Nuovo Mondo

Blog di

di Angelo M. D’Addesio

Umani contro alieni Atto III

Blog post del 30/07/2012

Da quando sono approdati con i loro Dream Team a Barcellona venti anni fa ed alieni come Michael Jordan, Larry Bird e Magic Johnson, mai avevano pensato di non essere più così extraterresti, ma soprattutto che gli umani più impensabili, né slavi, né russi, potessero addirittura batterli.

Dall’altro lato quel gruppo di umani, con cognome e secondo passaporto italiano, mai avrebbe pensato di appassionare ed esaltare un popolo di calciatori (e che calciatori da Kempes a Maradona e Messi) e di rugbisti, fermi con stupore un bel pomeriggio di fine agosto del 2004 ad assistere alla grande vittoria 89-81 in semifinale ad Atene contro il mitico Dream Team Usa, una squadra detentrice sino ad allora di dodici titoli olimpici su quattordici edizioni e mai perdente da quando i partecipanti non furono più universitari ma giocatori della massima lega professionistica. Gli argentini vinsero poi il titolo olimpico contro l’Italia.

Un’umiliazione, quella subita dalla selezione stelle e strisce, che venne vendicata quattro anni dopo a Pechino, sempre in semifinale, da un altro Dream Team con un Tim Duncan in meno ma un irrefrenabile Kobe Bryant in più che segnò 32 punti e trascinò con un pesantissimo passivo all’Argentina (101-81 ben 20 punti) la propria nazionale prima in finale e poi al ritorno alla vittoria olimpica contro la Spagna. Gli alieni erano tornati e si erano ripresi il territorio.

Oggi la storia si ripete, in un torneo che vede strafavorito il solito Dream Team Usa dove non ci sono più i miti che fecero sognare una generazione di sportivi di tutto il mondo, non più spettacolo, simpatia e vittoria, ma solo potenza ed anche un pizzico di presunzione, tanto che sono in tanti a definirsi alla pari con quello squadrone del 1992. E gli ostacoli più grandi vengono dalla Spagna, dalla Lituania ed ovviamente dall’Argentina che ha perso solo di sei punti in amichevole e nella prima partita ha suonato la sveglia, umiliando i lituani 102-79.

Per molti degli argentini e degli americani sarà l’ultima recita olimpica, ecco perché hanno voluto esserci tutti da Emanuel Ginobili, nonni marchigiani che lasciò l’Italia solo per l’NBA dove a detta di tutti gli esperti è diventato uno dei migliori stranieri della storia (dietro solo a Toni Kukoc e Vlade Divac) a Carlos Delfino che in Italia ha lasciato più del cuore, avendo sposato una ragazza di Cento che gli ha regalato due gemelli prima di recarsi a Londra e poi ancora Scola, Nocioni, Prigioni, Campazzo, tutti nipoti d’Italia e «Generazione dorata», diventata l’unico motivo per gli argentini per seguire le Olimpiadi organizzati dagli antipatici invasori britannici.

La «bella» a tutti gli effetti si disputerà già nel torneo eliminatorio, ma l’obiettivo degli argentini è duplice: far risuonare l’inno argentino in terra britannica, a mo’ di riscatto nazionalista e vincere storicamente contro gli Usa, dimostrando che non è stato solo un episodio e che gli alieni non esistono. Barack Obama ha promesso di esserci e chissà che la «presidenta» argentina Cristina Kirchner non abbandoni le velleità di boicottaggio diplomatico e venga a godersi lo spettacolo.
 

                                         

COMMENTI /

Ritratto di TheSte
Lun, 30/07/2012 - 17:44
TheSte
Dream team 1992: Bird, Jordan, Johnson, Pippen, Barkley, Stockton, Malone, Robinson e compagnia bella... Ma come possono pensare di essere più forti di quella squadra?!
SHARE
RESTA AGGIORNATO
Iscriviti per non perdere gli articoli e i post del giorno.
Acccetto le condizioni sulla privacy

BREAKING NEWS

Lucchini, firmato l'accordo di programma

Rossi: “250 milioni per Piombino”

Berlusconi: se passa la riforma del Senato l’Italicum è incostituzionale

Renzi «si è presentato come un simpatico rottamatore. Ora a poco a poco, si sta trasformando in un simpatico tassatore»

Crolla una croce dedicata a Wojtyla, muore un ragazzo di 21 anni

Il giovane è stato schiacciato dalla croce del Cristo Redentore realizzata in occasione della visita, nel 1998, di Giovanni Paolo II a Brescia

Tre trucchi usati dai pubblicitari per vendere di più

Sono raffinati strategemmi psicologici che tendono a mettere in buona luce il prodotto reclamizzato
SHARE

Tre bevande che (dicono) ti faranno perdere peso

Immagine tratta da Flickr @bertholf
Non sono i classici beveroni che fanno più male che bene: prodotti naturali per chi è in emergenza
SHARE

Innamorarsi a Pyongyang: la vita di coppia in Nordcorea

Come funzionano gli appuntamenti? Come ci si conosce? Quali ostacoli? Il racconto di un esiliato
SHARE

Cinque cose che forse non sapevate su Shakespeare

Nel giorno del suo compleanno che, e questa è la prima cosa, coincide con quello della sua morte
SHARE

5x1000

PRESI DAL WEB

Persone che leggono nella mente: come comunica chi resta in stato semivegetativo

Cercano, attraverso scansioni cerebrali di mettersi in contatto con chi è a metà tra la vita e la morte

Perché un libro di economia di oltre 700 pagine è diventato un bestseller

Thomas Piketty ha regalato alla sinistra americana una struttura solida dove coltivare le proprie idee

Come riportare in vita una foresta devastata

I grandi disastri di solito non hanno rimedio, la forza distruttiva dell’uomo ha modificato il paesaggio in modo radicale. Ma ora le cose possono cambiare