Blog di

di Angelo M. D’Addesio

Chelsea e Corinthians: destini incrociati ed un trionfo dal sapore italiano

Blog post del 6/07/2012

E’ uno strano destino quello che ha voluto Chelsea e Corinthians, due società di due sobborghi rispettivamente di Londra e S. Paolo, per la prima volta al vertice del loro continente. Due storie lontane, con molti opposti e qualche piccola cosa in comune che si incroceranno quasi sicuramente nel prossimo Mondiale per Clubs a Tokyo.

Da un lato il Corinthians, nato nel 1910 dall'idea di cinque modesti operai Joaquim Ambrogio, Carlos da Silva, Rafael Perrone, Antonio Pereira e Anselmo Correia che riunirono otto ragazzi che giocavano a pallone, dopo aver assistito all’esibizione di una ormai estinta squadra di Londra, il Corinthian, appunto, di cui assunse nome e divisa. Fu già allora una sfida lanciata ai sudditi di Sua Maestà, visto che il calcio in Brasile agli inizi del secolo scorso era un sport d'elite per immigrati di discendenza britannica, ma senza una squadra di Londra oggi a S. Paolo non festeggerebbe nessuno. 

Dall'altro lato il Chelsea, la squadra nata nel 1905 dall’idea di un miliardario, tal Gus Mears, nel quartiere di Fulham dove già esisteva un’altra squadra ben presto soppiantata dall’ingombrante presenza dei Blues e dove Mary Quant inventò la minigonna e personaggi come Oscar Wilde e Kate Moss hanno abitato, oggi gestito da un magnate russo e che, altro paradosso, è una delle squadre europee più seguite in Brasile, tanto da avere un sito ufficiale per i fan brasiliani (chelseabrasil.com) e decine di altri organizzati da blogger e tifosi.

E naturalmente non poteva mancare in entrambe una goccia di sangue italiano, che è quella dei due protagonisti che li hanno portati al successo. Roberto Di Matteo, nato in Svizzera, ma italianissimo giunto quasi per caso nella panchina principale del Chelsea nel pieno della crisi del club, dopo l’esonero di Villas Boas ed Adenor Leonardo Bacchi, nonni originari di S. Felice sul Panaro in provincian di Modena, due motivatori abilissimi capaci di risvegliare stelle come Didier Drogba ed Emerson Sheik entrambi classe ’78 ed in partenza dopo il culmine della carriera.

Ed a Tokyo potrebbero esserci anche due ex presidenti, Lula ex presidente brasiliano tifosissimo del Corinthians che ha già fatto sapere di voler essere presente in un’ipotetica finale e Bill Clinton, ex presidente Usa, inserito fra i tifosi d’onore del club inglese e chissà che il fascino calcistico non abbia influito anche sulla scelta del nome da dare alla figlia.

                                    
 

RESTA AGGIORNATO
Iscriviti per non perdere gli articoli e i post del giorno.
Acccetto le condizioni sulla privacy

BREAKING NEWS

Ucraina, esplosione fuori dal Parlamento: almeno 15 feriti

Le bombe lanciate da un gruppo di manifestanti

È morto Oliver Sacks

Il neurologo autore de “L'uomo che scambiò sua moglie per un cappello” aveva 82 anni

Netanyahu in Italia: "Pagate troppe tasse", e spiega la curva di Laffer

Il siparietto del primo ministro israeliano a Expo: su un foglio spiega la politica usata da Tel Aviv per tornare a crescere

Smemoranda 

I negativi di maicol&mirco

Maicol & Mirco, filosofia, scarabocchi, fumetto, negativi, smemoranda

Trucchi per non fare figuracce quando si viaggia per lavoro

Stringere mani non è sempre bene accetto. Il biglietto da visita può essere un tranello. Piccola guida ad accorgimenti importanti

La passione degli antichi per il six-pack

Gli addominali sono l’utopia del maschio contemporaneo. Lo era anche nell’antichità, ma non facevano nulla per scolpirsi: era controproducente

Le uniche due (o tre) cose da fare per avere successo

Contano nella vita e nel lavoro: migliorarsi ogni giorno e impegnarsi in più campi. Poi, ce ne sarebbe anche una terza

Disney, i film che non hanno mai fatto

Storie e favole che avrebbero potuto appassionare il pubblico. Ma che, per varie ragioni, non hanno mai visto la luce

PRESI DAL WEB

Dieci regole pratiche per evitare le morti in discoteca

Le ha messe in fila l’Espresso. La prima regola è l’idratazione, poi servono sale di decompressione, etilometri e buttafuori formati a identificare i malori

L’endorsement di Putin a Blatter: "Meriterebbe il premio Nobel"

Il presidente russo elogia il capo della Fifa (dimissionario, ma non dimissionato). "Sarebbe stato corrotto? Non ci credo", dice Putin