Blog di

di Federico Iarlori

Il ministro Duflot, il suo vestitino e le mille facce del maschilismo

Blog post del 18/07/2012

Il ministro francese delle politiche abitative Cécile Duflot torna a far parlare di sé. No, questa volta non per cio' che dice - come era successo quando parlo' della liberalizzazione delle droghe leggere, - ma per come si veste. L'abitino a fiori che ha sfoggiato all'Assemblée Nationale durante il question time di martedi' scorso, infatti, ha sollevato qualche borbottio da parte di alcuni deputati dell'UMP, prontamente accusati di machismo dalla stampa d'Oltralpe.

Cosa volete che sia per noi italiani, mi verrebbe da dire. Noi che pensiamo subito che una bella donna siede in parlamento solo perché ci sa fare con il sesso orale; noi che, invece, quelle brutte - vedi il caso di Rosy Bindi - non perdiamo occasione per massacrarle sparando sulla Croce rossa; noi che possiamo vantarci di aver avuto un ex (per il momento) presidente del Consiglio capace di dare della "culona" alla cancelliera tedesca Angela Merkel. Insomma, Paese che vai, maschilismo che trovi.

Nonostante il caso francese - per quanto sorprendente - non mi fosse comunque sembrato degno di rimbalzare da un giornale all'altro, i parlamentari dell'UMP coinvolti in questo "scandalo machista" sono stati costretti dall'opinione pubblica a dare spiegazioni, o quantomeno a chiedere scusa. E cosi' le dichiarazioni vanno da un "non abbiamo fischiato, ma ammirato la bellezza del ministro" del deputato Patrick Balkany; a un "sarebbe stato lo stesso se si fosse trattato di un uomo con un cravatta arancione" del collega Laurent Waquiez.

Sarei quasi pronto a crederci. La polemica, in effetti, mi è sembrata alquanto esagerata, soprattutto considerando che questo caso potrebbe tranquillamente essere svincolato da una problematica di genere. Oltre ad essere già stata accusata dal deputato dell'UMP Nadine Morano - quindi da un'altra donna - per aver indossato un paio di jeans in occasione del Consiglio dei ministri, infatti, bisogna dire che la giovane ministro dei Verdi non è il primo caso di "razzismo da guardaroba" in Francia. L'illustre predecessore, infatti, non è una donna, bensi' l'ex ministro della cultura Jack Lang, che nel lontano 1985 ha dovuto sopportare qualche imbarazzante secondo di disapprovazione da parte dell'Assemblea per l'imperdonabile crimine di non aver indossato la cravatta.

 

 

 

 

Insomma, in Francia, forse, è solo questione di stile.

RESTA AGGIORNATO
Iscriviti per non perdere gli articoli e i post del giorno.
Acccetto le condizioni sulla privacy

BREAKING NEWS

Editoria, dal primo agosto l’Unità sospenderà le pubblicazioni

Il comunicato del cdr: “Dopo tre mesi di lotta ci sono riusciti: hanno ucciso l'Unità”

Juventus, Tevez, sequestrato il padre in Argentina

Il genitore adottivo dell'Apache è stato fermato da ignoti sulla sua auto a Moron. Chiesto il riscatto, non ci sono conferme sulla liberazione

Riforme, nessuna intesa: Sel non ritira gli emendamenti

Nulla di fatto, per ora, nella conferenza dei capigruppo del Senato convocata sul tema delle riforme

Le app più usate che non consumano batteria

Facebook, Twitter e Youtube in versione "light" per durare a lungo con gli smartphone
SHARE
Il mattino ha l’oro in bocca

Otto consigli per diventare mattinieri e produttivi

Dormite poco e male? Un problema. Per riposarsi serve cambiare abitudini, con drastica disciplina
SHARE

Un video che mostra se viene prima l’uovo o la gallina

Un corto romantico che racconta la storia di un maiale che ama le uova ma si innamora di una gallina
SHARE

Ecco le parole da non scrivere mai in una lettera

Per non annoiare chi vi legge, o rischiare di non essere chiari meglio cercare soluzioni alternative
SHARE
Quitaly Compra la raccolta dei reportage di Quit su Amazon e Ibs.it

PRESI DAL WEB

Le ultime parole di Giorgio Faletti: «Sono l'uomo più fortunato del mondo»

L'intervista a Roberta la moglie dello scrittore scomparso

Saveyourselfie, una campagna avverte: i troppi selfie vi faranno sparire

Il video diretto da Alessio Fava che con toni drammatici ma chiaramente ironici, mette in guardia dai 'rischi' dei selfie

Calcio, Tavecchio al finto Moggi: “Amico mio, me ne fanno di tutti i colori”

Nuovo scherzo realizzato dallo staff de “La Zanzara”, su Radio24, con l’imitatore Andro Merku, che stavolta, nei panni di un finto Luciano Moggi