Blog di

di Angelo M. D’Addesio

Chi è Camila, l'ultima stella «italiana» del tennis a Londra per vendicare gli argentini

Blog post del 30/06/2012

Dopo Sarita, trionfatrice in doppio e finalista nel singolo a Roland Garros, italiana, ma spagnola per residenza, allenatore e passioni ecco Camila o «Camilita», n. 144 del mondo e con pochissimi tornei ATP di serie alle spalle, oggi al centro delle cronache per gli ottavi raggiunti al mitico Wimbledon e per una velenosa polemica tennistica e storica a metà fra Gran Bretagna ed Argentina.

Eppure Camila Giorgi, 20 anni, è italianissima, nata a Macerata dove suo padre è emigrato negli anni ’80 e dove ha iniziato a giocare a soli cinque anni, anche se tifa Boca Juniors, sogna di emulare Gabriella Sabatini più la Schiavone ed è di padre argentino e che padre! Sergio Giorgi è un veterano della Guerra per le Isole Falklands-Malvinas e convinto sostenitore della causa e dell’appartenenza argentina dell’arcipelago, che non ha mancato di esternare anche nel tempio inglese dello sport a trenta anni dalla dolorosa guerra che ha umiliato il paese sudamericano e causato circa 1.000 morti, una ferita riapertasi proprio in questi mesi fra i due paesi.

Logico dunque che media e tabloid inglesi concentrati a Londra abbiano colto l’occasione per ricordare a Sergio come la sua educazione militare ed il suo controllo possessivo sulla figlia le stia facendo perdere l’occasione di diventare una stella, come quando nel 2000 Nick Bollettieri le offrì un contratto per allenarsi e spostarsi negli Usa, categoricamente rifiutato dal padre-soldato. Sergio preferì indirizzarla verso tornei minori, tecnici rigorosamente di scuola ispanica, sicuramente qualificati come Pancho Alvariño, Jofre Porta (ex allenatore di Carlos Moya), Eric van Harpen (allenatore di Arantxa Sanchez Vicario. Conchita Martinez), per poi spostare la sua famiglia a Miami alla ricerca disperata di sponsor.

E poi la guerra dichiarata all’Associazione del Tennis Professionistico, che secondo Giorgi è la Mafia del Tennis che promuove un commercio di schiavi, soprattutto con i giocatori provenienti da paesi minori, con agenti e sponsor che ti costringono a tirare fuori premi e soldi per appoggio, al di là del talento. «Non voglio che mia figlia firmi questi contratti e si prostituisca, preferisco che non giochi», dichiarazioni che hanno privato Camila di wild card per i tornei maggiori e ne hanno ridotto le occasioni.

Camila è stata più forte di tutto, degli ostracismi, della morte della sorella nel 2011 ed oggi si gode l’approdo alla seconda settimana del torneo più chic e gli onori dei giornali della patria dei genitori che la seguono più di quelli italiani e si affida completamente al padre che, per la gioia di tutti gli argentini continua ad allenarla e rappresentarla e rifiuta i contatti sia con l’ATP che ha sede nell’odiata Londra che con la Federazione Italia di Tennis che la vorrebbe in Fed Cup mentre lui la vorrebbe stella di punta del tennis argentino, che però si ostina a non chiamarla.

«Nel tennis non hai bisogno di tattiche, solo di impegno, coraggio, mal di schiena. Se si continua a vincere gli occhi saranno tutti su di lei, ma se si perde è finita», parola di Sergio Giorgi il combattente per il quale la carriera tennistica della figlia è diventata una vendetta personale contro l’imperialismo britannico.

                                        
 

RESTA AGGIORNATO
Iscriviti per non perdere gli articoli e i post del giorno.
Acccetto le condizioni sulla privacy

BREAKING NEWS

Boko Haram decapita due prigionieri e ne fa un video

Effetto emulazione: anche l’organizzazione terroristica nigeriana segue l’esempio dell’Is

Arrestato Helg presidente Camera commercio di Palermo per estorsione

Bloccato ieri mentre intascava una tangente di 100mila euro da un ristoratore, affittuario di uno spazio dell’aeroporto, si era rivolto a lui per una proroga

Smemoranda

I negativi di maicol&mirco

Maicol&Maicol

Alcol & amore: quanto serve bere al primo appuntamento?

Secondo uno studio britannico - e anche secondo il buonsenso - non molto. Qui ci sono i dati precisi
SHARE

Come preparare la buona birra di una volta

Una ricetta sumera di 5mila anni fa spiega come fare la birra più antica del mondo. Sa di sidro
SHARE

Il business controverso delle banconote per i film

Produrre soldi falsi per il cinema è redditizio, ma può creare problemi con la legge (davvero)
SHARE

Perché i bus in ritardo arrivano tutti insieme

È il fenomeno del "bus bunching": i mezzi arrivano in gruppo. Così un servizio diventa un problema
SHARE

PRESI DAL WEB

Come nasce un capolavoro: il backstage del video di Razzi

Immagini rubate mostrano Antonio Razzi, sul lungomare di Pescara, mentre canta e balla per il suo videoclip "Famme cantà"

La politica non basta più, e Antonio Razzi diventa cantante, con "Famme cantà"

Il brano è una sorta di auto-presa in giro del discusso e discutibile politico, che riprende sue frasi diventate tormentoni e le mette in musica