Blog di

di Serena Cappelli

Nuove piaghe estive: il supercafone da battello post-Schettino

Blog post del 23/07/2012
Parole chiave: 

Quando fai parte di un gruppo di quattro splendide donne e due bambini classe 2009 e devi prendere un battello per Montisola, lago d’Iseo, sai che, potenzialmente, il tuo gruppo potrebbe essere il più fastidioso della barca. Non tanto per i due nanetti, quanto per te e le tue amiche: è il vostro incontro bimestrale, il momento in cui ognuna sviscera nel dettaglio tutte le sue questioni mentre le altre commentano, e il magico incantesimo del lago potrebbe venire spezzato in ogni momento da un “cosaaaa?”.

Ma no, hai fatto i conti senza l’oste. Perché dietro di te, seduto comodamente come fosse il signore delle acque, c’è lui, il supercafone. Pantaloni pinocchietto, maglietta in tessuto tecnico (leggi 100% acrilico), borsello perennemente a tracolla, sguardo da vassallo che rimira il suo feudo, lui si sente il padrone del mondo.
Credendosi brillante e spiritoso, ad ogni fermata – ripeto, ogni fermata – attacca con la solfa Schettino. Due minuti di inutili facezie (leggi scemate) sull’avvicinarsi alla riva, sull’andare a sbattere e bla bla bla. Senza contare le altre spiritosaggini tra una fermata e l’altra.
Perché il supercafone da traghetto non si limita a fare le battute, diciamo così, in famiglia. No, a lui piace farle sentire a tutti i passeggeri, si compiace di se stesso, non riesce a non pronunciare la parola “Schettino” ogni tre minuti.

Ti costringe inesorabilmente a detestarlo e a far correre la tua fervida immaginazione là dove non dovrebbe. Che fare, che fare per ridurlo al silenzio?
Strappare di mano a uno dei pargoli il martello giocattolo per picchiettarglielo sulla romana fronte?
Sollevarlo di peso per attaccarlo a prua a mo’ di polena, sperando in un frontale con una poiana in gita di piacere o in un improvviso balzo plastico di un luccio affamato che lo morda proprio là dove batte il borsello?
Fortunatamente, mentre stai pensando con bramosia a quell’affarino che hai visto in un certo museo di Volterra, il battello arriva alla tua fermata, che, ça va sans dire, è anche la sua.

E a quel punto, la tua amica Alessandra, che ha il tuo stesso livello di sopportazione del cafone adulto, ti guarda orripilata e ti fa: “Minimo ce lo ritroviamo come vicino di tavolo al ristorante”.
Invece no, fiuuuuuuuu, dopo la trecentotredicesima battuta su Schettino, lui scende – e qui ci sarebbe da chiedersi come mai le acque non si siano aperte al suo passaggio, costringendolo ad usare la passerella – e si perde nella folla.
E tu puoi goderti la giornata con quello schianto di donne che hai per amiche.

Piccola nota: l’espressione “schianto di”, che personalmente non usavo dagli anni 80, l’ho presa in prestito da un amico. Grazie.


 

Parole chiave: 

COMMENTI /

Ritratto di db
Lun, 23/07/2012 - 13:47
db
Ma è vero, anche io come lei andando in Sardegna ne ho sentite di tutti i colori. E sempre a voce ben chiara. Chissà cosa passa per la testa della gente. Saluti Dino
SHARE
Ritratto di Jannis
Lun, 23/07/2012 - 18:43
Jannis
Ma quale supercafone. Questa è cafonaggine d'ordinanza.. Venga al Sud a vedere i SuperCafoni, quelli veri! O meglio, venga a Roma.
SHARE
Ritratto di Serena Cappelli
Lun, 23/07/2012 - 19:10
scappelli
@Jannis Accidenti, mi sta dicendo che qui ci dobbiamo accontentare? La prossima volta che vengo a Roma, terrò gli occhi ben aperti ;) un saluto! @db Già, chissà!
SHARE
Ritratto di Mr. B
Mer, 25/07/2012 - 11:12
Mr. B
Cara Serena hai proprio ragione di cafoni in giro ce ne sono tanti !! ma la cosa importante è sapere che al mondo ci sono ancora un sacco di schianto di donne che si divertono e che sono amiche con la A maiuscola. buona giornata :-)
SHARE
Ritratto di Serena Cappelli
Mer, 25/07/2012 - 12:10
scappelli
@Mr. B bel donnino, ti metteri un cuoricino, se non facesse troppo sdolcinato ;)
SHARE
RESTA AGGIORNATO
Iscriviti per non perdere gli articoli e i post del giorno.
Acccetto le condizioni sulla privacy

BREAKING NEWS

Legge di stabilità, arrivata la lettera Ue che chiede chiarimenti all’Italia

Sul tavolo del governo i rilievi tecnici che la Commissione ha sollevato sulla manovra

Bibeau, l’attentatore di Ottawa era un «viaggiatore a rischio»

Già noto alla polizia, a luglio gli era stato ritirato il passaporto perché considerato elemento pericoloso e pronto ad unirsi alle forze armate in Iraq e Siria

Elena Ceste è morta, la conferma dal DNA: il suo corpo ritrovato nell'astigiano

La donna, mamma di quattro bambini, era scomparsa da casa lo scorso 24 gennaio

Ebola, i rischi per chi ama viaggiare

Chi gira per il mondo è spaventato, ma sbaglia: le probabilità del contagio sono molto basse
SHARE

Il primo film per i diritti dei gay è del 1919

"Diverso dagli altri" è stato distrutto dai nazisti. Resta solo l’estratto di un documentario
SHARE

Quanto è cambiata la frutta da quando l’uomo la coltiva

L’anguria era più piccola di una prugna, il mais lungo un dito. Gli organismi sono stati modificati
SHARE

Paura in miniatura: il film horror più corto di sempre

Si intitola “Tuck Me In”, racconta la storia di un padre e di un figlio, e dura meno di un minuto
SHARE
Quitaly Compra la raccolta dei reportage di Quit su Amazon e Ibs.it

PRESI DAL WEB

Pechino, Mr. Facebook sorprende tutti: intervento in mandarino

Mark Zuckerberg protagonista di un Domanda&Risposta in lingua all'Università Tsinghua a Pechino

Il grande panico per Ebola: siamo sicuri che il rischio non sia sopravvalutato?

L’hanno addirittura definita "l’emergenza sanitaria dei tempi moderni"

Il sogno di Nietzsche si avvera: gli uomini super-intellgenti stanno arrivando

L’ingegneria genetica permetterà di creare gli esseri umani più inteliigenti che siano mai esistiti