Blog di

di Angelo M. D’Addesio

The Fiat Candidate

Blog post del 5/08/2011
Parole chiave: 

Smentite o no, a Sergio Marchionne la nostra leadership non piace e quale peso abbia nella politica italiana, un deficit di fiducia così grande non è dato sapere, perché in Italia tutto si disperde, Fiat compresa, ma altrove no. In Argentina il marchio Fiat ha una tale influenza che il suo parere può essere determinante non solo a livello industriale ma anche per capire chi possa essere il “suo candidato” ideale e quale occasione migliore del terzo grande appuntamento: le elezioni del governatore della provincia di Cordoba. Cordoba non è una provincia qualsiasi, ma il secondo distretto elettorale e produttivo del paese, ma soprattutto il primo nel settore della soia e delle automobili e la sua capitale è sostanzialmente la “Torino del Sudamerica”. Per capire quando abbia realmente chiuso Termini Imerese nei pensieri della Fiat da molto tempo, bisogna risalire al giugno 2008 quando una grande festa annunciava la ripresa della produzione nel grande stabilimento di Ferreyra, dopo che tre anni prima la Fiat aveva pianificato l’addio con 4800 operai a casa. Da allora un crescendo di investimenti: Magneti Marelli, Iveco, Fiat Auto che ha investito ad inizio anno 150 milioni di euro nel “Progetto 326” che ha portato alla produzione di 700 auto giornaliere e la New Holland che inizierà nei prossimi mesi la produzione di macchine agricole con 100 milioni di euro impegnati, in tutto 1000 nuovi posti di lavoro, non solo operai, anche designer e progettisti. Se fra i candidati ci fosse Cristiano Rattazzi, oggi presidente di Fiat Argentina, argentino puro, ma figlio di Susanna Agnelli e compagno di scuola di Montezemolo e Mario Draghi, vincerebbe a mani basse. Tuttavia fra i candidati c’è Manuel De La Sota che rappresenta il peronismo unito e non è un candidato “vicino” alla presidente Cristina ma entrambi sanno bene che per vincere hanno bisogno l’uno dell’altro: De La Sota, dell’appoggio di operai e sindacati vicini ai Kirchner e Cristina di un candidato moderato che “acchiappi” i colossi dell’auto. Già, perché non c’è solo Fiat: la Wolkswagen investirà nel distretto 155 milioni di dollari, Renault lancerà nel 2012 la Clio II low cost. Dallo Stato piovono finanziamenti, ecco perché De La Sota resta favorito al 35% con dieci punti sull’avversario socialista Luis Juez più vicino alle lobbies agricole della soia, sebbene il futuro dell’auto passi anche per l’agricoltura, e sul candidato radicale Oscar Aguad, appoggiato da Macri ex capo Sevel (leggasi Fiat), di dodici punti.    

Parole chiave: 
RESTA AGGIORNATO
Iscriviti per non perdere gli articoli e i post del giorno.
Acccetto le condizioni sulla privacy

BREAKING NEWS

Renzi a Catania, proteste: contatti tra polizia e manifestanti

Renzi a Catania, proteste: contatti tra polizia e manifestanti „Contatti tra polizia e manifestanti si sono registrati in via Vittorio Emanuele vicino al Duomo

Travaglio scarica Grillo e M5s: «Si sta suicidando, sembrano una setta»

«Il buon lavoro dei parlamentari pentastellati resta sullo sfondo»

M5s, Beppe Grillo lascia: «Sono stanchino, rimango garante»

Cinque persone si confronteranno con l'ex comico genovese

Robert Badinter, l’uomo che fermò la ghigliottina

Storia di un avvocato che decise di abolire la pena di morte in Francia, e di come ci riuscì
SHARE

Ridere con Truth Facts, i fatti veri più veri del vero

Sono vignette che rappresentano situazioni proverbiali, verità note a tutti ma mai diffuse
SHARE

Un anno di CO2: cosa succede nei cieli della Terra

I viaggi dell’inquinamento atmosferico in una simulazione molto chiara della Nasa
SHARE

Altro che Gates: il più ricco della storia è lui

Si chiamava Mansa Musa. Regalava tanto oro che, passando per l’Egitto, fece crescere l’inflazione
SHARE
Quitaly Compra la raccolta dei reportage di Quit su Amazon e Ibs.it

PRESI DAL WEB

Indiane d’America: la storia oscura di donne dimenticate ma libere

Nessuno conosce, a parte Pocahontas, un nome di squaw famose. Eppure, prima della conquista, vivevano in società molto più egalitarie di quelle europee

Leonardo Di Caprio e Angelina Jolie: come l’Onu sceglie i suoi ambasciatori

Non tutte le celebrità possono rappresentare l’Organizzazione. È un mix di marketing e di politica do tu des