Blog di

di Angelo M. D’Addesio

The Fiat Candidate

Blog post del 5/08/2011
Parole chiave: 

Smentite o no, a Sergio Marchionne la nostra leadership non piace e quale peso abbia nella politica italiana, un deficit di fiducia così grande non è dato sapere, perché in Italia tutto si disperde, Fiat compresa, ma altrove no. In Argentina il marchio Fiat ha una tale influenza che il suo parere può essere determinante non solo a livello industriale ma anche per capire chi possa essere il “suo candidato” ideale e quale occasione migliore del terzo grande appuntamento: le elezioni del governatore della provincia di Cordoba. Cordoba non è una provincia qualsiasi, ma il secondo distretto elettorale e produttivo del paese, ma soprattutto il primo nel settore della soia e delle automobili e la sua capitale è sostanzialmente la “Torino del Sudamerica”. Per capire quando abbia realmente chiuso Termini Imerese nei pensieri della Fiat da molto tempo, bisogna risalire al giugno 2008 quando una grande festa annunciava la ripresa della produzione nel grande stabilimento di Ferreyra, dopo che tre anni prima la Fiat aveva pianificato l’addio con 4800 operai a casa. Da allora un crescendo di investimenti: Magneti Marelli, Iveco, Fiat Auto che ha investito ad inizio anno 150 milioni di euro nel “Progetto 326” che ha portato alla produzione di 700 auto giornaliere e la New Holland che inizierà nei prossimi mesi la produzione di macchine agricole con 100 milioni di euro impegnati, in tutto 1000 nuovi posti di lavoro, non solo operai, anche designer e progettisti. Se fra i candidati ci fosse Cristiano Rattazzi, oggi presidente di Fiat Argentina, argentino puro, ma figlio di Susanna Agnelli e compagno di scuola di Montezemolo e Mario Draghi, vincerebbe a mani basse. Tuttavia fra i candidati c’è Manuel De La Sota che rappresenta il peronismo unito e non è un candidato “vicino” alla presidente Cristina ma entrambi sanno bene che per vincere hanno bisogno l’uno dell’altro: De La Sota, dell’appoggio di operai e sindacati vicini ai Kirchner e Cristina di un candidato moderato che “acchiappi” i colossi dell’auto. Già, perché non c’è solo Fiat: la Wolkswagen investirà nel distretto 155 milioni di dollari, Renault lancerà nel 2012 la Clio II low cost. Dallo Stato piovono finanziamenti, ecco perché De La Sota resta favorito al 35% con dieci punti sull’avversario socialista Luis Juez più vicino alle lobbies agricole della soia, sebbene il futuro dell’auto passi anche per l’agricoltura, e sul candidato radicale Oscar Aguad, appoggiato da Macri ex capo Sevel (leggasi Fiat), di dodici punti.    

Parole chiave: 
RESTA AGGIORNATO
Iscriviti per non perdere gli articoli e i post del giorno.
Acccetto le condizioni sulla privacy

BREAKING NEWS

Fumatore morì di tumore, 1 milione alla famiglia

Sentenza del Tribunale di Milano, condannata British American Tabacco

Tagliola sulle riforme, sit in dei grillini al Colle

Beppe Grillo: "Uccisa la democrazia". Il leader del M5S "accompagna" con un tweet il sit in di protesta dei suoi parlamentari al Quirinale

Aereo Air Algerie precipitato in Mali. La figlia di Raul Castro non era sul volo

A bordo dell'aereo c'erano 116 persone. Almeno 50 i francesi, 6 gli spagnoli, tutti membri dell'equipaggio

Come risultare interessanti in pochi semplici passi

Tutti i consigli tratti da un libro che suggerisce come migliorare il proprio appeal
SHARE

Il segreto per realizzare dei noodles perfetti

Il fondatore di una fabbrica di noodles spiega come è riuscito a farcela dove altri hanno fallito
SHARE

L’infografica definitiva sulle lingue parlate al mondo

Tutte le risposte a quello che vi siete sempre chiesti (sull’argomento in questione) le trovate qui
SHARE

Cosa fare se qualcuno vi punta una pistola alla fronte

Una situazione che non auguriamo a nessuno, sia chiaro. Ma può capitare: ecco come cavarsela
SHARE
Quitaly Compra la raccolta dei reportage di Quit su Amazon e Ibs.it

PRESI DAL WEB

Miti e bufale sul disastro aereo della Malaysia Airlines

La storia dell'olandese che all'ultimo non è salito sui due voli malesi "maledetti" non sarebbe vera

Taxi ed Ncc, due mondi destinati all’integrazione

Un paper dell’Istituto Bruno Leoni indica la soluzione dello scontro fra autisti di (ex) auto gialle e auto blu

Pena di morte in Arizona, due ore di agonia per un condannato

Il detenuto rantolava e ansimava. Ed è polemica negli Stati Uniti per i farmaci utilizzati negli ultimi casi di esecuzioni finite male.