Blog di

Fermare il calcio può essere ipocrita, ma anche educativo

Blog post del 15/04/2012
Parole chiave: 

Non nego che possa essere ipocrita la sospensione del campionato italiano in segno di lutto per la morte di Piermario Morosini, così come la domenica televisiva infarcita di servizi e testimonianze sulla giovane vittima. A parte che c’è chi la tv non la guarda (del resto non è obbligatorio), devo ammettere che oggi trascorrere la giornata a suon di moviole e accuse agli arbitri sarebbe stato davvero penoso. Le polemiche sui gol-non-gol ci avrebbero probabilmente messo di fronte alle nostre miserie, sarebbe stato un bagno di sano realismo, ma a volte provare a fermarsi può servire anche solo a respirare, o a illudersi che possiamo anche mostrare aspetti diversi di noi stessi.

Sulle morti si può dire sempre tutto e il contrario di tutto. Ciascuno reagisce a modo suo, rivelando probabilmente la reazione che desidererebbe alla sua scomparsa. 

Ragionando sul concetto di ipocrisia, allora anche il minuto di raccoglimento è ipocrita. Certo, tutti dimentichiamo. Céline lo scrisse nel suo Viaggio, è il male dell’uomo. Probabilmente cedo alla retorica, cosa che in genere cerco di fare il meno possibile. Però magari oggi qualche ragazzino appassionato di calcio si starà domandando se la morte di un illustre sconosciuto su un campo di serie B non sia più importante della lotta scudetto tra Juventus e Milan. E secondo me non è un male. E domani? Come disse quel tale, a ciascun giorno basta la sua pena.   

Parole chiave: 

COMMENTI /

Ritratto di Arcangelo Munciguerra
Lun, 16/04/2012 - 13:42
Amunciguerra
penso che l'immagine del ragazzino piangente davanti alla tv sia l'alibi perfetto per la strumentalizzazione mediatica di un carrozzone che ha trovato per l'ennesima settimana l'eroe da sacrificare. Un carrozzone che agita lo spettro della morte giovane come fuoco purificatore di un mondo, quello calcistico, che le "grandi menti" della stampa sportiva hanno contribuito a sporcare giorno dopo giorno... Oggi Balotelli è commosso, domani sarà il bad boy, dopodomani si ritornerà a parlare del culo della sua pupa... giusto per non parlare di tutto il resto...
SHARE
RESTA AGGIORNATO
Iscriviti per non perdere gli articoli e i post del giorno.
Acccetto le condizioni sulla privacy

BREAKING NEWS

Renzi a Catania, proteste: contatti tra polizia e manifestanti

Renzi a Catania, proteste: contatti tra polizia e manifestanti „Contatti tra polizia e manifestanti si sono registrati in via Vittorio Emanuele vicino al Duomo

Travaglio scarica Grillo e M5s: «Si sta suicidando, sembrano una setta»

«Il buon lavoro dei parlamentari pentastellati resta sullo sfondo»

M5s, Beppe Grillo lascia: «Sono stanchino, rimango garante»

Cinque persone si confronteranno con l'ex comico genovese

Street Food, l’infografica dei cibi di strada del mondo

Ogni Paese ha la sua tradizione di cibi veloci, facili e a basso prezzo. Che spopolano tanto
SHARE

Robert Badinter, l’uomo che fermò la ghigliottina

Storia di un avvocato che decise di abolire la pena di morte in Francia, e di come ci riuscì
SHARE

Ridere con Truth Facts, i fatti veri più veri del vero

Sono vignette che rappresentano situazioni proverbiali, verità note a tutti ma mai diffuse
SHARE

Un anno di CO2: cosa succede nei cieli della Terra

I viaggi dell’inquinamento atmosferico in una simulazione molto chiara della Nasa
SHARE
Quitaly Compra la raccolta dei reportage di Quit su Amazon e Ibs.it

PRESI DAL WEB

Berlusconi: “Al Quirinale voteremmo Amato”

Parla il leader di Forza Italia: prima l’accordo sul Colle, poi le riforme

Indiane d’America: la storia oscura di donne dimenticate ma libere

Nessuno conosce, a parte Pocahontas, un nome di squaw famose. Eppure, prima della conquista, vivevano in società molto più egalitarie di quelle europee