Blog di

di Marco Fattorini

Wimbledon, Nadal fuori al 2° turno. Ed è subito colpa del tetto

Blog post del 29/06/2012

Povero tetto. Se non c'è, è assurdo che non l'abbiano previsto, perché la pioggia non può interrompere finali di cartello come quelle recentissime di Roma e Parigi. Se invece viene montato, allora è tecnologico e bellissimo, ma poi spezza il gioco e avvantaggia l'avversario.

Nel giro di poche ore il tetto apribile del campo centrale di Wimbledon è diventato primo imputato e capro espiatorio della sconfitta di Rafael Nadal, uscito al secondo turno per mano di un sorprendente Lukas Rosol, numero 100 del mondo, classico vincitore "a sua insaputa" fino a qualche minuto prima del match. Sui campi londinesi il maiorchino non perdeva alla seconda partita dal 2005 e oggi deve fare i bagagli lasciando sull'erba la seconda posizione nel ranking mondiale, con le quotazioni di Federer (favorito) e Djokovic che salgono vertiginosamente.

I fatti. Rosol esordisce contro il favore dei pronostici (vittoria quotata a 31), perde il primo set, ma poi infila un doppio 6-4 e passa in vantaggio, prima di perdere il quarto. A quel punto il giudice arbitro fa chiudere il tetto per ovviare all'oscurità e terminare il match con la luce dei riflettori. La pratica porta via trenta minuti abbondanti: Nadal sbuffa, Rosol riordina le idee. Il match riprende: manca un set, quello decisivo. lo spagnolo è freddo, debole alla risposta, confuso negli attacchi. Il ceco attacca come un forsennato (22 ace totali) e vince accompagnato dagli applausi scroscianti del pubblico.

"La decisione di chiudere il tetto - spiegherà Nadal - non è stata la migliore per me. Ci hanno messo 35-40 minuti, non sapevo che ci volesse tanto tempo". Rafa la prende con filosofia ("è solo un match di tennis, non una tragedia") e con signorilità si ferma a firmare autografi a bordo campo. Il tutto mentre l'avversario prova a definire l'entità dell'impresa: "è come se una squadra della Repubblica Ceca battesse il Real Madrid". Lui, tennista che negli ultimi cinque anni non era mai riuscito a superare le qualificazioni in quel di Wimbledon.

Ma i nadaliani ortodossi non ci stanno. Uscire al secondo turno è uno smacco troppo grande, perdipiù davanti ad un emerito sconosciuto. Si lamentano sul web, imprecano contro il tetto e maledicono l'oscurità della notte, sbarrano gli occhi davanti ai siti di As e Marca che stravolgono le proprie homepage col fisico statuario di Balotelli accanto alla faccia contrita di Nadal. Persino la stampa italiana registra qualche mal di pancia. Nella sua corrispondenza da Londra, l'inviato della Stampa Stefano Semeraro scrive di una "sessione notturna e mascherata, vinta dopo 40 minuti di stop dal picchiatore Rosol, più a suo agio indoor". Sotto i riflettori, conclude, "resta l'ombra di un match storico, ma un po' falsato". Nella conta delle percentuali e delle responsabilità è bene ricordarci che, comunque, anche Rafa è umano. Fortissimo, ma mortale. Nonostante i sette Roland Garros vinti, a prescindere dai tetti dispettosi.

RESTA AGGIORNATO
Iscriviti per non perdere gli articoli e i post del giorno.
Acccetto le condizioni sulla privacy

BREAKING NEWS

Gli Stati Uniti hanno chiuso l'ambasciata a Tripoli, in Libia

La decisione è stata presa in seguito agli scontri in città tra milizie rivali

A Gaza 40 corpi recuperati tra le macerie durante la tregua

Il bilancio delle vittime arriva a oltre 940

Maltempo, nuova esondazione del Seveso: voragine di 12 metri a Porta Romana

A meno di venti giorni dagli allagamenti che hanno mandato in tilt la città, le acque del fiume tornano a invadere la zona Nord del capoluogo lombardo

Utili consigli per diventare un buon ascoltatore

Saper parlare è importante, ma in certe occasioni l’ascolto potrebbe essere la soluzione vincente
SHARE

Cinque funzioni di Google che dovreste conoscere

Un video mostra come poter viaggiare nello spazio, o costruire una città con i Lego grazie a Big G
SHARE

Breve storia del Pi greco

Anche se la matematica non vi ha lasciato dolci ricordi, la storia di questa cifra ha un suo fascino
SHARE
Di fronte ai cacciatori di teste

I cinque errori da non fare al colloquio di lavoro

Risposte originali, abbigliamento adeguato e profilo online sobrio. Come fare colpo e trovare lavoro
A cura di
SHARE
Quitaly Compra la raccolta dei reportage di Quit su Amazon e Ibs.it

PRESI DAL WEB

Cosa ha detto Carlo Tavecchio sui calciatori africani e le banane

E la sua giustificazione: mi riferivo al curriculum e alla professionalità richiesti dal calcio inglese per i suoi giocatori che vengono dall’Africa

Perché le ragazze urlano ai concerti

Possibilità di sfogo per le “brave ragazze", modo di controllare la situazione, richiesta di attenzione: sociologi a confronto su un rito nato con Elvis

La fecondazione eterologa sarà vietata alle donne over 35

Le linee guida del ministero, pronte a divenire un decreto legge