Blog di

di Angelo M. D’Addesio

Umani contro alieni Atto III

Blog post del 30/07/2012

Da quando sono approdati con i loro Dream Team a Barcellona venti anni fa ed alieni come Michael Jordan, Larry Bird e Magic Johnson, mai avevano pensato di non essere più così extraterresti, ma soprattutto che gli umani più impensabili, né slavi, né russi, potessero addirittura batterli.

Dall’altro lato quel gruppo di umani, con cognome e secondo passaporto italiano, mai avrebbe pensato di appassionare ed esaltare un popolo di calciatori (e che calciatori da Kempes a Maradona e Messi) e di rugbisti, fermi con stupore un bel pomeriggio di fine agosto del 2004 ad assistere alla grande vittoria 89-81 in semifinale ad Atene contro il mitico Dream Team Usa, una squadra detentrice sino ad allora di dodici titoli olimpici su quattordici edizioni e mai perdente da quando i partecipanti non furono più universitari ma giocatori della massima lega professionistica. Gli argentini vinsero poi il titolo olimpico contro l’Italia.

Un’umiliazione, quella subita dalla selezione stelle e strisce, che venne vendicata quattro anni dopo a Pechino, sempre in semifinale, da un altro Dream Team con un Tim Duncan in meno ma un irrefrenabile Kobe Bryant in più che segnò 32 punti e trascinò con un pesantissimo passivo all’Argentina (101-81 ben 20 punti) la propria nazionale prima in finale e poi al ritorno alla vittoria olimpica contro la Spagna. Gli alieni erano tornati e si erano ripresi il territorio.

Oggi la storia si ripete, in un torneo che vede strafavorito il solito Dream Team Usa dove non ci sono più i miti che fecero sognare una generazione di sportivi di tutto il mondo, non più spettacolo, simpatia e vittoria, ma solo potenza ed anche un pizzico di presunzione, tanto che sono in tanti a definirsi alla pari con quello squadrone del 1992. E gli ostacoli più grandi vengono dalla Spagna, dalla Lituania ed ovviamente dall’Argentina che ha perso solo di sei punti in amichevole e nella prima partita ha suonato la sveglia, umiliando i lituani 102-79.

Per molti degli argentini e degli americani sarà l’ultima recita olimpica, ecco perché hanno voluto esserci tutti da Emanuel Ginobili, nonni marchigiani che lasciò l’Italia solo per l’NBA dove a detta di tutti gli esperti è diventato uno dei migliori stranieri della storia (dietro solo a Toni Kukoc e Vlade Divac) a Carlos Delfino che in Italia ha lasciato più del cuore, avendo sposato una ragazza di Cento che gli ha regalato due gemelli prima di recarsi a Londra e poi ancora Scola, Nocioni, Prigioni, Campazzo, tutti nipoti d’Italia e «Generazione dorata», diventata l’unico motivo per gli argentini per seguire le Olimpiadi organizzati dagli antipatici invasori britannici.

La «bella» a tutti gli effetti si disputerà già nel torneo eliminatorio, ma l’obiettivo degli argentini è duplice: far risuonare l’inno argentino in terra britannica, a mo’ di riscatto nazionalista e vincere storicamente contro gli Usa, dimostrando che non è stato solo un episodio e che gli alieni non esistono. Barack Obama ha promesso di esserci e chissà che la «presidenta» argentina Cristina Kirchner non abbandoni le velleità di boicottaggio diplomatico e venga a godersi lo spettacolo.
 

                                         

COMMENTI /

Ritratto di TheSte
Lun, 30/07/2012 - 17:44
TheSte
Dream team 1992: Bird, Jordan, Johnson, Pippen, Barkley, Stockton, Malone, Robinson e compagnia bella... Ma come possono pensare di essere più forti di quella squadra?!
SHARE
RESTA AGGIORNATO
Iscriviti per non perdere gli articoli e i post del giorno.
Acccetto le condizioni sulla privacy

BREAKING NEWS

Delitto Kercher: i documenti sul rapporto tra Amanda e uno spacciatore di coca

Nuova pista nel giallo di Perugia: la Knox aveva amicizie molto pericolose

Cassa Depositi e prestiti ha approvato la vendita del 35% di Cdp Reti ai cinesi

Ceduto per un corrispettivo non inferiore a 2,101 miliardi di euro a State Grid International Development Limited

Come mantenere alta la produttività anche in estate

Qualche suggerimento utile per gestire al meglio i ritmi lavorativi durante la bella stagione
SHARE
La tabella

Caffeina killer: quanti caffè bisogna bere per morire?

Questo sito permette di calcolare in base al peso il numero di tazzine (o di tazze di tè) necessario
SHARE

Le app più usate che non consumano batteria

Facebook, Twitter e Youtube in versione "light" per durare a lungo con gli smartphone
SHARE

Un video che mostra se viene prima l’uovo o la gallina

Un corto romantico che racconta la storia di un maiale che ama le uova ma si innamora di una gallina
SHARE
Quitaly Compra la raccolta dei reportage di Quit su Amazon e Ibs.it

PRESI DAL WEB

Cina, la lotta del “Quotidiano del popolo” contro i cani: “moda occidentale”

Il giornale governativo parla di “infestazione” dovuta a “influenze occidentali”, e di “crescita allarmante” e si scaglia contro l’incuria dei padroni. Dal Wsj

Cameron taglia i benefit europei per migranti, bambini e disoccupati

Il primo ministro inglese lancia una stretta ai sussidi di disoccupazione per i migranti che si trasferiscono in Gran Bretagna

"L'Unità" chiude e per l'ultima copia il quotidiano di Gramsci va in bianco

La redazione della storica testata ex Pci sceglie di non compilare le pagine interne e di pubblicare un giornale quasi completamente senza testo