Blog di

di Serena Cappelli

A cena con l’iPhone, ovvero il ménage à trois 2.0

Blog post del 19/08/2012
Parole chiave: 

Jules, Jim e Catherine ormai sono cosa vecchia.
Théo, Isabelle e lo studente americano Matthew, protagonisti del più recente The Dreamers, pure.
Il ménage à trois dell'era 2.0 è, allo stesso tempo, più semplice e più complicato.
Più complicato perché più tecnologico, diciamo più concettuale; più semplice perché, alla fine, il terzo non-incomodo è uno che non fa storie. Volendo, lo si può addirittura spegnere e questo particolare lo rende preferibile – una, due, mille volte – all'amante in carne e ossa.
Siamo stanchi di dedicargli le nostre attenzioni? Basta pigiare off e siamo liberi, tanto lui non si offende. Già, perché l'iPhone è così, è un bonaccione, non se la prende, non mette il muso, e – soprattutto – non ha bisogno di fiori e cioccolatini per ritrovare il sorriso.
Così ce lo portiamo a cena, a colazione, a letto, in spiaggia e coccoliamo – più o meno furtivamente a seconda dell'occasione – un po' lui e un po' l'umano che ci accompagna.
La versatilità del nostro, poi, non è da sottovalutare. E questi tre piccoli episodi – ebbene sì, io sono una che si fa in scioltezza i fatti degli altri – lo confermano.

Ménage à trois prima dell'outing
Colazione in un albergo di campagna. Lui e lei, teneri fidanzatini di Peynet, si scambiano sorrisi ed effusioni, con somma invidia della giovane donna del tavolo accanto che, mentre si ingozza di formaggio bianco e composta di mele, dice al suo compagno “Ecco vedi loro come si vogliono bene?”. Ma ogni volta che la fidanzatina si alza per andare a prendere qualcosa al buffet, la mano di lui molla in fretta e furia il croissant e corre amorevole ad accarezzare l'iPhone. E via, un sospiro di piacere, ancora clandestino, prima che lei torni.

Ménage à trois esteso: aggiungi un posto a tavola che c'è un amico in più
Cena in ristorantino di Biarritz. Tre ragazzi modello surfisti prendono posto nel tavolo accanto a quello di una giovane donna che, pur impegnata con anatra e vino, non manca di dire al suo compagno “Però, sono carini questi tre”. Solo che, a ben guardare, non sono tre, ma quattro: il posto del morto è occupato da lui, l'iPhone del Surfista Number One, protagonista indiscusso della serata. Tra un boccone e una toccatina al gingillo, un boccone e una toccatina al gingillo, i tre arrivano faticosamente al dessert. E quando la natura chiama, Surfista Number One risponde. Ovviamente si porta anche l'iPhone, forse per farsi tenere la borsetta.

Ménage à trois con serial killer
Cena in un ristorante basco praticamente vuoto. Una coppia sui cinquantacinque si accomoda e fa la sua ordinazione, mentre una giovane donna poco lontana mangia di gusto il suo piatto e dice al suo compagno “Tranquillo, dopo cerco sul vocabolario cosa stiamo mangiando, così capiamo cosa è”. La coppia si occupa per un attimo della cagnolina che li accompagna e poi sistema a tavola il terzo invitato, l'elegante e mai fuori posto iPhone. E lì scatta la tragedia, nel senso vero e proprio del termine: una sobria trasmissione su un serial killer di – credo – suore fa premurosamente da sottofondo fino al caffè.
Paura, eh? 

the dreamers

Parole chiave: 
RESTA AGGIORNATO
Iscriviti per non perdere gli articoli e i post del giorno.
Acccetto le condizioni sulla privacy

BREAKING NEWS

Legge di Stabilità, all’alba il Senato approva il maxiemendamento

Via libera da parte di Palazzo Madama alla fiducia posta dal governo. I voti favorevoli sono 162, i no sono 37, nessun astenuto

L'FBI ha formalmente accusato la Corea del Nord degli attacchi a Sony

Il comunicato stampa dell'FBI che accusa il governo nordcoreano di essere responsabile degli attacchi hacker contro Sony delle ultime settimane

Expo cerca oltre 5mila lavoratori per i padiglioni

Ricercati addetti alla vendita, receptionist, addetti alla sicurezza, sommelier

L’altra volta che Hollywood ha ucciso Kim Jong

Kim Jong-Il ucciso in Team America
In “Team America” gli autori di South Park avevano già ammazzato un leader nordcoreano: Kim Jong-Il
SHARE

Il sessismo spiegato ai bambini

«Gli uomini sono presidenti, le donne first ladies» e altri stereotipi di genere negli USA del 1970
SHARE

I miti sulle malattie invernali

Non è vero che l’alcol scalda e soprattutto non è vero che a uscire coi capelli bagnati ci si ammala
SHARE

Mettete matite nei vostri cannoni

Un cartone animato nordcoreano di propaganda per convincere i bambini che gli USA sono cattivi
SHARE
Quitaly Compra la raccolta dei reportage di Quit su Amazon e Ibs.it

PRESI DAL WEB

Jobs Act, verso un indennizzo di soli tre mesi per i nuovi assunti

Le anticipazioni del Corriere: tra i licenziamenti senza reintegro anche quelli per scarso rendimento. Non ci sarebbe copertura per l’Aspi per i collaboratori

L'addio di Napolitano: «Parlare di voto o di scissioni evoca l'instabilità»

Il saluto del presidente alle alte cariche dello Stato promuove il governo Renzi: «Procedere senza stop s