Blog di

di Beppe Roncari

Berlusconi è come Lost

Blog post del 23/07/2012

REALTÀ

 

Berlusconi è come Lost, dopo 2, massimo 3 stagioni, non ha più niente da dire.

 

[LOST_in_Berlusca]

Immagine: http://aiuto.blogsome.com/2006/04/04/lost-in-transmission/

 

Il popolare serial TV era iniziato davvero bene, era appassionante, misterioso, e soprattutto con un passo adrenalinico, che prometteva sempre nuove scoperte e nuove sorprese.

Purtroppo ebbe troppo successo, e il numero di stagioni previste per la serie venne drasticamente aumentato, costringendo gli sceneggiatori ad "allungare il brodino" e a introdurre personaggi usa-e-getta allo scopo di allungare innaturalmente la durata dello show.

E questo è tutto quello che ho da dire su un'eventuale ricandidatura di Berlusconi per il 2013: «Cavaliere! Lei non è il Tenente Colombo, che tutte le puntate erano uguali! Quello era un serial, la sua era una serie TV, che già da tempo è arrivata alla natura conclusione. Meglio pensare a uno spin-off, fosse pure "Alpha-no - Le cronache dell'antipolitica"».

 

 

 

COMMENTI /

Ritratto di Alessia Barbiero
Lun, 23/07/2012 - 14:10
Alessia Barbiero
Pericolosissimo paragone, Beppe! Lost a tanti, tantissimi fan, è piaciuto sino alla sesta stagione. E poi, se proprio vogliamo dirla tutta, Lost all'inizio qualcosa da dire (di interessante, affascinante e ipnotico) ce l'aveva, su B. non sono poi così tanto convinta... :D
SHARE
Ritratto di Beppe Roncari
Lun, 23/07/2012 - 14:17
GRoncari
<p>Ti do ragione, Alessia! Forse avrei dovuto paragonarlo a un&#39;altra serie... ma sono tutte dannatamente interessanti e non me ne veniva proprio una che stesse al paragone con il Silvio nazionale... forse tu hai un suggerimento a riguardo? Ciao! ;-)</p>
SHARE
Ritratto di carlomaria
Lun, 23/07/2012 - 22:55
carlomaria
<p> Caro Beppe, voto per Lost mi sembra molto azzeccata! A dire il vero mi piacerebbe trovarlo su uno dei tavoli chirurgici usati da Dexter ma questa &egrave; un&#39;altra maledetta storia. Poi mi dicono che sono cattivo. In realt&agrave; nessuno me lo ha mai detto... aspettiamo con ansia sia io sia Dexter che qualcuno si pronunci...:-) Tu non sai caro Beppe quante persone che ci metteremmo su quel tavolino. Sai mica dove siano Formigoni e Cicchitto?</p>
SHARE
Ritratto di Lellus
Lun, 20/08/2012 - 15:04
Lellus
a me Lost è piaciuto ed anche tanto. e se devo essere sincero le prime stagioni le ho trovate un po' pensantine, per poi perdere completamente la testa nelle ultime stagioni
SHARE
Ritratto di Anonimo
Ven, 20/09/2013 - 13:20
Anonimo
Il paragone non regge. Anche il suo riferimento alle prime stagioni... Le chiedo: c'è forse stata una fase di governo berlusconiana appassionante? Poteva benissimo paragonare Berlusconi ad una delle mille soap che ci propina la sua Mediaset: Beautiful, cento vetrine; oppure quei teatri crudeli che sono i reality e che, come Uomini e Donne, danno un imprinting malato alle nuove generazioni. È più azzeccato paragonare il cancro televisivo a quello della politica. Ma LOST no! E soprattutto: La battuta ad ogni costo NO. Perché vede, a volte, pur di fare la battuta, si rischia di andare su terreni molto difficili ed accidentati. Se siamo costretti a scrivere il nostro articoletto, aspettiamo che si accenda la famosa lampadina di Archimede. Non facciamolo avventatamente. Tutto ciò che si scrive resta.
SHARE
RESTA AGGIORNATO
Iscriviti per non perdere gli articoli e i post del giorno.
Acccetto le condizioni sulla privacy

Ridere con Truth Facts, i fatti veri più veri del vero

Sono vignette che rappresentano situazioni proverbiali, verità note a tutti ma mai diffuse
SHARE

Un anno di CO2: cosa succede nei cieli della Terra

I viaggi dell’inquinamento atmosferico in una simulazione molto chiara della Nasa
SHARE

Altro che Gates: il più ricco della storia è lui

Si chiamava Mansa Musa. Regalava tanto oro che, passando per l’Egitto, fece crescere l’inflazione
SHARE

L’atlante dei Paesi felici e di quelli infelici

La sperequazione della ricchezza è un male, ma quella della felicità forse è anche peggio
SHARE
Quitaly Compra la raccolta dei reportage di Quit su Amazon e Ibs.it

PRESI DAL WEB

Indiane d’America: la storia oscura di donne dimenticate ma libere

Nessuno conosce, a parte Pocahontas, un nome di squaw famose. Eppure, prima della conquista, vivevano in società molto più egalitarie di quelle europee

Leonardo Di Caprio e Angelina Jolie: come l’Onu sceglie i suoi ambasciatori

Non tutte le celebrità possono rappresentare l’Organizzazione. È un mix di marketing e di politica do tu des

Messico: altri 31 studenti rapiti da uomini armati

Dopo l’uccisione dei 43 studenti di Iguala, lo stesso accade al villaggio vicino di Cocula