Blog di

di Linda Finardi

Giornalismo e il potere di comunicare con twitter

Blog post del 1/04/2012

Ha ancora senso la figura del giornalista quale intermediario e “diffusore” di notizie ora che sempre più i “social” – e in modo particolare twitter – permettono un’informazione in tempo reale da tutti a tutti?

Se nel passato il giornalista deteneva un minimo di potere nel costruire e confezionare l’informazione e quindi un minimo di potere di veicolare significati e cultura, perché faceva da tramite tra politica e opinione pubblica, oggi tale ruolo sembra venire meno di fronte all’accesso e all’uso facile e di massa ai social network.

Twitter, diventato luogo e strumento dell’informazione in tempo reale, mette ulteriormente in discussione la tradizionale forma gerarchica dei mezzi di comunicazione e quindi il loro relativo potere di influenzare e orientare la società. E’ l’epoca questa dell’autocomunicazione di massa (Manuel Castells, "Comunicazione e potere") una situazione dove tutti comunicano con tutti in modo multi e pluri direzionale. E che fine fanno i giornalisti in questa situazione?

Prendiamo l’esempio dell’hastagh del 26 marzo #direzionePD, il titolo dell’incontro a porte chiuse in cui si sono riuniti dirigenti e rappresentanti del Pd per discutere dei problemi del paese.
Un tempo il giornalista aveva il compito di farsi raccontare cosa succedeva in questi contesti e l’attenzione dell’opinione pubblica era rivolta al giornalista che raccontava i fatti.

Nel caso citato i politici presenti all’incontro hanno direttamente twittato dal proprio telefonino informazioni su cosa stava succedendo sotto i loro occhi. Non solo l’incontro a porte chiuse è diventato pubblico, incrinando il tradizionale confine tra politica e società civile, ma i politici si sono trasformati anch’essi in “citizen reporter”, in informatori dal potere aumentato dalle possibilità date dalla Rete.

Per capire i motivi per cui i politici adottando questo nuovo ruolo bisognerebbe approfondire, ma è anche vero che il politico da sempre è anche un comunicatore quindi questo uso sempre più massiccio da parte loro dei social non dovrebbe stupire. Tanto più se si pensa che il potere della comunicazione in rete di cui parla Castells è legato alla personalizzazione della comunicazione e alla persona che lancia il messaggio, il cui grado di influenza dipende più dalla sua reputazione che dal suo ruolo, più dalla sua capacità di rendersi visibile che dai valori e interessi che riesce a veicolare.

Il potere di attrazione dei politici pare aumentare notevolmente per coloro che utilizzano i social network e soprattutto di trovare meno filtri e quindi meno ostacoli nel suo esercizio. Il twitter-politico bypassa testate, agenzie e giornalisti, diventa politico e giornalista, ufficio stampa di sé stesso

RESTA AGGIORNATO
Iscriviti per non perdere gli articoli e i post del giorno.
Acccetto le condizioni sulla privacy

BREAKING NEWS

Gentiloni: dobbiamo ridiscutere Dublino, altrimenti dovremo ridiscutere Schengen

Il ministro degli Esteri a Cernobbio: dobbiamo essere portatori di valori di civiltà, il Mediterraneo è un’opportunità

Draghi: pronti a estendere il Quantitative easing oltre il 2016 se necessario

La Bce aumenta la quota di titoli acquistabili in una singola emissione e abbassa le stime su inflazione e Pil

Mafia Capitale, la procura verso il 'no' per il patteggiamento di Buzzi

I pm dovrebbero dare parere negativo alla nuova richiesta avanzata dai difensori del 'ras' delle coop

Smemoranda 

I negativi di maicol&mirco

Maicol & Mirco, filosofia, scarabocchi, fumetto, negativi, smemoranda

Uomini e donne: le differenze su come organizzano il tempo

Nel corso degli anni compiti e specializzazioni di uomini e donne sono cambiati. Dal 1965 al 2011 c’è stata una rivoluzione, ma non è ancora finita

Google fornisce tutte le risposte. Ora fa anche le domande

Con la funzione "fun facts" si potrà scoprire una serie di fatti strani o poco noti che il motore di ricerca pesca da tutti i siti indicizzati

L’isola speciale per accogliere i migranti

La proposta shock del miliardario Sawiris: «Ne compro una e la uso per accogliere i rifugiati. Lì potranno stare al sicuro e lavorare»

“L’uomo che ripara le donne”, il film che il Congo non vuol far vedere

Racconta la storia di un medico che si dedica a casi di abuso e violenza contro le donne. La maggior parte compiuti da soldati

PRESI DAL WEB

Dieci regole pratiche per evitare le morti in discoteca

Le ha messe in fila l’Espresso. La prima regola è l’idratazione, poi servono sale di decompressione, etilometri e buttafuori formati a identificare i malori

L’endorsement di Putin a Blatter: "Meriterebbe il premio Nobel"

Il presidente russo elogia il capo della Fifa (dimissionario, ma non dimissionato). "Sarebbe stato corrotto? Non ci credo", dice Putin