Blog di

di Angelo M. D’Addesio

L'Uruguay sfida il mondo sulla legalizzazione delle droghe leggere

Blog post del 27/07/2012

Dimenticatevi l’Olanda paradiso delle libertà e guida mondiale sulla politica degli stupefacenti, con i suoi coffee-shop distributori di droghe leggere, giovani, hippies e perfino gente di alto bordo che bazzica le strade olandesi con i suoi buoni cinque grammi di marijuana nel taschino appena acquistati.

A Montevideo si prepara la rivoluzione epocale sul tema con la certezza di non fare gli stessi errori dell’Olanda. La nuova Olanda si chiama Uruguay, che dopo l’approvazione delle unioni civili fra omosessuali nel 2008 e l’imminente passaggio alla Camera dei deputati di un progetto di depenalizzazione dell’aborto, si prepara ad una nuova sfida, pur contestatissima dalla comunità internazionale: la legalizzazione di produzione, vendita e controllo delle droghe leggere.

Il presidente Mujica ha illustrato con tenacia in un’intervista telefonica il progetto nell’ambito di un più ampio pacchetto di misure sulla sicurezza pubblica, indicando come vero nemico il narcotraffico ed affermando che l’uso di marijuana è un «vizio sociale» e che la tossicodipendenza è un problema medico mentre il traffico di droga è un problema di polizia che sarebbe una chimera risolvere in termini di repressione continua. Una teoria convincente per buona parte del Parlamento ma osteggiata dal 60% della popolazione, perlopiù over 50 mentre solo il 38% l’ha appoggiata convintamente.

Se si pensa che in Uruguay i consumatori di droghe leggere sono il 5% della popolazione (solo per dare un’idea, meno della metà di Italia e Germania i paesi più proibizionisti d’Europa) e che in fondo il paese è uno dei più puliti del continente quanto a traffico di droga, la misura sembra più una mossa preventiva ed un invito al continente ed al mondo su un diverso approccio sulla problematica. Ma il timore dei contrari è la trasformazione del paese in un porto d’approdo per consumatori abituali come l’Olanda fino alla sua limitazione di vendita ai soli residenti.

Il paese sarebbe il primo al mondo in cui sarebbe consentito vendere e distribuire marijuana o direttamente allo Stato o attraverso le reti autorizzate dallo Stato, come ad esempio imprese private o di club associati al consumo di cannabis. Ai registrati di età superiore ai 18 anni verrebbe permesso un massimo di 40 sigarette di marijuana al mese, i consumatori che superino tale quantità saranno costretti a sottoporsi a trattamento riabilitativo, finanziato da imposte sulle vendite di marijuana, mentre la vendita di marijuana agli stranieri sarebbe vietata.

Lo scenario di totale sconfitta del proibizionismo e della lotta senza quartiere a livello continentale e mondiale ha convinto ancora di più il presidente. «Qualcuno deve essere il primo, perché stiamo perdendo la battaglia contro la droga ed il crimine nel continente. Lo faccio per i giovani, perché i modi tradizionali di affrontare questo problema hanno fallito»

 

RESTA AGGIORNATO
Iscriviti per non perdere gli articoli e i post del giorno.
Acccetto le condizioni sulla privacy

BREAKING NEWS

Pakistan, mega blackout nell’80% del Paese

Poco dopo la mezzanotte circa l’80% del territorio, compresa la capitale, è precipitato nel buio

Grecia, seggi aperti per le elezioni legislative

Il risultato potrebbe avere importanti ripercussioni politiche ed economiche sull'Unione Europea

Smemoranda

I negativi di maicol&mirco

tanti-figli

Cosa mangiate quando mangiate le patatine fritte

Un filmato mostra il processo produttivo delle patatine del McDonalds. Ci sono almeno 19 ingredienti
SHARE

Ansia e confusione, il punto di vista del soldato

Il punto di vista di un soldato durante un attacco militare
Il corto si chiama Confusion through Sand e mostra l’azione concitata di un attacco militare
SHARE

Le 36 domande per smettere di essere innamorati

Non sempre chiedere cose avvicina le persone. Anzi, spesso sapere di più può far finire la relazione
Bello l’amore, finché dura. Per evitare che finisca presto, mai (e poi mai) fare queste domande
SHARE

Isis e Arabia Saudita, sistemi penali a confronto

Sistemi penali a confronto: Isis e Arabia Saudita
Fanno impressione le punizioni dello Stato Islamico, ma anche a Riyad non scherzano
SHARE

PRESI DAL WEB

Studente turco espulso dall’Italia: "La soluzione è il paganesimo"

"Sono pronto a farmi esplodere davanti alle ambasciate". Per questi messaggi è stato iscritto nel registro degli indagati con l'accusa di procurato allarme

State of the Union: le parole usate dai presidenti americani nella storia

"Freedom" è recente, mentre "indiani" è scomparso. "Donne" si usa da pochi anni, e "Cina" ricorre a fasi alterne

Greta e Vanessa raccontate da vicino

La prigionia, la negoziazione, i “te le libero anche domani”. Il racconto di Daniele Raineri