Blog di

di Marco Fattorini

C'è crisi? Fate le vacanze in Italia e giocate a golf

Blog post del 4/07/2012

C'era una volta Francesco Rutelli, ministro dei Beni Culturali e protagonista di uno sfortunato spot istituzionale in cui invitava i turisti a scoprire il Belpaese. "Please visit Italy", lo slogan masticato in un inglese maccheronico, tanto da diventare un cult. Oggi la situazione è più seria: c'è la crisi economica e sono sempre di più le famiglie che dovranno rinunciare alle vacanze estive. Eppure anche in tempi di spending review le istituzioni provano a rilanciare il turismo.

Stavolta l'invito giunge dalla Federazione Italiana Golf e dal suo numero uno Franco Chimenti, che ha inviato una lettera ai presidenti dei circoli, destinata ai centomila tesserati Fig. "Il golf - scrive Chimenti - può essere uno straordinario volano per alimentare il turismo che resta ancor oggi la nostra prima industria nazionale".

Il presidente invita gli iscritti "a scegliere in quest'ardua congiuntura internazionale una località italiana per riposarvi e giocare a golf, rinunciando ad andare all'estero per privilegiare una meta interna, in modo da contribuire a sostenere la nostra economia". Ricorda Chimenti: "da nord a sud, dal mare ai monti e alla campagna, la penisola offre un'ampia varietà di campi da golf in luoghi ameni, di grande attrattiva turistica, paesaggistica e ambientale".

L'iniziativa, che a detta della Federazione "ha già raccolto un ampio consenso", a qualcuno è suonata come uno scherzo beffardo, figlio del classico sport da privilegiati. Eppure la proposta sembra logica e utile, pur nella sua estrema semplicità. Si rivolge agli appassionati della disciplina (circoli di golf, tesserati) e, senza pretese di universalità, mira alla valorizzazione del Belpaese. Meglio se a diciotto buche.

RESTA AGGIORNATO
Iscriviti per non perdere gli articoli e i post del giorno.
Acccetto le condizioni sulla privacy

BREAKING NEWS

Messico: caso studenti scomparsi, lascia il governatore Aguirre

Ha annunciato giovedì le sue dimissioni, per favorire l'inchiesta sulla sparizione di 43 studenti di una scuola, avvenuta un mese fa

Vertice Ue, c'è l'accordo sul clima

riduzione del 40% delle emissioni di CO2 entro il 2030

Ebola, primo caso a New York

Medico ricoverato positivo a virus, era tornato da Guinea

Come diventare un drago a usare Google

Tutti sanno servirsi del motore di ricerca, ma pochi sono in grado di farlo alla grande. Qui si può
SHARE

Sculpture by the Sea: l’arte in spiaggia a Sydney

Oltre 100 opere esposte lungo il litorale della città. La mostra outdoor che apre la primavera
SHARE

Ebola, i rischi per chi ama viaggiare

Chi gira per il mondo è spaventato, ma sbaglia: le probabilità del contagio sono molto basse
SHARE

Il primo film per i diritti dei gay è del 1919

"Diverso dagli altri" è stato distrutto dai nazisti. Resta solo l’estratto di un documentario
SHARE
Quitaly Compra la raccolta dei reportage di Quit su Amazon e Ibs.it

PRESI DAL WEB

La crisi che ha cambiato Papa Francesco

La cura per le persone prima della dottrina e dei dogmi, la storia della sua vita e il momento in cui tutto è cambiato. Perché doveva cambiare

Storia di una fine: il giornale (greco) per i greci di Istanbul sta per morire

L’agonia di Apoyevmatini, una volta organo influente della comunità dei greci di Turchia, ora stampato per solo 600 famiglie è il residuo di un mondo scomparso

Tutti si sono dimenticati di Joseph Kony e del suo Lord's Resistance Army

Ci fu un tempo in cui il tema dominò i media. Ora, dopo la guerra civile in Sud Sudan, l’ebola e le atrocità di Boko Haram se lo sono scordato tutti