Blog di

A un concorso per sosia di Silvio, Berlusconi perderebbe

Blog post del 2/08/2012

Silvio Berlusconi non si candiderà. E non lo farà perché conosce la storia di Charlie Chaplin. E, se non la conosceva, la conoscerà ora. Racconta un aneddoto della vita del grande comico inglese che un giorno, quando era era ormai anziano, si presentò a un concorso per sosia di Chaplin. Senza dire nulla sulla sua vera identità, fece tutto il provino. Alla fine, molto mestamente, si classificò solo terzo.

Chaplin non era più Chaplin, quello che la gente pensava fosse Chaplin non corrispondeva più a quello che era diventato. E Silvio lo sa, certo che lo sa. Al concorso per il Berlusconi del 2012, chiunque esso sia e in qualsiasi momento si voterà, di certo non vincerebbe Silvio.  

PS: Non sappiamo se Chaplin sia andato a lamentare con la giuria che il vero Chaplin era lui, ma piace pensare che avesse capito che non era più vero.

Charlie Chaplin con Mohandas K. Gandhi

COMMENTI /

Ritratto di Alessandro Madeddu
Ven, 03/08/2012 - 01:00
Alessandro Madeddu
Che sia così, che Berlusconi non sia più quello di una volta, è possibile. Che lui se ne renda conto, invece, lo escluderei. Come scrisse una volta Severgnini: Berlusconi è immune dall'autocritica :)
SHARE
Ritratto di Kan63
Ven, 03/08/2012 - 07:03
Kan63
... anche un po' Severgnini, anzi, a pensarci bene faccio fatica a pensare a qualche politico, economista, manager, giornalista, PM, ... che non sia immune dall'autocritica.
SHARE
Ritratto di Alessandro Madeddu
Ven, 03/08/2012 - 10:35
Alessandro Madeddu
In un paese di vanagloriosi e palloni gonfiati come questa nostra sfortunata repubblica è difficile trovare quell'istinto, già raro di suo, mr Kan :) Ma non disperiamo: prima o poi arriverà qualcuno che sappia pronunciare le parole fatidiche "errore mio".
SHARE
Ritratto di Beppe Roncari
Ven, 03/08/2012 - 14:15
GRoncari
Con la foto intendi dire che Charlie Chaplin e Gandhi avrebbero più possibilità di Silvio di vincere come sosia di Berlusconi?!? :-P
SHARE
Ritratto di Jacopo Barigazzi
Ven, 03/08/2012 - 16:36
jbarigazzi
<p>Caro Beppe, tu s&igrave; che sei intuitivo :-) volevo solo mostrare a cosa si dedicava Chaplin dopo aver capito che non era pi&ugrave; Chaplin&nbsp;</p>
SHARE
RESTA AGGIORNATO
Iscriviti per non perdere gli articoli e i post del giorno.
Acccetto le condizioni sulla privacy

BREAKING NEWS

Niente evasione fiscale per Dolce e Gabbana, la Cassazione li assolve

Agli stilisti veniva contestata la presunta evasione fiscale che sarebbe stata realizzata, secondo l'inchiesta, con una 'estero-vestizione'

Attacco a un checkpoint egiziano nel nord del Sinai: almeno 25 morti e 26 feriti

Almeno 25 persone sono rimaste uccise, e 26 ferite, in un attacco al checkpoint presidiato dall'esercito egiziano a Karm al-Qawadeis, nel Sinai del nord

Il primo tweet della Regina d’Inghilterra

Elisabetta II, all’età di 88 anni, ha twittato, con tanto di firma. È la prima volta che succede
SHARE

Come diventare un drago a usare Google

Tutti sanno servirsi del motore di ricerca, ma pochi sono in grado di farlo alla grande. Qui si può
SHARE

Sculpture by the Sea: l’arte in spiaggia a Sydney

Oltre 100 opere esposte lungo il litorale della città. La mostra outdoor che apre la primavera
SHARE

Ebola, i rischi per chi ama viaggiare

Chi gira per il mondo è spaventato, ma sbaglia: le probabilità del contagio sono molto basse
SHARE
Quitaly Compra la raccolta dei reportage di Quit su Amazon e Ibs.it

PRESI DAL WEB

La crisi che ha cambiato Papa Francesco

La cura per le persone prima della dottrina e dei dogmi, la storia della sua vita e il momento in cui tutto è cambiato. Perché doveva cambiare

Storia di una fine: il giornale (greco) per i greci di Istanbul sta per morire

L’agonia di Apoyevmatini, una volta organo influente della comunità dei greci di Turchia, ora stampato per solo 600 famiglie è il residuo di un mondo scomparso

Tutti si sono dimenticati di Joseph Kony e del suo Lord's Resistance Army

Ci fu un tempo in cui il tema dominò i media. Ora, dopo la guerra civile in Sud Sudan, l’ebola e le atrocità di Boko Haram se lo sono scordato tutti