Blog di

di Serena Cappelli

Obama meglio di Romney per fronteggiare gli alieni

Blog post del 29/06/2012
Parole chiave: 

Vista la cronaca recente, il pericolo di un'invasione aliena non è da sottovalutare. A chi non è capitato di girare un film hard solo perché dei simpatici ometti dotati di antenne non avevano di meglio da fare che impiantarci un chip sottopelle, con l'unico scopo di annientare la nostra volontà e farci indossare delle improbabili parrucche colorate?
Bisogna difendersi, costi quel che costi!

E la capacità di affrontare gli alieni sembra, per lo meno nei gloriosi Stati Uniti d'America, una qualità fondamentale per essere un buon presidente.
Secondo uno studio condotto dal canale televisivo del National Geographic, infatti, pare che un terzo degli americani creda all'esistenza degli extraterrestri. E questo ci sta, mica saremo soli in tutto l'universo!
La cosa interessante è che due su tre pensano che Obama sia più quotato per affrontare un attacco alieno rispetto a Romney. Cosa non di poca importanza per un presidente che si rispetti, visto che un americano su dieci è convinto di aver visto un ufo.

Obama meglio di Romney, quindi - e va bene - ma che fare in caso di reale attacco?
Niente panico, basta chiamare un supereroe. Meglio Hulk, secondo i nostri compari d'oltreoceano, ma, in caso di estrema necessità, vanno bene anche Batman e Spiderman. Superman no, per chiaro conflitto di interessi.

E in Italia?
In Italia il problema, semplicemente, non si pone: anche se un paio di alieni coraggiosi si sono messi a trafficare nel porno con una starlette nostrana, gira voce che è meglio girare alla larga dai nostri confini. Già, perché Giacobbo è sempre in agguato: una mossa sbagliata e zac!, tu, povero alieno, ti ritrovi a fare l'opinionista a Voyager. E non sia mai che ti tocchi pure confessare di quella volta che, in preda ad un art attack, ti sei messo a disegnare tutti quei cerchi nel grano. 

Parole chiave: 

COMMENTI /

Ritratto di Paola carniglia
Ven, 29/06/2012 - 22:09
Paola carniglia
Serena, mi fai morire....come sempre!!!troppo forte!! Ciao Paola
SHARE
Ritratto di Serena Cappelli
Sab, 30/06/2012 - 01:00
scappelli
Grazie Paola! :-)
SHARE
Ritratto di ionico-ionico-ionico-ionico
Sab, 30/06/2012 - 14:24
ionico-ionico-ionico-ionico
Ma come fai?! nessuno è mai riuscito, nella storia della letteratura italiana, a collegare il porno, l'america, gli ufo e Giacobbo. una sola parola: eccezionale! alla prossima. un tuo lettore affezionato
SHARE
Ritratto di Serena Cappelli
Sab, 30/06/2012 - 15:49
scappelli
@ionico Più moussaka per tutti!
SHARE
RESTA AGGIORNATO
Iscriviti per non perdere gli articoli e i post del giorno.
Acccetto le condizioni sulla privacy

BREAKING NEWS

Aereo scomparso, TV algerina: schiantato in Niger

Era partito dal Burkina Faso e doveva atterrare ad Algeri. Se ne erano perse le tracce 50 minuti dopo il decollo

Esercito egiziano sventa attentato contro kibbutz israeliano

Ucciso un kamikaze che tentava di infilarsi nella zona di Kerem Shalom

Il segreto per realizzare dei noodles perfetti

Il fondatore di una fabbrica di noodles spiega come è riuscito a farcela dove altri hanno fallito
SHARE

L’infografica definitiva sulle lingue parlate al mondo

Tutte le risposte a quello che vi siete sempre chiesti (sull’argomento in questione) le trovate qui
SHARE

Cosa fare se qualcuno vi punta una pistola alla fronte

Una situazione che non auguriamo a nessuno, sia chiaro. Ma può capitare: ecco come cavarsela
SHARE

Il mistero del volo degli stormi in cielo

Come fanno rondini e/o storni a muoversi in stormi? Lo spiega uno scienziato americano
SHARE
Quitaly Compra la raccolta dei reportage di Quit su Amazon e Ibs.it

PRESI DAL WEB

Miti e bufale sul disastro aereo della Malaysia Airlines

La storia dell'olandese che all'ultimo non è salito sui due voli malesi "maledetti" non sarebbe vera

Taxi ed Ncc, due mondi destinati all’integrazione

Un paper dell’Istituto Bruno Leoni indica la soluzione dello scontro fra autisti di (ex) auto gialle e auto blu

Pena di morte in Arizona, due ore di agonia per un condannato

Il detenuto rantolava e ansimava. Ed è polemica negli Stati Uniti per i farmaci utilizzati negli ultimi casi di esecuzioni finite male.