Blog di

di Serena Cappelli

510 euro per una bottiglia di vino. E se poi ti fa schifo?

Blog post del 13/08/2012

L’arte di degustare il vino non mi appartiene.
L’ho capito anni or sono, durante l’università, quando io e le mie amiche ci siamo iscritte ad un corso gratuito per studenti: quattro o cinque assaggi a botta alle sei del pomeriggio e tutto quello che ne abbiamo ricavato è stata una letterina d’amore, scritta ad un giovane e piacente viticoltore dopo l’ennesimo bicchierino. Va da sé che il profumo di siepe di bosso dopo una fine pioggerella in una tiepida giornata d’autunno non l’abbiamo mai sentito.
Giusto ieri ho avuto conferma che, nel febbraio del ’76, la musa del vino era in tutt’altre faccende affaccendata.

Visita ad uno dei millemila Châteaux a nord di Bordeaux, con conseguente degustazione. Provo il primo vino e, senza dubbio per una fortunata coincidenza, penso le stesse cose della guida: acido blablabla, tannini blablabla. Attacco il secondo – in teoria migliore – e dico al mio compagno, senza mezzi termini, “a me fa un po’ cagare”. Esco e scopro il prezzo della bottiglia: 95 euro.
Mentre mi congratulo con me stessa per il mio palato sopraffino, penso “però che fregatura, magari spendi cento euro e quei 75 cl non ti mandano nemmeno lontanamente in sollucchero”.

Va beh, già che ci sono, da vera intenditrice in un negozio di vini, decido di comprare i due articoli di maggior pregio – un quaderno con la foto di un cane travestito da Andy Warhol e un libro umoristico sul vino – e mi metto in coda alla cassa.
Lì scopro che il tizio davanti a me sta acquistando – volontariamente e senza nessuna pistola puntata alla tempia – una magnum di Châteausailcavolo da 510 euro e io mi dico che, ok, un vino da 510 euro nella mia bocca sarebbe come dare perle ai porci, ma – mi chiedo – tale vino è veramente buono o ci si autoconvince che lo sia a causa del prezzo?
Agli intenditori l’ardua sentenza.

Non si parla di vino come di una pressa idraulica […] Il vino ha un suo vocabolario preciso, che dà un grande spazio alla poesia. E, di conseguenza, l’umanità si può classificare in due grandi famiglie. Quelli che sanno parlare del vino e quelli che non lo sanno fare. Ascoltiamo coloro che sono capaci […] Sanno che il vino non ha un odore, bensì degli aromi. Che non sono mai basici, ma evocano di volta in volta la freschezza dei mattini brumosi d’autunno, l’acidità di una caramella inglese […] Intanto quelli che non se sanno parlare hanno già finito il loro bicchiere. E ne domandano ancora, accontentandosi di dire “che è buono”. Quels cons!
(Petit Dictionnaire Absurde & Impertinent de la Vigne et du Vin, Jean-Pierre Gauffre)

bages
 

COMMENTI /

Ritratto di Anonimo sommelier
Lun, 13/08/2012 - 16:44
Anonimo sommelier
Io dai corsi di avviamento al vino ho ricavato un estremo interesse sulla materia, tanto che dopo qualche anno ho completato tutta la trafila di esami per diventare sommelier. Credo ne sia valsa la pena perché, a meno di lavaggi del cervello subiti durante i corsi o fenomeni di autosuggestione, ho imparato a capire i vini! Cordialmente
SHARE
Ritratto di Kan63
Lun, 13/08/2012 - 18:12
Kan63
Per lavoro passo la più parte del tempo in Francia e non riesco a capacitarmi di come mettano con indifferenza nelle carte dei vini bottiglie da 26€ vicino a bottiglie da 640€...(praticamente ti obbligano a indicare con il ditino per essere sicuri che non ti portino il Saint Emillion "sbaglato"). D'altronde mi ricorderó sempre il tono stupito con cui una collega mi chiedeva conferma se anche in Italia si produce del buon vino (ho dovuto spiegarle, ma forse non mi ha creduto, che produciamo anche vari tipi di formaggi!!!). Comunque quando si cena "in nota spese" la regola è chiara: il secondo meno caro (per starci dentro senza fare la figura di prendere il meno economico) della lista...
SHARE
Ritratto di Serena Cappelli
Lun, 13/08/2012 - 22:57
scappelli
@Anonimo Un po' ti invidio ;) @Kan63 ah ah giusto ieri sera la tipa di un ristorante ci ha fatto indicare col ditino il vino, che casualmente era proprio da 26 euro. E quella cosa del secondo meno caro è troppo vera ;) un saluto!
SHARE
RESTA AGGIORNATO
Iscriviti per non perdere gli articoli e i post del giorno.
Acccetto le condizioni sulla privacy

BREAKING NEWS

Mosca: non ci sarà un intervento militare in Ucraina

Il ministro degli Esteri russo chiede che i rappresentanti di Kiev e di Mosca discutano di un "cessate-il-fuoco immediato e senza condizioni"

Corea del Nord, lanciato un missile a corto raggio nel mar del Giappone

Continuano le tensioni tra la Corea del Nord e la Corea del Sud

Fra le macerie di Gaza una ricostruzione da 5 miliardi

La vita riprende fra case e negozi distrutti. Ma mancano i grandi donatori

Bachelor of Arts in Lingua, letteratura e civiltà italiana

Gli snack più antichi del mondo che ancora mangiamo

Dai pop corn fino ai salatini. Li mangiamo da sempre, ma sappiamo da dove vengono?
SHARE

Suggerimenti per costruire una memoria potentissima

Per molti la memoria è un problema, ma seguendo questi consigli potrete allenarla a dovere
SHARE

La nostra vita trasformata in un videogioco

Un software permette di riprodurre situazioni tipiche della quotidianità, per capire come agire
SHARE

Quindici modi per sconfiggere il jet-lag

Un problema per chi viaggia in posti lontani. Si deve dormire, ma si può fare anche di più
SHARE
Quitaly Compra la raccolta dei reportage di Quit su Amazon e Ibs.it

PRESI DAL WEB

Il reportage al tempo del marketing: il giornalismo di viaggio genera turismo

Sull’ascesa e il declino della narrativa di viaggio, che si è trasformata in narrativa di turismo: racconti nati per fare restyling e non informazione

La nuova macchina da soldi di Hollywood? Si chiama Youtube

Una volta le grandi aziende cinematografiche facevano causa al sito. Adesso, invece, ci scommettono sopra

Imparare una lingua? Significa imparare a recitare una nuova identità

Storia del difficile apprendimento del francese da parte di un madrelingua inglese: i progressi linguistici sono solo il segno dell'ingresso in un nuovo mondo