Blog di

di Angelo M. D’Addesio

Chelsea e Corinthians: destini incrociati ed un trionfo dal sapore italiano

Blog post del 6/07/2012

E’ uno strano destino quello che ha voluto Chelsea e Corinthians, due società di due sobborghi rispettivamente di Londra e S. Paolo, per la prima volta al vertice del loro continente. Due storie lontane, con molti opposti e qualche piccola cosa in comune che si incroceranno quasi sicuramente nel prossimo Mondiale per Clubs a Tokyo.

Da un lato il Corinthians, nato nel 1910 dall'idea di cinque modesti operai Joaquim Ambrogio, Carlos da Silva, Rafael Perrone, Antonio Pereira e Anselmo Correia che riunirono otto ragazzi che giocavano a pallone, dopo aver assistito all’esibizione di una ormai estinta squadra di Londra, il Corinthian, appunto, di cui assunse nome e divisa. Fu già allora una sfida lanciata ai sudditi di Sua Maestà, visto che il calcio in Brasile agli inizi del secolo scorso era un sport d'elite per immigrati di discendenza britannica, ma senza una squadra di Londra oggi a S. Paolo non festeggerebbe nessuno. 

Dall'altro lato il Chelsea, la squadra nata nel 1905 dall’idea di un miliardario, tal Gus Mears, nel quartiere di Fulham dove già esisteva un’altra squadra ben presto soppiantata dall’ingombrante presenza dei Blues e dove Mary Quant inventò la minigonna e personaggi come Oscar Wilde e Kate Moss hanno abitato, oggi gestito da un magnate russo e che, altro paradosso, è una delle squadre europee più seguite in Brasile, tanto da avere un sito ufficiale per i fan brasiliani (chelseabrasil.com) e decine di altri organizzati da blogger e tifosi.

E naturalmente non poteva mancare in entrambe una goccia di sangue italiano, che è quella dei due protagonisti che li hanno portati al successo. Roberto Di Matteo, nato in Svizzera, ma italianissimo giunto quasi per caso nella panchina principale del Chelsea nel pieno della crisi del club, dopo l’esonero di Villas Boas ed Adenor Leonardo Bacchi, nonni originari di S. Felice sul Panaro in provincian di Modena, due motivatori abilissimi capaci di risvegliare stelle come Didier Drogba ed Emerson Sheik entrambi classe ’78 ed in partenza dopo il culmine della carriera.

Ed a Tokyo potrebbero esserci anche due ex presidenti, Lula ex presidente brasiliano tifosissimo del Corinthians che ha già fatto sapere di voler essere presente in un’ipotetica finale e Bill Clinton, ex presidente Usa, inserito fra i tifosi d’onore del club inglese e chissà che il fascino calcistico non abbia influito anche sulla scelta del nome da dare alla figlia.

                                    
 

RESTA AGGIORNATO
Iscriviti per non perdere gli articoli e i post del giorno.
Acccetto le condizioni sulla privacy

BREAKING NEWS

La Camera boccia l’emendamento della Lega sulle toghe

Riguardava la responsabilità civile dei magistrati

Kiev chiede altri 2 miliardi di prestiti all’Europa

Gazprom vuole da Kiev il pagamento del debito di 3,1 mld di dollari per riprendere a rifornirla di gas

Sblocca Italia "in salita" alla Camera

Domani sara' all' esame dell'aula di Montecitorio. Lo ha deciso la conferenza dei capigruppo,ma l'appuntamento potrebbe anche saltare

Paura in miniatura: il film horror più corto di sempre

Si intitola “Tuck Me In”, racconta la storia di un padre e di un figlio, e dura meno di un minuto
SHARE

Andare in vacanza a vedere le bombe

Le immagini di Lipsky disturbano: verrà un tempo in cui la calamità sarà solo un fatto estetico?
SHARE

Il metodo per mantenere a lungo l’attenzione necessaria

Spesso ci si distrae quando meno sarebbe opportuno, per mancanza di energia. Ecco un trucco
SHARE

Aziona anche tu la macchina della nostalgia

Basta un clic e ci si ritrova nel passato, a inseguire i ricordi e risentire antiche emozioni
SHARE
Quitaly Compra la raccolta dei reportage di Quit su Amazon e Ibs.it

PRESI DAL WEB

Il progetto di Putin di spartirsi l’Ucraina con la Polonia

Fece la proposta nel 2008: “L’Ucraina”, diceva, “è un Paese artificiale”

Come le scuse in pubblico diventano uno strumento di potere e privilegio

Non è più una difficoltà da superare, sempre di più le pubbliche scuse sono la strategia di difesa di ricchi e potenti

L’arbitro Rocchi “confessa”: “Juve-Roma? Sul rigore di Maicon ho sbagliato

“Dispiace che la mia prestazione non sia stata ottimale, da questo punto di vista potevo fare meglio“