Blog di

di Iacopo Scaramuzzi

Paradossi lefebvriani

Blog post del 18/05/2012
Parole chiave: 

Più dell’oltranzismo, più della messa in latino, più dell’ambivalenza nei confronti della Sede di Pietro, i lefebvriani si sono distinti, nelle ultime settimane, per un’altra particolarità: l’arte del paradosso.

Il papa, innanzitutto, ha ingaggiato con i seguaci di Lefebvre uno strenuo negoziato dottrinale per riportarli in seno alla Chiesa cattolica e suturare uno scisma iniziato negli anni Ottanta. Tra i quattro vescovi tradizionalisti, però, volano gli stracci, e il Vaticano, nell’ultimo comunicato sulla telenovela lefebvriana, ha certificato la scissione interna. Con il risultato che, prevedibilmente, il superiore Bernard Fellay sarà il solo a rientrare in comunione con Roma. E lo scisma tradizionalista si concluderà con un meta-scisma ultra-tradizionalista. Secondo paradosso, i lefebvriani sono stati il principale banco di prova dell’idea cara a Benedetto XVI che il Concilio vaticano II non è stato una rottura della storia della Chiesa cattolica, ma una riforma nella continuità. Difficilmente, però, argomento è stato più divisivo del ritorno dei lefebvriani, facendo emergere, all’interno della Chiesa, rotture mai rimarginate dai tempi del Concilio, tra episcopati nazionali e Curia romana, tra progressisti e conservatori, tra chi tiene al rapporto con gli ebrei e chi no.

Tra gli stessi lefebvriani – ed è il terzo paradosso – è scoppiata una discussione violenta, solo in parte affiorata alla superficie della scena pubblica. Vescovi divisi, distretti nazionali in arme tra loro, il superiore contestato con veemenza, veleni carsici e accuse plateali degne di una riunione di condominio surriscaldata: per una fraternità sacerdotale tradizionalista, gerarchica, anti-conciliare a diffidente della democrazia, niente male. Infine – quarto paradosso – un gruppo aduso a liturgie pre-conciliari e ai paramenti tridentini, al latino e al clericalismo reazionario, si è scatenato in una battaglia su internet fatta di incursioni tempestive e cyber-rappresaglie, silenzi studiati e uso a tappeto di forum e blog, fughe di notizie a tradimento e mailing list di tamponamento. Un uso dei mezzi di comunicazione all’avanguardia degna del migliore agitprop. Al punto che il superiore della branca francese, l’abate Regis de Cacqueray, temendo l’esplosione della fraternità prima dell’accordo con Roma, ha proposto la “astinenza da internet”. Lo ha fatto pubblicando un comunicato accorato. Ovviamente, su internet.

Parole chiave: 
RESTA AGGIORNATO
Iscriviti per non perdere gli articoli e i post del giorno.
Acccetto le condizioni sulla privacy

BREAKING NEWS

Legge di Stabilità, via libera dall’Unione europea

A marzo 2015 ci sarà però un nuovo esame per Italia, Francia e Belgio

Codacons: bonus di 80 euro, nessun effetto sulle spese di Natale

La stima dell’associazione dei consumatori: “le famiglie ridurranno gli acquisti di Natale mediamente del -5% rispetto al 2013”

La scienza occulta dietro alla copertina dei libri

In un libro il testo non è tutto. Conta molto anche la copertina. Spesso è perfino la cosa migliore
SHARE

Istruzioni per stringere nuove amicizie anche da adulti

Matrimonio e carriera impediscono nuovi legami. Essere soli è più rischioso che essere fumatori
SHARE

Spiare l’intimità degli abitanti di Parigi

Una fotografa americana ha ripreso la vita privata di alcuni cittadini, catturando momenti unici
SHARE

La mappa che rivela quanto è rumorosa la tua città

Applicazioni e mappe di centri europei monitorano l’inquinamento acustico
SHARE
Quitaly Compra la raccolta dei reportage di Quit su Amazon e Ibs.it

PRESI DAL WEB

Come Barilla si è trasformata in un’azienda paladina dei diritti dei gay

Dopo l’uscita di Guido Barilla, la società ha finanziato associazioni gay, esteso programmi sanitari a transgender e usato una coppia lesbica in una promozione

Cosa pensano gli indiani che vanno a visitare Auschwitz

Riflessioni di un turista orientale di fronte a una delle pagine più oscure della storia dell’Occidente

Ritratto di Nick Sloane, l’uomo che salva le navi

Lo abbiamo conosciuto per il recupero della Costa Concordia al Giglio. Al momento, è uno degli uomini più preziosi del mondo del mare