i risparmi continuano a diminuire, e che quindi non potrà finanziare un'eventuale improbabile ripresa.

Di fronte a problemi di tale portata e soluzioni proposte così inadeguate, chi avrebbe fiducia nell'Italia? Chi le darebbe e ancor più farebbe credito? Chi scommetterebbe sul suo futuro?

L’Italia si salverà stavolta con l’elemosina dell’UE, senza fare riforme serie, ipotecando la ricchezza degli italiani . Ma alla prossima crisi dubito che questo giochetto potrà essere ripetuto: la ricchezza buttata sistematicamente al cesso prima o poi si esaurisce. Un'altra crisi come questa, con risposte di policy come quelle dell'attuale e del precedente governo, e faremo la fine della Grecia.

Pietro Monsurrò

Parole chiave: 

COMMENTI /

Ritratto di Antonio
Sab, 21/07/2012 - 12:20
Antonio
Il primo problema che mi pongo è quello che qui viene presentato come dato "biologico": un finlandese o una comunità di finlandesi ha dei soldi, e per essi l'unica cosa naturale da fare è investirli per avere più soldi. Chissà se non esistano altri modi di investire. Il secondo è: se io fossi un finlandese che sta investendo in Italia, mi piacerebbe essere un italiano? (questa domanda è molto importante). Il terzo: quindi il problema della crisi economica attuale in Italia, intendo dire "il vero problema" è che l'italia è da cinquant'anni STALINISTA?
SHARE
Ritratto di FabGalluzzi
Sab, 21/07/2012 - 12:36
FabGalluzzi
Purtroppo e' tutto vero. Ma non trascurerei di notare che questo, piu' o meno consapevolmente, e' quello che vuole la maggioranza degli italiani.
SHARE
Ritratto di Mercato e Libertà
Sab, 21/07/2012 - 13:16
Mliberta
Antonio: prima domanda: non capisco. immagino che non ti sei mai posto il problema di risparmiare per la pensione, se ti chiedi se è normale che esistano il risparmio e l'investimento. l'investimento è quando prendi i risparmi e li usi per fattori produttivi. se non vuoi farlo per cose produttive, li dai allo stato italiano o, equivalentemente, li butti al cesso. :-) per la terza: io ho usato il termine statalista e corporativista, non stalinista. l'Italia è un'oclocrazia, cioè il governo del populismo, con forti dosi di oligarchia, cioè il governo dei parassiti. è inevitabile che un tale sistema sia statalista e corporativista. stalinista ancora no, per fortuna. chissà in futuro. PM
SHARE
Ritratto di francesco tomasello
Sab, 21/07/2012 - 13:26
francotomasello
tutto si infrange nella costituzione frutto di un esercizio "comunistasocialista"della volonta' popolare. una forma "economica"nata "casuale" dove circa 5 milioni di cittadini lavorano a loro "rischio" per soddisfare le necessità di una 40tina di milioni di cittadini piu' o meno tutelati.(escludo solo i minori)
SHARE
Ritratto di Roberto Orsi
Sab, 21/07/2012 - 14:18
Roberto Orsi
Avete dimenticato il fattore demografico, vera chiave di volta della crisi italiana: investireste in un paese decrepito, con pochi giovani tutto sommato rimbambiti e immigrati semi-analfabeti? Il paese è fatto dalle persone, non tanto dal paesaggio. E le persone, il loro numero ma anche e soprattutto la loro qualità, è ciò che fa la differenza. Un discorso politicamente scorretto, ma inevitabile. Ci vorrebbero almeno 30 anni di riforme RADICALI per cambiare questo stato di cose. Impossibile in una democrazia liberale.
SHARE
Ritratto di londan
Dom, 22/07/2012 - 15:59
londan
'...cattivi politici italiani, lista in cui occorre includere Monti, Berlusconi, Di Pietro, Vendola, Grillo, Bersani, Bossi ' Che cosa c'entra Grillo che manco e' in parlamento e non ha mai legiferato ? Siete un po fissati o lo penso solo io ?
SHARE
Ritratto di Mike
Dom, 22/07/2012 - 17:54
Mike
Articolo perfetto. Sono proprio queste le ragioni per le quali non siamo credibili, anche rispetto ad altri paesi dell'area euro che non sono messi molto meglio di noi quanto a rapporto debito pubblico - pil (v. per es. il Belgio, che colloca sul i propri titoli del debito pubblico a tassi negativi, nonostante un rapporto d.p. - pil intorno la 100%). La conclusione dell'articolo è ineccepibile. Purtroppo.
SHARE
Ritratto di Sveva
Dom, 22/07/2012 - 23:47
Sveva
Scusate, ma quando si decideva l euro, il suddetto finlandese non si poneva lo stesso problema ? L'Italia era la stessa allora di quella che e oggi. E si sapeva benissimo la situazione italiana di debito corruzione ecc.
SHARE
RESTA AGGIORNATO
Iscriviti per non perdere gli articoli e i post del giorno.
Acccetto le condizioni sulla privacy

BREAKING NEWS

Il Governo all'Ue: "Più tempo per il pareggio dei conti"

Scoppia il caso della lettera del ministro Padoan all'Unione europea

Cassazione: “La diffamazione via Facebook anche anonima è reato”

Parli male di una persona su Facebook, senza nominarla direttamente, ma indichi particolari che possano renderla identificabile? Puoi avere una condanna

Canone Rai: Il Governo smentisce l'ipotesi di pagarlo in bolletta

Niente soluzione all’inglese. Indiscrezioni davano il dossier sul tavolo di Cottarelli

Il vero pericolo per gli automobilisti? La camomilla

Una pubblicità per l’estero interpreta in modo simpatico il concetto di “non bere e guidare”
SHARE

I nove errori più gravi in un colloquio di lavoro

Postura scorretta, scarso contatto visivo, troppi gesti. Cose che possono stroncare una carriera
SHARE

Il capolavoro dell’umiltà: chi pulisce i monumenti

Immagini di luoghi importanti e artistici australiani quando sono nelle mani degli inservienti
SHARE

Il trucco per giocare a snake su Youtube

Il gioco che spopolava sui cellulari alla fine degli anni novanta in una versione particolare
SHARE

5x1000

PRESI DAL WEB

La guida (involontaria) di Amazon al traffico di droga

Senza dubbio il gruppo di Bezos non fornisce guide per gli spacciatori, ma il suo algoritmo sembra aver fatto proprio questa cosa

Così il movimento egiziano dei Tamarrod ha aperto la strada al governo militare

Per la prima volta uno dei leader del movimento che si oppose ai Fratelli Musulmani ammette di aver ricevuto ordini dall’esercito: "Siamo stati ingenui"

Andare in profondità: la vita difficile di chi fa speleologia estrema

Giorni interi sottoterra per esplorare caverne, in una delle attività più antiche della storia