Blog di

di Serena Cappelli

510 euro per una bottiglia di vino. E se poi ti fa schifo?

Blog post del 13/08/2012

L’arte di degustare il vino non mi appartiene.
L’ho capito anni or sono, durante l’università, quando io e le mie amiche ci siamo iscritte ad un corso gratuito per studenti: quattro o cinque assaggi a botta alle sei del pomeriggio e tutto quello che ne abbiamo ricavato è stata una letterina d’amore, scritta ad un giovane e piacente viticoltore dopo l’ennesimo bicchierino. Va da sé che il profumo di siepe di bosso dopo una fine pioggerella in una tiepida giornata d’autunno non l’abbiamo mai sentito.
Giusto ieri ho avuto conferma che, nel febbraio del ’76, la musa del vino era in tutt’altre faccende affaccendata.

Visita ad uno dei millemila Châteaux a nord di Bordeaux, con conseguente degustazione. Provo il primo vino e, senza dubbio per una fortunata coincidenza, penso le stesse cose della guida: acido blablabla, tannini blablabla. Attacco il secondo – in teoria migliore – e dico al mio compagno, senza mezzi termini, “a me fa un po’ cagare”. Esco e scopro il prezzo della bottiglia: 95 euro.
Mentre mi congratulo con me stessa per il mio palato sopraffino, penso “però che fregatura, magari spendi cento euro e quei 75 cl non ti mandano nemmeno lontanamente in sollucchero”.

Va beh, già che ci sono, da vera intenditrice in un negozio di vini, decido di comprare i due articoli di maggior pregio – un quaderno con la foto di un cane travestito da Andy Warhol e un libro umoristico sul vino – e mi metto in coda alla cassa.
Lì scopro che il tizio davanti a me sta acquistando – volontariamente e senza nessuna pistola puntata alla tempia – una magnum di Châteausailcavolo da 510 euro e io mi dico che, ok, un vino da 510 euro nella mia bocca sarebbe come dare perle ai porci, ma – mi chiedo – tale vino è veramente buono o ci si autoconvince che lo sia a causa del prezzo?
Agli intenditori l’ardua sentenza.

Non si parla di vino come di una pressa idraulica […] Il vino ha un suo vocabolario preciso, che dà un grande spazio alla poesia. E, di conseguenza, l’umanità si può classificare in due grandi famiglie. Quelli che sanno parlare del vino e quelli che non lo sanno fare. Ascoltiamo coloro che sono capaci […] Sanno che il vino non ha un odore, bensì degli aromi. Che non sono mai basici, ma evocano di volta in volta la freschezza dei mattini brumosi d’autunno, l’acidità di una caramella inglese […] Intanto quelli che non se sanno parlare hanno già finito il loro bicchiere. E ne domandano ancora, accontentandosi di dire “che è buono”. Quels cons!
(Petit Dictionnaire Absurde & Impertinent de la Vigne et du Vin, Jean-Pierre Gauffre)

bages
 

COMMENTI /

Ritratto di Anonimo sommelier
Lun, 13/08/2012 - 16:44
Anonimo sommelier
Io dai corsi di avviamento al vino ho ricavato un estremo interesse sulla materia, tanto che dopo qualche anno ho completato tutta la trafila di esami per diventare sommelier. Credo ne sia valsa la pena perché, a meno di lavaggi del cervello subiti durante i corsi o fenomeni di autosuggestione, ho imparato a capire i vini! Cordialmente
SHARE
Ritratto di Kan63
Lun, 13/08/2012 - 18:12
Kan63
Per lavoro passo la più parte del tempo in Francia e non riesco a capacitarmi di come mettano con indifferenza nelle carte dei vini bottiglie da 26€ vicino a bottiglie da 640€...(praticamente ti obbligano a indicare con il ditino per essere sicuri che non ti portino il Saint Emillion "sbaglato"). D'altronde mi ricorderó sempre il tono stupito con cui una collega mi chiedeva conferma se anche in Italia si produce del buon vino (ho dovuto spiegarle, ma forse non mi ha creduto, che produciamo anche vari tipi di formaggi!!!). Comunque quando si cena "in nota spese" la regola è chiara: il secondo meno caro (per starci dentro senza fare la figura di prendere il meno economico) della lista...
SHARE
Ritratto di Serena Cappelli
Lun, 13/08/2012 - 22:57
scappelli
@Anonimo Un po' ti invidio ;) @Kan63 ah ah giusto ieri sera la tipa di un ristorante ci ha fatto indicare col ditino il vino, che casualmente era proprio da 26 euro. E quella cosa del secondo meno caro è troppo vera ;) un saluto!
SHARE
RESTA AGGIORNATO
Iscriviti per non perdere gli articoli e i post del giorno.
Acccetto le condizioni sulla privacy

BREAKING NEWS

Israele, almeno 4 morti in un attacco di colpi di mortaio da Gaza

Diversi i feriti. I colpi sono caduti nella zona di Eshkol

Africa, epidemia di Ebola: la Liberia chiude le frontiere

In quarantena le comunità colpite dall’epidemia

Calcio, lettera della Fifa: “la Figc indaghi sulle parole di Tavecchio”

La Federcalcio internazionale chiede "di adottare le misure appropriate per indagare e decidere sulla questione e riferire successivamente alla Fifa"

Un video che mostra se viene prima l’uovo o la gallina

Un corto romantico che racconta la storia di un maiale che ama le uova ma si innamora di una gallina
SHARE

Ecco le parole da non scrivere mai in una lettera

Per non annoiare chi vi legge, o rischiare di non essere chiari meglio cercare soluzioni alternative
SHARE

Capitali europee rappresentate con il cibo

L’idea di due fotografi che utilizzano il cibo per esprimere e condividere la loro creatività
SHARE
La macchina della verità

I siti per scoprire se questo articolo è stato copiato

Getty Images
Cinque programmi per trovare chi plagia: basta inserire un testo e iniziare la ricerca dei furbetti
SHARE
Quitaly Compra la raccolta dei reportage di Quit su Amazon e Ibs.it

PRESI DAL WEB

A governare meglio un Paese sono le persone con esperienza e le donne

Oltre l'80% degli americani ritiene che gli Stati Uniti sarebbero governati meglio da persone con esperienza sul lavoro o da donne

Le persone mattiniere sono più propense a mentire durante il pomeriggio

E lo fanno soprattutto nei confronti dei loro capi. Chi dorme poco di notte invece, potrebbe essere meno etico la mattina. La siesta pomeridiana è la soluzione

Così le società segrete riescono a sfuggire a Internet

Viaggio all’interno del processo di reclutamento dei leggendari club della New York University