Blog di

Berlusconi vergognoso con quella donna. Ma quella platea che ride è la nostra misera Italia

Blog post del 10/02/2013
Parole chiave: 
Argomenti: 

E sì, il siparietto di Berlusconi con una dipendente della Green Power di Mirano (Venezia) è vomitevole. Non fa ridere. Anzi, non mi fa ridere. Perché in sala ridevano. Ed è nauseabondo. E nel guardare il filmato mi imbarazzavo io per lui. Ed è qui l’errore.

Lui non era in imbarazzo. Né lui né la platea. La dipendente probabilmente sì. Ma non se l’è sentita di mandarlo a quel paese e rispondergli “vengo quante volte veniva sua madre” che l’avrebbe catapultata di diritto nell’olimpo della sinistra (e non solo) e tra i protagonisti assoluti di questa campagna elettorale. Ma non se l’è sentita e nulla le si può dire. 

Si può parlare però della platea. Perché quella platea siamo noi. È l’Italia. È il nostro luogo di lavoro, la nostra famiglia, il nostro bar, il nostro spogliatoio quando andiamo a giocare a calcetto (a tennis, o a squash, fate voi), è il nostro giro di amicizie cinefile o non. È quel darsi di gomito quando in un qualsiasi ambiente entra una donna. È l’essere additato come meno virile se non si partecipa al gioco cameratesco. È anche il clima da terza media che si crea in tante scampagnate organizzate da sole donne. 

Insomma, è l’Italia. Siamo noi. Che se notiamo una donna piacente in un qualche posto di rilievo pensiamo subito che l’abbia raggiunto quantomeno grazie al suo fisico. È davvero da stupidi, da ignoranti, credere che l’humus non sia questo. Se non fosse questo, le frasi di Berlusconi non attecchirebbero. Se non fosse questo, lui si sentirebbe in imbarazzo a chiedere pubblicamente a una donna quante volte viene. Avrebbe vergogna a chiederle brassianamente di girarsi per ammirare “la parte”.

Lo ha fatto perché era certo che quella platea avrebbe riso. Perché quella platea è l’Italia. Siamo noi. Siamo noi quelli che ridiamo di fronte a quella pubblica mortificazione. E lui ci conosce fin troppo bene. In parte, ma solo in parte (sia chiaro), ha contribuito anche a renderci così. 

Parole chiave: 
Argomenti: 

COMMENTI /

Ritratto di Emilio D Errico
Mar, 12/02/2013 - 19:38
baudelayre
<p> Gallo Lei si imbarazza per il linguaggio scurrile di Berlusconi e ci pu&ograve; pure stare solo se Lei e la sua famiglia si sarebbe imbarazzato in egual misura&nbsp;nel vedere la sua&nbsp;Napoli&nbsp; ridotta in quel modo da Valente Bassolino e la Jervolino.</p> <p> Lei si vergogna per Berlusconi e le sue macchiette e anche io a dir la verit&agrave;&nbsp;un po meno&nbsp;ne vergogno mi imbarazza di pi&ugrave; lo scandalo Zingaretti alla provincia di Roma</p>
SHARE
Ritratto di Marco Giovanniello
Lun, 11/02/2013 - 03:31
mgiovanniello
"Perché quella platea siamo noi" No, grazie Gallo. Sono loro, magari siete voi, ma "noi" no. Io non c' entro.
SHARE
Ritratto di Gianni Lovato
Lun, 11/02/2013 - 17:09
Gianni Lovato
E poi ci chiediamo perché all'estero siamo considerati i giullari di corte. Ma adesso non facciamo più ridere molto; facciamo piangere. Come qui: http://www.parlafood.com/oh-my-god-italy-is-like-so-perfect/#comment-26589 BASTA!!!
SHARE
RESTA AGGIORNATO
Iscriviti per non perdere gli articoli e i post del giorno.
Acccetto le condizioni sulla privacy

cancro cancelliamolo

BREAKING NEWS

Tremonti-Finmeccanica, il Senato: «All’epoca dei fatti non era ministro»

Palazzo Madama rigetta la tesi del reato ministeriale ipotizzata dalla Procura di Milano: «Siamo incompetenti sul caso». La palla torna a Palazzo di Giustizia

Istat: tasso di disoccupazione fermo al 12,4%

Calano gli occupati. Disoccupazione giovanile scende solo dello 0,1% fermandosi a quota 41,5%

Egitto, ucciso il procuratore generale in un attentato al Cairo

Secondo il ministero dell'Interno, "bomba all'interno di una vettura e' esplosa al passaggio della vettura del procuratore"

Smemoranda 

I negativi di maicol&amp;mirco

Maicol&amp;Maicol

La storia tragica dell’uomo che non volle salutare Hitler

Accadde in occasione dell’inaugurazione di una nave. A tenere le braccia conserte fu August Landmesser, e aveva i suoi buoni motivi

Non solo riconoscimento facciale: Facebook saprà chi siete anche di spalle

Il nuovo algoritmo, ancora in fase sperimentale, ha dato risultati convincenti. Su 40mila immagini, ha azzeccato l’83%. Privacy a rischio?

Quanto beve quell’ubriacone di James Bond

L’agente segreto ama le donne e l’avventura. Ma, a quanto si scopre, ha anche un altro vizio: alzare il gomito. Roba da rehab

Secondo la scienza, sarà possibile vivere fino a mille anni

I risultati della ricerca sono promettenti, le scoperte sono incoraggianti. Resta da capire chi pagherà pensioni così lunghe

PRESI DAL WEB

Varoufakis: «Votate No, con l’accordo nessuna possibilità di ripresa»

L’intervista all’australiana LNL ABC Radio National: «I ministri europei negano la democrazia», «le proposte sono state fatte apposta per essere rifiutate»

L’Economist: Renzi non sopravviverebbe alla Grexit, Italia a rischio contagio

Il settimanale aggiorna le previsioni: lo spread tornerà alto e farà saltare le misure di stimolo del 2016. A rischio il fragile equilibrio del governo Renzi

Una proposta per il dopo Expo 2015: un CyberParco per la Cyber Security

Nasce un comitato no profit per il destino delle aree dell'esposizione universale