Blog di

di Serena Cappelli

Nuove piaghe estive: il supercafone da battello post-Schettino

Blog post del 23/07/2012
Parole chiave: 

Quando fai parte di un gruppo di quattro splendide donne e due bambini classe 2009 e devi prendere un battello per Montisola, lago d’Iseo, sai che, potenzialmente, il tuo gruppo potrebbe essere il più fastidioso della barca. Non tanto per i due nanetti, quanto per te e le tue amiche: è il vostro incontro bimestrale, il momento in cui ognuna sviscera nel dettaglio tutte le sue questioni mentre le altre commentano, e il magico incantesimo del lago potrebbe venire spezzato in ogni momento da un “cosaaaa?”.

Ma no, hai fatto i conti senza l’oste. Perché dietro di te, seduto comodamente come fosse il signore delle acque, c’è lui, il supercafone. Pantaloni pinocchietto, maglietta in tessuto tecnico (leggi 100% acrilico), borsello perennemente a tracolla, sguardo da vassallo che rimira il suo feudo, lui si sente il padrone del mondo.
Credendosi brillante e spiritoso, ad ogni fermata – ripeto, ogni fermata – attacca con la solfa Schettino. Due minuti di inutili facezie (leggi scemate) sull’avvicinarsi alla riva, sull’andare a sbattere e bla bla bla. Senza contare le altre spiritosaggini tra una fermata e l’altra.
Perché il supercafone da traghetto non si limita a fare le battute, diciamo così, in famiglia. No, a lui piace farle sentire a tutti i passeggeri, si compiace di se stesso, non riesce a non pronunciare la parola “Schettino” ogni tre minuti.

Ti costringe inesorabilmente a detestarlo e a far correre la tua fervida immaginazione là dove non dovrebbe. Che fare, che fare per ridurlo al silenzio?
Strappare di mano a uno dei pargoli il martello giocattolo per picchiettarglielo sulla romana fronte?
Sollevarlo di peso per attaccarlo a prua a mo’ di polena, sperando in un frontale con una poiana in gita di piacere o in un improvviso balzo plastico di un luccio affamato che lo morda proprio là dove batte il borsello?
Fortunatamente, mentre stai pensando con bramosia a quell’affarino che hai visto in un certo museo di Volterra, il battello arriva alla tua fermata, che, ça va sans dire, è anche la sua.

E a quel punto, la tua amica Alessandra, che ha il tuo stesso livello di sopportazione del cafone adulto, ti guarda orripilata e ti fa: “Minimo ce lo ritroviamo come vicino di tavolo al ristorante”.
Invece no, fiuuuuuuuu, dopo la trecentotredicesima battuta su Schettino, lui scende – e qui ci sarebbe da chiedersi come mai le acque non si siano aperte al suo passaggio, costringendolo ad usare la passerella – e si perde nella folla.
E tu puoi goderti la giornata con quello schianto di donne che hai per amiche.

Piccola nota: l’espressione “schianto di”, che personalmente non usavo dagli anni 80, l’ho presa in prestito da un amico. Grazie.


 

Parole chiave: 

COMMENTI /

Ritratto di Serena Cappelli
Lun, 23/07/2012 - 19:10
scappelli
@Jannis Accidenti, mi sta dicendo che qui ci dobbiamo accontentare? La prossima volta che vengo a Roma, terrò gli occhi ben aperti ;) un saluto! @db Già, chissà!
SHARE
Ritratto di Serena Cappelli
Mer, 25/07/2012 - 12:10
scappelli
@Mr. B bel donnino, ti metteri un cuoricino, se non facesse troppo sdolcinato ;)
SHARE
RESTA AGGIORNATO
Iscriviti per non perdere gli articoli e i post del giorno.
Acccetto le condizioni sulla privacy

BREAKING NEWS

Sondaggio Bloomberg: l’81% dei greci vuole restare nell’Euro

Sul referendum di domenica 5 luglio, il Paese diviso a metà

Tremonti-Finmeccanica, il Senato: «All’epoca dei fatti non era ministro»

Palazzo Madama rigetta la tesi del reato ministeriale ipotizzata dalla Procura di Milano: «Siamo incompetenti sul caso». La palla torna a Palazzo di Giustizia

Istat: tasso di disoccupazione fermo al 12,4%

Calano gli occupati. Disoccupazione giovanile scende solo dello 0,1% fermandosi a quota 41,5%

Smemoranda 

I negativi di maicol&mirco

Maicol&Maicol

La campagna turistica pro-Tunisia, per far dimenticare la paura

Dopo gli attacchi al Bardo e al resort di Sousse le prenotazioni sono crollate. La Tunisia è in difficoltà. E c’è chi reagisce così

Quando per vedere l’Inferno di Dante si andava al cinema

Fu il primo vero lungometraggio (muto) italiano. Tema classico, ma con alcune variazioni. Fu un successo epocale

La storia tragica dell’uomo che non volle salutare Hitler

Accadde in occasione dell’inaugurazione di una nave. A tenere le braccia conserte fu August Landmesser, e aveva i suoi buoni motivi

Non solo riconoscimento facciale: Facebook saprà chi siete anche di spalle

Il nuovo algoritmo, ancora in fase sperimentale, ha dato risultati convincenti. Su 40mila immagini, ha azzeccato l’83%. Privacy a rischio?

PRESI DAL WEB

Varoufakis: «Votate No, con l’accordo nessuna possibilità di ripresa»

L’intervista all’australiana LNL ABC Radio National: «I ministri europei negano la democrazia», «le proposte sono state fatte apposta per essere rifiutate»

L’Economist: Renzi non sopravviverebbe alla Grexit, Italia a rischio contagio

Il settimanale aggiorna le previsioni: lo spread tornerà alto e farà saltare le misure di stimolo del 2016. A rischio il fragile equilibrio del governo Renzi

Una proposta per il dopo Expo 2015: un CyberParco per la Cyber Security

Nasce un comitato no profit per il destino delle aree dell'esposizione universale