Blog di

di Marco Fattorini

Wimbledon, Nadal fuori al 2° turno. Ed è subito colpa del tetto

Blog post del 29/06/2012

Povero tetto. Se non c'è, è assurdo che non l'abbiano previsto, perché la pioggia non può interrompere finali di cartello come quelle recentissime di Roma e Parigi. Se invece viene montato, allora è tecnologico e bellissimo, ma poi spezza il gioco e avvantaggia l'avversario.

Nel giro di poche ore il tetto apribile del campo centrale di Wimbledon è diventato primo imputato e capro espiatorio della sconfitta di Rafael Nadal, uscito al secondo turno per mano di un sorprendente Lukas Rosol, numero 100 del mondo, classico vincitore "a sua insaputa" fino a qualche minuto prima del match. Sui campi londinesi il maiorchino non perdeva alla seconda partita dal 2005 e oggi deve fare i bagagli lasciando sull'erba la seconda posizione nel ranking mondiale, con le quotazioni di Federer (favorito) e Djokovic che salgono vertiginosamente.

I fatti. Rosol esordisce contro il favore dei pronostici (vittoria quotata a 31), perde il primo set, ma poi infila un doppio 6-4 e passa in vantaggio, prima di perdere il quarto. A quel punto il giudice arbitro fa chiudere il tetto per ovviare all'oscurità e terminare il match con la luce dei riflettori. La pratica porta via trenta minuti abbondanti: Nadal sbuffa, Rosol riordina le idee. Il match riprende: manca un set, quello decisivo. lo spagnolo è freddo, debole alla risposta, confuso negli attacchi. Il ceco attacca come un forsennato (22 ace totali) e vince accompagnato dagli applausi scroscianti del pubblico.

"La decisione di chiudere il tetto - spiegherà Nadal - non è stata la migliore per me. Ci hanno messo 35-40 minuti, non sapevo che ci volesse tanto tempo". Rafa la prende con filosofia ("è solo un match di tennis, non una tragedia") e con signorilità si ferma a firmare autografi a bordo campo. Il tutto mentre l'avversario prova a definire l'entità dell'impresa: "è come se una squadra della Repubblica Ceca battesse il Real Madrid". Lui, tennista che negli ultimi cinque anni non era mai riuscito a superare le qualificazioni in quel di Wimbledon.

Ma i nadaliani ortodossi non ci stanno. Uscire al secondo turno è uno smacco troppo grande, perdipiù davanti ad un emerito sconosciuto. Si lamentano sul web, imprecano contro il tetto e maledicono l'oscurità della notte, sbarrano gli occhi davanti ai siti di As e Marca che stravolgono le proprie homepage col fisico statuario di Balotelli accanto alla faccia contrita di Nadal. Persino la stampa italiana registra qualche mal di pancia. Nella sua corrispondenza da Londra, l'inviato della Stampa Stefano Semeraro scrive di una "sessione notturna e mascherata, vinta dopo 40 minuti di stop dal picchiatore Rosol, più a suo agio indoor". Sotto i riflettori, conclude, "resta l'ombra di un match storico, ma un po' falsato". Nella conta delle percentuali e delle responsabilità è bene ricordarci che, comunque, anche Rafa è umano. Fortissimo, ma mortale. Nonostante i sette Roland Garros vinti, a prescindere dai tetti dispettosi.

RESTA AGGIORNATO
Iscriviti per non perdere gli articoli e i post del giorno.
Acccetto le condizioni sulla privacy

BREAKING NEWS

Niente evasione fiscale per Dolce e Gabbana, la Cassazione li assolve

Agli stilisti veniva contestata la presunta evasione fiscale che sarebbe stata realizzata, secondo l'inchiesta, con una 'estero-vestizione'

Attacco a un checkpoint egiziano nel nord del Sinai: almeno 25 morti e 26 feriti

Almeno 25 persone sono rimaste uccise, e 26 ferite, in un attacco al checkpoint presidiato dall'esercito egiziano a Karm al-Qawadeis, nel Sinai del nord

Il primo tweet della Regina d’Inghilterra

Elisabetta II, all’età di 88 anni, ha twittato, con tanto di firma. È la prima volta che succede
SHARE

Come diventare un drago a usare Google

Tutti sanno servirsi del motore di ricerca, ma pochi sono in grado di farlo alla grande. Qui si può
SHARE

Sculpture by the Sea: l’arte in spiaggia a Sydney

Oltre 100 opere esposte lungo il litorale della città. La mostra outdoor che apre la primavera
SHARE

Ebola, i rischi per chi ama viaggiare

Chi gira per il mondo è spaventato, ma sbaglia: le probabilità del contagio sono molto basse
SHARE
Quitaly Compra la raccolta dei reportage di Quit su Amazon e Ibs.it

PRESI DAL WEB

La crisi che ha cambiato Papa Francesco

La cura per le persone prima della dottrina e dei dogmi, la storia della sua vita e il momento in cui tutto è cambiato. Perché doveva cambiare

Storia di una fine: il giornale (greco) per i greci di Istanbul sta per morire

L’agonia di Apoyevmatini, una volta organo influente della comunità dei greci di Turchia, ora stampato per solo 600 famiglie è il residuo di un mondo scomparso

Tutti si sono dimenticati di Joseph Kony e del suo Lord's Resistance Army

Ci fu un tempo in cui il tema dominò i media. Ora, dopo la guerra civile in Sud Sudan, l’ebola e le atrocità di Boko Haram se lo sono scordato tutti