Blog di

di Federico Iarlori

Il ministro Duflot, il suo vestitino e le mille facce del maschilismo

Blog post del 18/07/2012

Il ministro francese delle politiche abitative Cécile Duflot torna a far parlare di sé. No, questa volta non per cio' che dice - come era successo quando parlo' della liberalizzazione delle droghe leggere, - ma per come si veste. L'abitino a fiori che ha sfoggiato all'Assemblée Nationale durante il question time di martedi' scorso, infatti, ha sollevato qualche borbottio da parte di alcuni deputati dell'UMP, prontamente accusati di machismo dalla stampa d'Oltralpe.

Cosa volete che sia per noi italiani, mi verrebbe da dire. Noi che pensiamo subito che una bella donna siede in parlamento solo perché ci sa fare con il sesso orale; noi che, invece, quelle brutte - vedi il caso di Rosy Bindi - non perdiamo occasione per massacrarle sparando sulla Croce rossa; noi che possiamo vantarci di aver avuto un ex (per il momento) presidente del Consiglio capace di dare della "culona" alla cancelliera tedesca Angela Merkel. Insomma, Paese che vai, maschilismo che trovi.

Nonostante il caso francese - per quanto sorprendente - non mi fosse comunque sembrato degno di rimbalzare da un giornale all'altro, i parlamentari dell'UMP coinvolti in questo "scandalo machista" sono stati costretti dall'opinione pubblica a dare spiegazioni, o quantomeno a chiedere scusa. E cosi' le dichiarazioni vanno da un "non abbiamo fischiato, ma ammirato la bellezza del ministro" del deputato Patrick Balkany; a un "sarebbe stato lo stesso se si fosse trattato di un uomo con un cravatta arancione" del collega Laurent Waquiez.

Sarei quasi pronto a crederci. La polemica, in effetti, mi è sembrata alquanto esagerata, soprattutto considerando che questo caso potrebbe tranquillamente essere svincolato da una problematica di genere. Oltre ad essere già stata accusata dal deputato dell'UMP Nadine Morano - quindi da un'altra donna - per aver indossato un paio di jeans in occasione del Consiglio dei ministri, infatti, bisogna dire che la giovane ministro dei Verdi non è il primo caso di "razzismo da guardaroba" in Francia. L'illustre predecessore, infatti, non è una donna, bensi' l'ex ministro della cultura Jack Lang, che nel lontano 1985 ha dovuto sopportare qualche imbarazzante secondo di disapprovazione da parte dell'Assemblea per l'imperdonabile crimine di non aver indossato la cravatta.

 

 

 

 

Insomma, in Francia, forse, è solo questione di stile.

RESTA AGGIORNATO
Iscriviti per non perdere gli articoli e i post del giorno.
Acccetto le condizioni sulla privacy

BREAKING NEWS

Molestie sessuali su una minorenne: arrestato il teologo Paolini nelle Marche

45 anni, studioso di teologia molto noto negli ambienti nazionali per essere prodondo conoscitore del terzo segreto di Fatima

Roma, niente commissariamento. Approvato lo scioglimento per mafia di Ostia

È quanto è emerso dal Consiglio dei Ministri che aveva per oggetto le misure per il Giubileo straordinario

Virginia, il killer della reporter e del cameraman si sarebbe suicidato

Vester Lee Flanagan, dopo aver filmato e postato il video dell’omicidio si sarebbe tolto la vita

Smemoranda 

I negativi di maicol&mirco

Maicol & Mirco, filosofia, scarabocchi, fumetto, negativi, smemoranda

Tutti i pugni tirati da Jason Statham, raccolti in un video

L’attore britannico ed esperto di arti marziali non lesina violenza, ma a fin di bene, nei suoi film. Qui un ripasso per appassionati e non

Tecniche bizzarre: come salvarsi con i segnali di fumo

Un metodo per comunicare antico, ma che può essere sempre utile. Per salvarsi la vita, ad esempio, se ci si trova in situazioni estreme

I trucchi dei pubblicitari per far sembrare perfetti i cibi

Prodotti luccicanti, creme meravigliose, gelati resistenti. È un mondo fatato, ideale e inesistente, quello delle pubblicità degli alimenti

Cose per cui vale davvero la pena di preoccuparsi

Secondo Jared Diamond si sta in pensiero per le cose sbagliate. È bene pensare ai pericoli insiti nelle scale, nei marciapiedi e nella doccia

PRESI DAL WEB

Dieci regole pratiche per evitare le morti in discoteca

Le ha messe in fila l’Espresso. La prima regola è l’idratazione, poi servono sale di decompressione, etilometri e buttafuori formati a identificare i malori

L’endorsement di Putin a Blatter: "Meriterebbe il premio Nobel"

Il presidente russo elogia il capo della Fifa (dimissionario, ma non dimissionato). "Sarebbe stato corrotto? Non ci credo", dice Putin