Blog di

di Serena Cappelli

Una quattordicenne americana dichiara guerra alle foto ritoccate

Blog post del 17/05/2012

Julia Bluhm – 14 anni, dal Maine – ha deciso di fare la guerra alle foto ritoccate. Stanca di vedere modelle scolpite a colpi di Photoshop sulla sua rivista preferita, ha inviato una petizione agli uffici newyorkesi di Seventeen, chiedendo che, almeno una volta al mese, vengano pubblicate foto di ragazze normali, come lei e come tutte le altre (vulnerabili) adolescenti.
L'azione di Julia sta avendo un fortissimo impatto mediatico, la petizione ha già raggiunto le settantamila firme e la ragazza spera che la sua proposta venga adottata non solo da Seventeen, ma anche da altre riviste del settore.

Me lo auguro anche io. E, per non cadere nella retorica, ripropongo solo le foto di un cartellone che si vedeva un po' di tempo fa nella metropolitana milanese.

È la pubblicità di una palestra che invita le donne a “pretendere di più”. Questo di più, secondo il manifesto, è un culetto sodo, la confezioncina perfetta a cui tutte dovremmo ambire.
La scritta in pennarello, aggiunta da una mano sconosciuta, recita così: “Sì, pretendiamo di più! Di riprenderci il nostro corpo femminile, maschile, ma non commerciale! Che la creatività dei pubblicitari abbandoni questa banalità. Che nessuno si lamenti se imbratto col pennarello qualcosa che imbratta la nostra dignità”.

RESTA AGGIORNATO
Iscriviti per non perdere gli articoli e i post del giorno.
Acccetto le condizioni sulla privacy

BREAKING NEWS

Pensioni, il governo annuncia i rimborsi: interessate 3,7 milioni di persone

Rimarrà escluso chi guadagna più di 3.200 euro lordi. Ad agosto una tantum da 278 a 750 euro. Dal 2016 rivalutazione da 60 a 180 euro. Spesa di 2,18 miliardi

Smemoranda

I negativi di maicol&mirco

Maicol&Maicol

 

Bellezze di guerra: quando le donne si dipingevano le calze

In Inghilterra, durante la Seconda Guerra Mondiale il nylon venne razionato. Le donne decisero di rimanere belle lo stesso, con un trucco

Come funziona il linguaggio del corpo: un’antologia

Voce, occhi, braccia e gambe: con il corpo diciamo tutto, anche ciò che non vorremmo. E regaliamo informazioni

Sì al progresso: quanto era difficile lavare i panni nel XIX secolo

Normali operazioni di ogni giorno, un tempo, erano di una difficoltà immensa. Cosa che si dimentica ogni volta chi contesta l’innovazione

Anche le donne pensano: storia delle filosofe dimenticate

La storia della filosofia occidentale è una lista di nomi di uomini. E le donne? Dimenticate, oscurate: per invidia e per noncuranza

PRESI DAL WEB

Cristiano Ronaldo ha donato 7 milioni di euro ai bambini del Nepal?

La notizia è stata riportata dal magazine francese So Foot, ma non ci sono ancora conferme da Save The Children

Migranti, la svolta dell'Ue: "Tutti gli Stati membri obbligati ad accoglierli”

Su la Repubblica la bozza della nuova Agenda della Commissione: via libera all'affondamento dei barconi e aiuti ai paesi di origine