Blog di

di Linda Finardi

Giornalismo e il potere di comunicare con twitter

Blog post del 1/04/2012

Ha ancora senso la figura del giornalista quale intermediario e “diffusore” di notizie ora che sempre più i “social” – e in modo particolare twitter – permettono un’informazione in tempo reale da tutti a tutti?

Se nel passato il giornalista deteneva un minimo di potere nel costruire e confezionare l’informazione e quindi un minimo di potere di veicolare significati e cultura, perché faceva da tramite tra politica e opinione pubblica, oggi tale ruolo sembra venire meno di fronte all’accesso e all’uso facile e di massa ai social network.

Twitter, diventato luogo e strumento dell’informazione in tempo reale, mette ulteriormente in discussione la tradizionale forma gerarchica dei mezzi di comunicazione e quindi il loro relativo potere di influenzare e orientare la società. E’ l’epoca questa dell’autocomunicazione di massa (Manuel Castells, "Comunicazione e potere") una situazione dove tutti comunicano con tutti in modo multi e pluri direzionale. E che fine fanno i giornalisti in questa situazione?

Prendiamo l’esempio dell’hastagh del 26 marzo #direzionePD, il titolo dell’incontro a porte chiuse in cui si sono riuniti dirigenti e rappresentanti del Pd per discutere dei problemi del paese.
Un tempo il giornalista aveva il compito di farsi raccontare cosa succedeva in questi contesti e l’attenzione dell’opinione pubblica era rivolta al giornalista che raccontava i fatti.

Nel caso citato i politici presenti all’incontro hanno direttamente twittato dal proprio telefonino informazioni su cosa stava succedendo sotto i loro occhi. Non solo l’incontro a porte chiuse è diventato pubblico, incrinando il tradizionale confine tra politica e società civile, ma i politici si sono trasformati anch’essi in “citizen reporter”, in informatori dal potere aumentato dalle possibilità date dalla Rete.

Per capire i motivi per cui i politici adottando questo nuovo ruolo bisognerebbe approfondire, ma è anche vero che il politico da sempre è anche un comunicatore quindi questo uso sempre più massiccio da parte loro dei social non dovrebbe stupire. Tanto più se si pensa che il potere della comunicazione in rete di cui parla Castells è legato alla personalizzazione della comunicazione e alla persona che lancia il messaggio, il cui grado di influenza dipende più dalla sua reputazione che dal suo ruolo, più dalla sua capacità di rendersi visibile che dai valori e interessi che riesce a veicolare.

Il potere di attrazione dei politici pare aumentare notevolmente per coloro che utilizzano i social network e soprattutto di trovare meno filtri e quindi meno ostacoli nel suo esercizio. Il twitter-politico bypassa testate, agenzie e giornalisti, diventa politico e giornalista, ufficio stampa di sé stesso

RESTA AGGIORNATO
Iscriviti per non perdere gli articoli e i post del giorno.
Acccetto le condizioni sulla privacy

BREAKING NEWS

Alfano: Frontex Plus sostituirà Mare Nostrum

Il ministro dell’Interno ha annunciato che la missione allargata dell'Agenzia europea per la protezione delle frontiere, è pronta a partire

L’Onu denuncia: «Isis recluta bambini di 10 anni»

Secondo una commissione di inchiesta Onu ogni venerdì la popolazione sarebbe costretta ad assistere a esecuzioni di massa.

Incidente di frontiera, artiglieria Israele spara su esercito siriano

L’esercito di Israele ha aperto il fuoco contro l’esercito siriano in seguito ad un incidente di frontiera. La reazione dopo colpi di mortaio dalla Siria

Bachelor of Arts in Lingua, letteratura e civiltà italiana

Cinque regole di etichetta per i viaggiatori in aereo

La classe economica è più stretta e scomoda: non peggioriamo il volo con brutti comportamenti
SHARE

Baghdad sfida l’ISIS e riapre il Museo Nazionale

Era una grande istituzione: fu saccheggiata nel 2003 e poi chiusa. Adesso riapre, tra molti timori
SHARE

La tavola periodica dello storytelling

Tutti i trucchi e le componenti della narrazione raccolti insieme e spiegati voce per voce
SHARE

Cosa è meglio fare dopo aver bevuto un caffè

Di sicuro, dello sport. Ma a sorpresa anche una bella dormita. E poi altre, che non immaginate
SHARE
Quitaly Compra la raccolta dei reportage di Quit su Amazon e Ibs.it

PRESI DAL WEB

Così Jeff Bezos ha cambiato il Washington Post

A un anno dall’acquisizione da parte di Mister Amazon tante cose sono cambiate

Gli jihadisti che comprano “Islam for Dummies” su Amazon sono davvero radicali?

Il mito dell’Islam estremista si appoggia sull’idea che i terroristi siano devoti. Ma non è detto: spesso la jihad viene fatta per altri motivi

Il primo sorriso della storia dell’umanità

Perché il sorriso, la risata e il pianto si somigliano? Perché provengono tutti dalla medesima radice