Blog di

di Angelo M. D’Addesio

The Fiat Candidate

Blog post del 5/08/2011
Parole chiave: 

Smentite o no, a Sergio Marchionne la nostra leadership non piace e quale peso abbia nella politica italiana, un deficit di fiducia così grande non è dato sapere, perché in Italia tutto si disperde, Fiat compresa, ma altrove no. In Argentina il marchio Fiat ha una tale influenza che il suo parere può essere determinante non solo a livello industriale ma anche per capire chi possa essere il “suo candidato” ideale e quale occasione migliore del terzo grande appuntamento: le elezioni del governatore della provincia di Cordoba. Cordoba non è una provincia qualsiasi, ma il secondo distretto elettorale e produttivo del paese, ma soprattutto il primo nel settore della soia e delle automobili e la sua capitale è sostanzialmente la “Torino del Sudamerica”. Per capire quando abbia realmente chiuso Termini Imerese nei pensieri della Fiat da molto tempo, bisogna risalire al giugno 2008 quando una grande festa annunciava la ripresa della produzione nel grande stabilimento di Ferreyra, dopo che tre anni prima la Fiat aveva pianificato l’addio con 4800 operai a casa. Da allora un crescendo di investimenti: Magneti Marelli, Iveco, Fiat Auto che ha investito ad inizio anno 150 milioni di euro nel “Progetto 326” che ha portato alla produzione di 700 auto giornaliere e la New Holland che inizierà nei prossimi mesi la produzione di macchine agricole con 100 milioni di euro impegnati, in tutto 1000 nuovi posti di lavoro, non solo operai, anche designer e progettisti. Se fra i candidati ci fosse Cristiano Rattazzi, oggi presidente di Fiat Argentina, argentino puro, ma figlio di Susanna Agnelli e compagno di scuola di Montezemolo e Mario Draghi, vincerebbe a mani basse. Tuttavia fra i candidati c’è Manuel De La Sota che rappresenta il peronismo unito e non è un candidato “vicino” alla presidente Cristina ma entrambi sanno bene che per vincere hanno bisogno l’uno dell’altro: De La Sota, dell’appoggio di operai e sindacati vicini ai Kirchner e Cristina di un candidato moderato che “acchiappi” i colossi dell’auto. Già, perché non c’è solo Fiat: la Wolkswagen investirà nel distretto 155 milioni di dollari, Renault lancerà nel 2012 la Clio II low cost. Dallo Stato piovono finanziamenti, ecco perché De La Sota resta favorito al 35% con dieci punti sull’avversario socialista Luis Juez più vicino alle lobbies agricole della soia, sebbene il futuro dell’auto passi anche per l’agricoltura, e sul candidato radicale Oscar Aguad, appoggiato da Macri ex capo Sevel (leggasi Fiat), di dodici punti.    

Parole chiave: 
RESTA AGGIORNATO
Iscriviti per non perdere gli articoli e i post del giorno.
Acccetto le condizioni sulla privacy

BREAKING NEWS

Serie A: vola l'Inter, tonfo Napoli, frena la Fiorentina

La sfida di San Siro col Sassuolo finisce 7-0 con tripletta di Icardi. Chievo corsaro al San Paolo con Maxi Lopez

Giorgio Fontana ha vinto il Premio Campiello

Il giovane scrittore ha trionfato con il romanzo "Morte di un uomo felice". Sul podio Michele Mari e Mauro Corona

I gol di Juventus-Udinese 2-0

Vittoria ieri sera per i campioni d'Italia, al debutto casalingo: di Tevez e Marchisio le reti

Come imparare un discorso a memoria senza errori

Un metodo antico come il mondo, o almeno come i discorsi pubblici, raccontato in un’infografica
SHARE

Se non siete contenti della vostra vita, cambiatela

Ed ecco come: un metodo in tre passi per sbarazzarsi di vecchie abitudini e diventare virtuosi
SHARE

Il mistero svelato delle pietre mobili californiane

Nella Death Valley ci sono pietroni semoventi. Non si era mai capito come potesse succedere. Ora sì
SHARE

Il film palindromo, dove la fine è come l’inizio

Ma l’inizio non è come la fine: la narrazione segue schemi speculari ma risulta perfetta
SHARE
Quitaly Compra la raccolta dei reportage di Quit su Amazon e Ibs.it

PRESI DAL WEB

La nuova vita della realtà virtuale

Da sempre annunciata come "il futuro", questa rivoluzionaria tecnologia non si è mai imposta. Ora che Facebook ha comprato Oculus Vr le cose potrebbero cambiare

La questione delle frontiere aperte

Cosa succederebbe se si abbattessero tutte le frontiere del mondo?

L’intervento Usa è inutile: l’Isis non è economicamente sostenibile

Alla lunga il petrolio venduto sottobanco e le rapine non basteranno a reggere il sistema