Quando fai parte di un gruppo di quattro splendide donne e due bambini classe 2009 e devi prendere un battello per Montisola, lago d’Iseo, sai che, potenzialmente, il tuo gruppo potrebbe essere il più fastidioso della barca. Non tanto per i due nanetti, quanto per te e le tue amiche: è il vostro incontro bimestrale, il momento in cui ognuna sviscera nel dettaglio tutte le sue questioni mentre le altre commentano, e il magico incantesimo del lago potrebbe venire spezzato in ogni momento da un “cosaaaa?”.

Ma no, hai fatto i conti senza l’oste. Perché dietro di te, seduto comodamente come fosse il signore delle acque, c’è lui, il supercafone. Pantaloni pinocchietto, maglietta in tessuto tecnico (leggi 100% acrilico), borsello perennemente a tracolla, sguardo da vassallo che rimira il suo feudo, lui si sente il padrone del mondo.
Credendosi brillante e spiritoso, ad ogni fermata – ripeto, ogni fermata – attacca con la solfa Schettino. Due minuti di inutili facezie (leggi scemate) sull’avvicinarsi alla riva, sull’andare a sbattere e bla bla bla. Senza contare le altre spiritosaggini tra una fermata e l’altra.
Perché il supercafone da traghetto non si limita a fare le battute, diciamo così, in famiglia. No, a lui piace farle sentire a tutti i passeggeri, si compiace di se stesso, non riesce a non pronunciare la parola “Schettino” ogni tre minuti.

Ti costringe inesorabilmente a detestarlo e a far correre la tua fervida immaginazione là dove non dovrebbe. Che fare, che fare per ridurlo al silenzio?
Strappare di mano a uno dei pargoli il martello giocattolo per picchiettarglielo sulla romana fronte?
Sollevarlo di peso per attaccarlo a prua a mo’ di polena, sperando in un frontale con una poiana in gita di piacere o in un improvviso balzo plastico di un luccio affamato che lo morda proprio là dove batte il borsello?
Fortunatamente, mentre stai pensando con bramosia a quell’affarino che hai visto in un certo museo di Volterra, il battello arriva alla tua fermata, che, ça va sans dire, è anche la sua.

E a quel punto, la tua amica Alessandra, che ha il tuo stesso livello di sopportazione del cafone adulto, ti guarda orripilata e ti fa: “Minimo ce lo ritroviamo come vicino di tavolo al ristorante”.
Invece no, fiuuuuuuuu, dopo la trecentotredicesima battuta su Schettino, lui scende – e qui ci sarebbe da chiedersi come mai le acque non si siano aperte al suo passaggio, costringendolo ad usare la passerella – e si perde nella folla.
E tu puoi goderti la giornata con quello schianto di donne che hai per amiche.

Piccola nota: l’espressione “schianto di”, che personalmente non usavo dagli anni 80, l’ho presa in prestito da un amico. Grazie.


 

COMMENTI /

Ritratto di db
Lun, 23/07/2012 - 13:47
db
Ma è vero, anche io come lei andando in Sardegna ne ho sentite di tutti i colori. E sempre a voce ben chiara. Chissà cosa passa per la testa della gente. Saluti Dino
SHARE
Ritratto di Jannis
Lun, 23/07/2012 - 18:43
Jannis
Ma quale supercafone. Questa è cafonaggine d'ordinanza.. Venga al Sud a vedere i SuperCafoni, quelli veri! O meglio, venga a Roma.
SHARE
Ritratto di Serena Cappelli
Lun, 23/07/2012 - 19:10
scappelli
@Jannis Accidenti, mi sta dicendo che qui ci dobbiamo accontentare? La prossima volta che vengo a Roma, terrò gli occhi ben aperti ;) un saluto! @db Già, chissà!
SHARE
Ritratto di Mr. B
Mer, 25/07/2012 - 11:12
Mr. B
Cara Serena hai proprio ragione di cafoni in giro ce ne sono tanti !! ma la cosa importante è sapere che al mondo ci sono ancora un sacco di schianto di donne che si divertono e che sono amiche con la A maiuscola. buona giornata :-)
SHARE
Ritratto di Serena Cappelli
Mer, 25/07/2012 - 12:10
scappelli
@Mr. B bel donnino, ti metteri un cuoricino, se non facesse troppo sdolcinato ;)
SHARE
Non aprite quelle porte
Parole chiave: 
RESTA AGGIORNATO
Iscriviti per non perdere gli articoli e i post del giorno.
Acccetto le condizioni sulla privacy

BREAKING NEWS

Ucraina, tregua pasquale appesa ad un filo

Putin: cittadinanza facile per i russofoni

Centinaia di sbarchi a Pozzallo. Torna l’emergenza nel Ragusano

In 800 salvati su due barconi. A Lampedusa un'altra carretta con 400 migranti. Il ministro Pinotti: l’Ue non scarichi i costi sull’Italia

Addio all'imprenditore Valletto, padre del domopak

Ex partigiano piemontese, portò nel mondo Cuki e Domopak. Aveva 95 anni

Le onde, un momento prima che ti travolgano

Immagini meravigliose e difficilissime scattate da Kenji Croman, che (è uno tra pochi) non ha paura
SHARE

Guida (proprio per tutti) alla decorazione delle uova

Un rituale dei giorni della Pasqua, molto adatto per chi ha bambini o nostalgie artistiche
SHARE

Pasqua, la rara coincidenza tra cattolici e ortodossi

Immagine tratta da Flickr: di Tobias Lindman
Le Chiese seguono calendari e sistemi di calcolo diversi, ma quest’anno la data è la stessa
SHARE

L’uomo che dipinge nel cielo delle città

L’artista francese Thomas Lamadieu quando guarda in cielo vede cose che nemmeno ci immaginiamo
SHARE

5x1000

PRESI DAL WEB

Ma il mostro di Lochness è vivo?

Una misteriosa ombra è stata immortalata utilizzando il satellite della Apple