Blog di

di Salvatore Grizzanti

A chi dà fastidio il naturismo?

Blog post del 13/07/2012
Parole chiave: 

La senatrice Donatella Poretti ed il senatore Marco Perduca (Radicali) hanno depositato in Senato un'interrogazione ai Ministri dell'interno, della difesa e per gli affari regionali, il turismo e lo sport.

L'associazione Certi Diritti ha segnalato fatti che stanno avvenendo in alcune spiagge italiane: in particolar modo alla spiaggia dell'Arenauta di Gaeta, una spiaggia notoriamente frequentata da naturisti.

Dice al Senato la senatrice Poretti

In proposito la legge è chiara fino a un certo punto. Esiste l'articolo 726 del codice penale che punisce gli atti contrari alla pubblica decenza. Su questo la Cassazione ha dato un'interpretazione finalizzata a stabilire che il naturismo non è contrario alla pubblica decenza. Forti però di questo articolo del codice penale, in alcuni casi i vigili, e nella spiaggia dell'Arenauta addirittura dei vigilantes privati, sono stati inviati a fare multe e in alcuni casi ad ordinare ai naturisti di rivestirsi. Sollecitiamo dunque la risposta a questa interrogazione. Va da sé che un Paese turistico come l'Italia che non decide comunque di regolamentare la pratica del naturismo in qualche modo scaccia anche i possibili turisti che esistono - e sono stimati in circa 20 milioni in Europa e più del doppio negli Stati Uniti - e che potrebbero frequentare luoghi adeguatamente segnalati e predisposti per una pratica che comunque viene riconosciuta a livello internazionale non in maniera così disdicevole. Richiedo quindi che sia data risposta all'interrogazione segnalando altresì che abbiamo presentato disegni di legge con senatori di ogni partito per cercare di mettere un punto chiaro su questa vicenda. 

A chi dà fastidio il naturismo?

 

 

 

Parole chiave: 

COMMENTI /

Ritratto di Marco Giovanniello
Ven, 13/07/2012 - 13:25
mgiovanniello
"A chi dà fastidio il naturismo?" La risposta è inutile, perché per tutte le cose che esistono c' è sempre qualcuno a cui danno fastidio. Quello che è assurdo è impedire il naturismo anche in luoghi riservati ai naturisti o nudisti che siano.
SHARE
Ritratto di Fidenzio
Sab, 14/07/2012 - 23:42
Fidenzio
Vorrei aggiungere che il codice penale nun condanna lo stato di nudità dei cittadini italiani ma gli ""atti osceni in luogo pubblico" (art. 527 del cp) e gli "atti contrari alla pubblica decenza" (art.726 del cp). Quindi se io sto nudo sono in uno "stato" e lo stare nudi non è previsto come reato dal codice penale che condanna solo gli atti osceni e gli atti indecenti. Se nudo od anche vestito compio un atto sessuale vado contro l'art.527 del cp, se sono nudo e compio un atto innocente come l'elioterapia od il nuoto o semplicemente cammino sulla spiaggia non compio alcun atto che possa ricadere nell'art.726 del cp perchè l'atto che compio non è un atto indecente. O sbaglio? Ritengo che occorrerebbe una semplice circolare interpretativa del Ministro della Giustizia Severino per mettere tutto nel giusto binario: rispettare una idea perseguitata nel nostro Paese ed iniziare ad aprir, come nel resto dell'Europa, al turismo naturista e creare nuovi posti di lavoro. Fidenzio Laghi ex presidente ANER
SHARE
RESTA AGGIORNATO
Iscriviti per non perdere gli articoli e i post del giorno.
Acccetto le condizioni sulla privacy

BREAKING NEWS

Messico: caso studenti scomparsi, lascia il governatore Aguirre

Ha annunciato giovedì le sue dimissioni, per favorire l'inchiesta sulla sparizione di 43 studenti di una scuola, avvenuta un mese fa

Vertice Ue, c'è l'accordo sul clima

riduzione del 40% delle emissioni di CO2 entro il 2030

Ebola, primo caso a New York

Medico ricoverato positivo a virus, era tornato da Guinea

Come diventare un drago a usare Google

Tutti sanno servirsi del motore di ricerca, ma pochi sono in grado di farlo alla grande. Qui si può
SHARE

Sculpture by the Sea: l’arte in spiaggia a Sydney

Oltre 100 opere esposte lungo il litorale della città. La mostra outdoor che apre la primavera
SHARE

Ebola, i rischi per chi ama viaggiare

Chi gira per il mondo è spaventato, ma sbaglia: le probabilità del contagio sono molto basse
SHARE

Il primo film per i diritti dei gay è del 1919

"Diverso dagli altri" è stato distrutto dai nazisti. Resta solo l’estratto di un documentario
SHARE
Quitaly Compra la raccolta dei reportage di Quit su Amazon e Ibs.it

PRESI DAL WEB

La crisi che ha cambiato Papa Francesco

La cura per le persone prima della dottrina e dei dogmi, la storia della sua vita e il momento in cui tutto è cambiato. Perché doveva cambiare

Storia di una fine: il giornale (greco) per i greci di Istanbul sta per morire

L’agonia di Apoyevmatini, una volta organo influente della comunità dei greci di Turchia, ora stampato per solo 600 famiglie è il residuo di un mondo scomparso

Tutti si sono dimenticati di Joseph Kony e del suo Lord's Resistance Army

Ci fu un tempo in cui il tema dominò i media. Ora, dopo la guerra civile in Sud Sudan, l’ebola e le atrocità di Boko Haram se lo sono scordato tutti